Utente 244XXX
Salve Gentili Medici.
Soffro da molti anni di una ragade anale, a volte, piuttosto raramente, sanguinante, molto più spesso fastidiosa, con conseguente infiammazione anche della prostata, che si protrae finchè la ragade continua a dar fastidio, sicchè non ci sono dubbi che dipenda tutto da quello.
Sono stato oggi dal proctologo, la diagnosi è questa:
Ipertono sfinteriale, presenza di ragade anale ore 12 posizione genutopett..
Consiglio: Dilatan , Antrolin , semicupi, olio vaselina.

Il Medico ha detto che se faccio questa cura per un mesetto ho possibilità di guarigione, concordate? Poi mi dovrà rivedere tra un mese.
Antrolin lo prendo già da anni al bisogno, non ha specificato se lo devo prendere ogni giorno e quante volte al giorno. Che ne pensate?

L'olio di vaselina ho capito che devo prenderne un cucchiaino la sera per rendere più molli le feci. Devo aspettarmi che mi provochi diarrea o semplicemente una evacuazione più fluida?

I bidet devo farne penso un paio al giorno. meglio tiepidi immagino.

Ma veniamo al Dilatan. Confesso di esserne un pò intimorito. Il medico non ha spiegato granchè. Aprendo ci sono tre coni di grandezza diversa. Cosa devo fare? Comincio dal piccolo? E per quanti giorni? Dubito molto di poter mai arrivare a quello grande.
Secondo voi devo intiepidirli con acqua calda? Per quanti minuti e quante volte al giorno è consigliabile farli?

Infine...ritenete davvero che una tale cura dopo anni di ragade possa risolvere?
Cosa significa ipertono?
Scusate le molte domande ma se devo fare una cura un pò...invasiva, voglio essere ben sicuro di farla bene.
Grazie.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Tramite questo sito ed a distanza non commentiamo le terapie prescritte da altri colleghi.
Non potendo valutare le caratteristiche della sua ragade( acuta,cronica, etc) possiamo solo dirle che i farmaci ed i dispositivi che le sono stati consigliati rientrano in quelli utilizzati nella terapia della ragade anale, ma, se questi, sono o non sono i più indicati nel suo caso non possiamo assolutamente confermarlo.
Di solito si applica ogni 12 ore.
Non si richiede mai un effetto diarroico, ma solo di ammorbidire ed ungere le feci.
Preferibilmente prima di applicare la crema e sempre con acqua calda.
Per i dilatatori segua le istruzioni riportate nel bugiardino, questi sono fatti per essere riscaldati, si inizia sempre dal primo, per due tre giorni, poi si passa al più grande, ma sempre introducendo prima quello più piccolo per un minuto.
Non possiamo aggiungere altro perchè anche questo è un trattamento personalizzato.
Sulla possibile efficacia o sulla inutilità di un tentativo farmacologico per portare a guarigione la sua ragade potrà risponderle solo chi l'ha in cura.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 244XXX

Grazie.Ho cominciato coi dilatatori ma ora ho un dolore tremendo. Non è che rischio di peggiorare la situazione? O è normale?

[#3] dopo  
Utente 244XXX

Salve gentili Medici.
Ho seguito la cura col dilatan per 2 settimane ma al quattordicesimo giorno la ragade ha cominciato a fare un male terribile. Premetto che normalmente mi dà fastidio ma non mi fa particolarmente male, da quando faccio dilatan, sicuramente per il fatto di andarla a stimolare, mi si è infiammata terribilmente, tanto che devo prendere antinfiammatori, che per la ragade non avevo mai preso.
In queste condizioni di dolore non posso, al momento, andare avanti.
Mi potreste dire cortesemente come funziona una terapia del genere? A me pare evidente che andando a mettere delle cose dentro la ragade si infiammi....come è possibile che guarisca così? Si infiamma di più...
So che il dilatan serve per l'ipertono ok, ma la ragade viene stimolata e sfregata dal cono...quindi peggiora.
Come mi dovrei regolare? Faccio una pausa di qualche giorno e poi ricomincio? Mollo tutto?
Sinceramente ho da moltissimi anni la ragade, e più che altro è un fastidio a cui devo fare attenzione ma non una cosa invalidante che mi dà dolore costantemente come ora che faccio il dilatan...
Grazie.

[#4]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La terapia con dilatatori è una terapia indicata per la ragade anale.
Se, nel suo caso, è utile o controindicata potrà dirlo solo chi l'ha in cura e conosce le caratteristiche della sua ragade.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#5] dopo  
Utente 244XXX

Ancora una domanda. Da quando faccio il dilatan mi sono spuntate delle emorroidi, il dilatan è controindicato in caso di emorroidi o si può proseguire?
In realtà io, pur avendo la ragade da anni, non ho grandi dolori, se non saltuariamente se vado di corpo in maniera meno fluida, ma il tutto rientra in un paio di giorni con l'uso di antrolin.
Da quando faccio il dilatan invece ho un male insopportabile, sto seriamente pensando di sospendere e tenermi il mio moderato fastidio che ho da 20 anni.....
il dilatan mi ha infiammato la ragade e fatto venire le emorroidi..
Comunque vi ringrazio se potete rispondere alla mia domanda che ho fatto a inizio messaggio. Grazie

[#6]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Le ho già risposto!
"Se, nel suo caso, è utile o controindicata potrà dirlo solo chi l'ha in cura e conosce le caratteristiche della sua ragade"
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#7] dopo  
Utente 244XXX

Ha risposto di affidarmi allo specialista. Certo, è ovvio che lo farò, ma mi servirebbe un altro parere su certe dinamiche, anche se è vero che è difficile senza visitare di persona.
Ad ogni modo...capisco che dobbiate stare molto vaghi.
La paraffina che mi ha dato il dottore per ammorbidire le feci, senza specificare per quanto tempo, in che tempistiche si può prendere senza fare danni?
Un mese? una settimana?

[#8]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Noi "non stiamo vaghi"; non conoscendo il paziente e le lesioni in atto, che non è difficile comprendere che possono presentarsi con differenze enormi (es, acute o croniche), non possiamo dare indicazioni precise.
Alcune richieste, come la sua ultima, possono essere rivolte solo a chi ha eseguito la prescrizione, prescrizione che, per
alcune sostanze, nasce da un ragionamento e convincimento personale, non da tutti condiviso.
Comunque sarà sufficiente che lei legga il bugiardino, allegato alla confezione per poter trovare delle risposte al suo quesito.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#9] dopo  
Utente 244XXX

Il Dottore mi ha consigliato citrizan crema senza specificare altro. Qual' è il modo corretto di applicazione? Lo metto sul dito e inserisci il dito nell'ano? Devo entrare in profondità o è sufficiente una entrata superficiale? Oppure ci sono altre modalità? Grazie.