Utente
Salve, inserisco la domanda in questa sezione specialistica perché effettivamente non so di che problema possa trattarsi. Parto con il dire che ho affrontato un anno estremamente stressante e sono stata operata più di 4 volte per un intervento di implatologia dentale, cominciato con un granuloma poi evolutosi in perimplantite,a causa di errori, probabilmente tecnici, da parte dei dentisti. Ho quindi sviluppato un infezione e ho dovuto eseguire svariate e lunghe cure antibiotiche per molto tempo (anche 15 giorni di seguito) assunto antidolorifici che a novembre scorso mi causarono una gastrite poi curata. 20 giorni fa ho inserito l'ultimo impianto che pare sia andato a buon fine. Dopo la fine dell'ennesima cura antibiotica ho cominciato a sviluppare dei noduli sotto le ascelle che si sono poi riassorbiti, da circa 3 giorni invece ho notato un nodulo, una pallina molto dura in zona perineale che mi causa un pò di dolore se toccata e fastidio quando cammino. Premetto che non ho mai avuto problemi di stitichezza, emorroidi o altro. Da quel punto di vista è tutto nella norma. Ieri il nodulo sotto l'ascella è ricomparso per l'ennesima volta. Non ho febbre ma un malessere generalizzato (che perdura dall'ultima cura antibiotica). Sono abbastanza preoccupata e non so da dove cominciare o a chi rivolgermi per sapere di cosa possa trattarsi. Quando si parla di noduli, soprattutto in diverse zone del corpo, non penso di certo al meglio. Devo aggiungere che: ho avuto e curato l'HPV 5 anni fa con paptest da eseguire ogni anno a scopo preventivo,attualmente non ho rapporti quindi escludo che possa essere un MST, anche se la paura che i condilomi possano tornare c'è (mi dissero che il disturbo rimane "latente" ma sono comunque passati 5 anni senza sintomi, poi non saprei), il periodo di stress dura da tanto tempo e le frequenti operazioni e poca alimentazione solida hanno fatto calare il mio peso di 4 chili, non vorrei che gli antibiotici mi abbiano debilitato al tal punto che il sistema immunitario in questo momento sia a terra, non ho altre patologie al momento né raffreddore o banale influenza. Non presento febbre. Sono molto preoccupata a proposito di questi noduli soprattutto nella zona perineale, escludo totalmente che la causa sia la depilazione e visto la recidiva alle ghiandole ascellari non credo sia quella la causa. Faccio un piccolo aggiornamento: ad oggi mentre scrivo è comparso un ennesimo nodulo all'ano, una pallina dura dolente al tatto, visibile anche ad occhio nudo dall'esterno perché la zona è comunque gonfia. Quindi sono due (tre se contiamo il piccolo nodulo ascellare ancora presente), il tutto nel giro di 2/3 giorni. Mi sembra assurdo perché non ho altri sintomi evidenti e non ho mai avuto problemi di emorroidi in vita mia ed evacuo con regolarità, ho controllato feci e non ho notato nè sangue, nè muco. Nulla. La mia dieta è bilanciata (consumo verdura e frutta e bevo solo acqua). Cosa potrebbe essere? Mi devo preoccupare?

[#1]  
Dr. Francesco Ferrara

28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2017
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,
per poter fare una corretta diagnosi bisognerebbe valutare dal vivo attraverso una visita dettagliata, impossibile dire via internet di cosa si possa trattare. Ad ogni modo i noduli perianali e quelli ascellari potrebbero non essere collegati, ma, ripeto, bisogna che si sottoponga ad una visita medica.

Cordialmente,
Dr. Francesco Ferrara - Chirurgo Generale - Colonproctologo
Ospedale San Carlo Borromeo - Milano
http://drfrancescoferrara.it

[#2] dopo  
Utente
Non capendo l'origine del problema, non so a chi rivolgermi se ad un proctologo, un ginecologo, o addirittura il dermatologo. Al momento mi trovo anche fuori e non ho il medico curante, quindi sono abbastanza in ansia. A questo punto dovrei andare al PS. Ovviamente la ringrazio lo stesso e mi rendo conto che è impossibile fare diagnosi tramite internet è che nel momento penso sempre al peggio.

[#3]  
Dr. Francesco Ferrara

28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2017
Potrebbe recarsi da un proctologo che, anche in qualitá di chirurgo, potrebbe valutare anche la tumefazione ascellare. Non essendo un problema acuto non è indicato recarsi in pronto soccorso.
Dr. Francesco Ferrara - Chirurgo Generale - Colonproctologo
Ospedale San Carlo Borromeo - Milano
http://drfrancescoferrara.it