Utente
Buongiorno,
Mia madre, quasi 80 anni, da sempre un po' anemica, ha avuto da circa un mese episodi di sanguinamento rettale in seguito alle evacuazioni. Le è stata prescritta dallo specialista una colonscopia e un esame del sangue ( tra cui ricerca della CEA), entrambi eseguiti circa 10 gg fa e dei quali non abbiamo ancora esito. La coloscopia ha evidenziato quanto segue:
In sigma multipli diverticoli senza segni di diverticolite; a circa 20 cm da OA presenza di polipo peduncolato di circa 2 cm. a superficie destrutturata (si biopsia la superficie). Non lesioni in ampolla alla manovra in retroversione. Il polipo non è stato asportato in sede di colonscopia, credo (anche se non ho chiesto al medico) perché piuttosto grosso e sanguinante quando è stato toccato. Ci è stato detto che in seguito all'esame istologico si valuterà se asportarlo per endoscopia o chirurgicamente. Posto che per essere sicuri della natura del polipo occorre l'esito dell'istologico, sono piuttosto preoccupata perché da quanto ho letto, in base ad un certo parametro (credo chiamato "pit pattern") il fatto che la superficie sia destrutturata è un indicatore di malignità. In base alla Vs esperienza cosa ne pensate? Grazie mille in anticipo..
G. R.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
E' possibile, ma tutto da vedere. Attenderei l' esito delle biopsie
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore,
Un aggiornamento: oggi abbiamo ricevuto l'esito degli esami del sangue prescritti dallo specialista. I valori esaminati (TSH, CEA, sideremia) sono tutti nella norma. Non abbiamo ancora l'esito della biopsia, ma mi ero un po' tranquillizzata vedendo i valori del sangue. Ho però letto che per quanto riguarda la CEA vi possono essere anche dei falsi positivi e falsi negativi e che non è valido come esame di screening, ma al limite solo una volta conclamata la malattia può essere utile misurare questo valore per valutare l'evolversi della stessa e valutare l'efficacia delle terapie. Ma se è così, mi chiedo come mai nel caso di mia madre sia stato prescritto preventivamente, ancor prima di effettuare la colonscopia.
Lei pensa che in questo caso l'esito del CEA sia comunque un elemento confortante o sostanzialmente "inutile"?
Ancora grazie,
G.R.

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Inutile
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it