Utente
Da due anni soffro di colon irritabile, con alvo alterno stipsi e diarroico,mi sto curando con i soliti farmaci sintomatici.
Dopo un'accurata visita proctologica lo specialista mi ha diagnosticato un rilevante prolasso mucoso rettale interno.
Dopo esami quali defecografia,manometria e ecografia transanale,lo specialista mi ha consigliato l'intervento Starr
per eliminare il prolasso. Nel 2006 avevo fatto una Longo, ma a detta del proctologo il vecchio intervento non aveva
resecato completamente il prolasso emorroidale e col tempo si è ripresentato .Sono compatibili colon irritabile e intervento
di correzione del prolasso con tecnica Starr. Ho letto che dopo tale intervento spesso per settimane si ha come sintomo oltre
al dolore una impellente necessita di andare in bagno,un incontinenza che forse un preesistente colon irritabile può' amplificare?
Cio' mi preoccupa molto perchè sono in lista d'attesa per la Starr.E' un intervento cosi carico di controindicazioni come si legge in internet?

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
"E' un intervento cosi carico di controindicazioni come si legge in internet?"
No!, ma confermo che, nei pazienti affetti da colon irritabile, l'urgenza defecatoria, che spesso accompagna tutti gli interventi sull'ano-retto, può presentarsi con una percentuale maggiore.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore, molto gentile! Sono in preda all’ansia perche’ l’intervento di Starr e’ prrevisto per settimana prossima! Il prolasso e’ asintomatico ma abbasta voluminoso ! Se non viene corretto forse non cambia niente, ma potrebbe col tempo diventare esterno! L’urgenta defecatoria poi passa? Mi spaventa ( a differenza della Longo) l’idea che viene ridotta o modificata l’ampolla rettale! E il dolore post operatorio anale! Scusi per le tante domande, ma per un paziente in procinto di fare l’intervento e’ importante avere qualche parola in piu’! Cordiali saluti. Ma

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile utente.
Si! è una malattia progressiva e potrebbe.

Si! se è solo legata all'intervento ed non alla sindrome dell'intestino irritabile.

Di solito quando è presente un prolasso rettale interno a tutto spessore(intussuscezione retto-rettale) l'ampolla è "slargata", resecando "l'eccesso" recupera le sue normali dimensioni.

La sutura viene effettuata in una zona priva di recettori del dolore, questo è il motivo della assenza o ridotta sintomatologia dolorosa.

Per ulteriori informazioni si rivolga al suo curante. A distanza, sia io che il collega Favara, intervenuti per lo stesso problema anche in altre sue richieste di consulto, non abbiamo da aggiungere altro.
Cordiali saluti
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com