Utente 520XXX
Buongiorno dottori, circa tre mesi fa ho avuto un leggero prurito tra le natiche, nella parte superiore del solco intergluteo in zona coccige e a seguito dell'istintivo sfregamento ho avuto un sanguinamento piuttosto abbondante proveniente da quello che avevo inizialmente bollato come brufolo nel solco intergluteo, leggermente spostato nella natica sinistra. Ho messo un cerotto per tamponare e il sanguinamento è cessato quasi subito.
Nelle settimane successive ho dato un'occhiata e mi sembrava tutto a posto, ferita rimarginata salvo un lieve arrossamento di tutta la zona interglutea. Nessun particolare fastidio, nessun sanguinamento, niente di visibile a occhio nudo, per quanto la zona sia piuttosto scomoda e di difficile accesso visivo.
Ieri improvvisamente si è ripresentato lo stesso problema: lieve prurito, sfregamento e nuovo sanguinamento, meno abbondante dell'altra volta, ma proveniente dallo stesso identico punto, che ora ha l'aspetto di un puntino di pelle "scarnificata" di pochi mm di diametro. (più o meno l'aspetto di un brufolo scoppiato, come la prima volta.) Al di la di questo non ho dolore, fastidi o gonfiori particolari.
Ora comincio ad essere un po' preoccupato. Di cosa può trattarsi? Avevo pensato alla fistola di uscita di una cisti, ma non vedo né sento cisti in zona e soprattuto non sento dolore o fastidi, nemmeno stando seduto. Solo un lieve prurito di tanto in tanto ma sopportabilissimo.

Voglio precisare che la scorsa estate sono stato operato di peritonite con conseguente occlusione intestinale e nei mesi successivi all'intervento l'intestino ha avuto bisogno del suo tempo per riassestarsi: ho quindi avuto giornate di stipsi alternata a diarrea, che mi hanno provocato un certo prurito anale che comunque è andato diminuendo nel corso dei mesi, parallelamente al ritorno della regolarità intestinale. Tuttavia il punto del sanguinamento è piuttosto lontano dall'ano, e dalla zona pruriginosa, direi 4-5 cm. Può esserci un collegamento?

Consapevole del fatto che solo una visita medica può essere veramente utile, vorrei però sapere di cosa può trattarsi anche per capire se rivolgermi alla mia dermatologa o a uno specialista di patologie colon-rettali.

Grazie mille

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Una cisti pilonidale ad esempio. Partirei con una visita del suo medico di base. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 520XXX

Grazie della celere risposta dottore, una sola puntualizzazione: il puntino "scarnificato" che vedo può essere la cisti (esplosa) oppure la sua fistola? Perché non vedo traccia di cisti vera e propria nei dintorni: nessuna tumefazione o bolla. Inoltre a quanto ne so dovrebbero essere fastidiose e dolorose, invece per fortuna non ho particolari sintomi salvo un lieve prurito di tanto in tanto.

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Puo' essere
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente 520XXX

Grazie mille dottore, quindi data la posizione (circa 5-6 cm dall'ano, appena più in alto della punta del coccige) lei tende a escludere una fistola anale derivata da problematiche intestinali o legate alla defecazione ?

[#5]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
No non la escludo ma è meno probabile
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it