Utente
Buongiorno, sono stata operata 9 giorni fa di prolasso rettale con sospensione manuale del prolasso mediante 6 suture in vicryl. I primi giorni il dolore era sotto controllo da forti antidolorifici ma adesso mi trovo a scalare ed assumerne più leggeri e aimè non sto mai bene. Comunque il mio problema è la zona anale esterna che si è gonfiata dopo 4 giorni dall'operazione in seguito a evacuazione con feci dure. Da lì quella zona è la più interessata al dolore e mi preoccupa perché nel tempo non riesco a sgonfiarla... Prendo per bocca solo tachipirina o oki al troppo dolore e proctis m crema 2 volte al di. Può essere sufficiente o dovrei assumere antinfiammatori regolarmente per agire più in fretta?tra 20 giorni avrò il controllo ma ancora manca un po'.. Quindi vi ringrazio per le eventuali risposte.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
E' fondamentale si scarichi senza stipsi e assuma analgesici piu' efficaci. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta dottore.

[#3] dopo  
Utente
Buongiorno, passati 2 mesi dall'operazione ho notato una emorroide che fuoriesce al momento della defecazione e sangue. Mi è stata prescritta una crema e Daflon per un mese. Ora mi chiedo, è una cosa normale dopo un'operazione del genere? Pensavo di avere risolto un bel problema ed invece rieccomi qui... Il dolore per fortuna non c'è ma il disagio ancora persiste. Mi potete dare un'opinione per favore?
Grazie

[#4]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Difficile dirlo senza vederla, andrebbe valutata la situazione attuale, i sintomi e quella precedente all' intervento. Se necessario in accordo con chi la segue potrebbe essere programmata una revisione chirurgica anche in anestesia locale. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it