Utente 560XXX
Buongiorno.
Da 2 anni ho iniziato a soffrire di problemi alimentari e digestivi. Ho, fin da bambina, avuto problemi di digestione del latte vaccino (solo latte ma non latticini) ma il medico di base non mi ha mai consigliato di effettuare visite particolari nè ha mai parlato di probabile intolleranza, perciò ho continuato a consumare latte. Due anni fa ho iniziato a sentirmi male consumando latte e latticini (forti crampi e diarrea) ma non solo, praticamente stavo male ogni giorno consumando qualsiasi alimento. Il gastroenterologo mi ha consigliato di effettuare i test delle intolleranze, con risultato: intolleranza al lattosio, glutine e infiammazione da cibo. Ora, con il glutine non ho più nessun problema (dopo mesi di esclusione e poi re intoduzione), lattosio utilizzo degli integratori di lattasi. Il mio intestino è molto (troppo) sensibile a un consumo ripetuto di cibo, ma la situazione è migliorata rispetto a prima. Fin dal momento in cui si sono manifestati i miei disturbi alimentari, ho iniziato a soffrire di un grave problema di defecazione. Non riesco più in nessun modo a defecare naturalmente, ho bisogno di ampliare lo sfintere con un dito, altrimenti risulta impossibile. È come se ci fosse un lembo di pelle o una membrana (la sento al tatto) che impedisce la defecazione. Raramente riesco autonomamente ma, anche in questo caso, la defecazione non è mai completa, perché poi devo obbligatoriamente effettuare manovre manuali. Le feci non sono (generalmente) dure, non si tratta di stipsi, sono feci normalmente formate che però non escono, per colpa di questa membrana. Anche in caso di feci molli o diarrea, le feci non escono autonomamente (o non tutte). Speravo che, sistemando l'alimentazione, il problema si sarebbe risolto, anzi in realtà sapevo che non sarebbe stato così ma avevo troppa vergogna. Ho prenotato un'anoscopia ma non sono sicura che la mia dottoressa abbia realmente capito il problema: lei parla di fecaloma e feci secche accumulate nell'ampolla rettale, ma io assicuro che il problema non è quello, è legato ad una vera e propria ostruzione e soprattutto mancanza di stimolo
Di defecare. Come posso risolvere? È grave?

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, deve rivolgersi ad un proctologo esperto che possa indicarle un corretto percorso diagnostico terapeutico che purtroppo in queste problematiche più che in altre, diventa fondamentale per non rischiare di girare a vuoto senza risultati tra i vari specialisti.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza