Utente 231XXX
Buonasera, chiedo un consulto da parte vostra per un problema che mi tiene brutta compagnia ormai dal periodo di Pasqua, quindi intorno al 20 di aprile. Ho iniziato ad avere problemi di emorroidi, e come già mi è più volte capitato, ho iniziato a mettere pomate specifiche per il disturbo. Non trovando sollievo, tramite la mia dottoressa, prendo appuntamento da uno specialista! Faccio la visita, solo con ausilio del dito e mi riscontra marische, emorroidi congestionato interne e forse ragade! Dopo una decina di giorni, non trovando sollievo con nuova pomata e flavonoidi, sempre in accordo con la mia dottoressa prenoto altra visita proctologica in altra struttura, anche qui visita solo con ausilio del dito, mi viene diagnosticato marische, forse emorroidi interne e secondo lui nessuna ragade. Il 20 giugno torno a fare l'ennesima visita in un altra struttura, e con stupore del medico, di come siano state fatte le precedenti visite, è come abbiano potuto diagnosticare quel che poteva esserci internamente senza l'utilizzo di un anoscopio resta tuttora un mistero. Comunque in questa ultima visita, utilizzando si il dito, ma anche un anoscopio, ed avendo la parte letteralmente infiammata, quindi provando un male allucinante da sentirmi mancare, mi ha riscontrato marische, emorroidi interne parecchio sanguinanti e ragade! Ora sono in cura con pomata interna e flavonoidi (pervene) ma a distanza di quasi un mese io ancora non trovo pace! La mia domanda è questa, si può soffrire per così tanto tempo di questi disturbi, che oltretutto mi hanno portato a un inizio di incontinenza della vescica, senza trovare una cura risolutiva? Grazie 1000 a chi mi vorrà rispondere.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Si! è possibile.
Non sempre la ragade, che è quella che crea maggiori dolori e disagi, risponde alla terapia medica, questa potrebbe aver bisogno o di altro farmaco o di una terapia chirurgica.
Ritorni da chi ha eseguito correttamente la visita e formulato la diagnosi sicuramente troverete la soluzione più idonea.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 231XXX

Ringrazio molto per la risposta celere, volevo chiedere se nel frattempo potevo "tamponare il dolore" con farmaci, perché il controllo l'avrò solo ai primi di agosto, e ho paura di passare due pessime settimana di vacanze al mare! È un dolore che a giornate mi manda fuori di testa! Grazie 1000!

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
A distanza, non conoscendola e non conoscendo la sua situazione anale, non facciamo prescrizioni.
Da quello che racconta sembra necessario anticipare di molto la visita di controllo.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com