Utente
salve qualche annetto fa sono stato operato con tecnica Milligan-Morgan all'epoca non sapevo che esistevano diversi tipi di interventi è che questo che ho fatto avrebbe portato ad un restringimento del tessuto rettale.
Ora il il punto è che a causa di questo ovviamento dopo defecazione capita molto spesso delle abbrasioni e ferite al retto (so che devo assumere fibre le prendo a capsule ma capita che le scordo) quando le feci sono più dure cosa che prima dell'intervento era più improbabile perchè essendoci più tessuto c'era più elasticità.
Facendo una ricerca su internet ho scoperto questo dispositivo medico "Dilagent" che nelle indicazioni non ha controindicazioni è sembra fare al caso mio, ho letto le indicazioni ma diciamo che sono generali durata 4 settimane il massimo è cc50 ma andarci progressivamente.
Sono sincero ho fatto questo aquisto ancora da provare... ho fatto bene per i problemi sopra indicati?
il retto si allargherà?
se è si è un bene o un male?
la sintomologia passerà d'avvero?
per il mio caso va usata sempre l'acqua calda compresa tra i 40 e i 47 gradi?
la durata da voi consigliata è sempre quella delle 4 settimane?
si devono ripetere cicli ogni tanto?
insomma cari proctologi come vedete ho bisogno dei vostri preziosi consigli...

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile utente.
"il retto si allargherà?"
Lei parla di esiti cicatriziali dopo emorroidectomia con tecnica di Milligan-Morgan! Questi esiti cicatriziale interessano l' ano e non il retto!
Il dispositivo da lei indicato (Dilagent) è un ottimo rimedio per ottenere una progressiva dilatazione anale, una delle principali caratteristiche del Dilagent è proprio questa e la si ottiene modulando il volume del palloncino a differemza dei dilatatori a misura standard, inoltre, come avrà letto, il palloncino, garantisce la cessione di calore ed a differenza dei dilatatori rigidi, per la forma della sua estremità distale, il palloncino si ancora al muscolo degli sfinteri e non si sposta durante i movimenti.
Detto questo, l' applicazione deve essere prescritta dal proctologo in relazione all' entità della stenosi e di eventuali problemi anali associati.
Consigli a distanza sui volumi etc. senza una precisa valutazione del suo problema potrebbero inficiare le qualità del dispositivo ed il risultato.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
scusi la mia ignoranza volevo dire l'ano, non ho parlato con il mio proctologo per lui mi aveva detto che non c'era nienta da fare perchè il tessuto anale era ristretto dovuto all'intervento e di assume erbe dall'erboristeria per rendere le feci morbide per evitare ferite durante l'evacuazione,quindi cercando sui internet avevo visto che invece un rimedio c'era il Dilagent e per questo motivo ho usato questo forum per saper bene ho male una guida come usarlo i tempi e tutto dato che il mio proctologo si era già espresso, quindi se bene o male protrebbe darmi una guida mi farebbe una cortesia ed eviterei di girare proctologi proctologi . preciso non ho emorridi quei residui emorroidari lasciate dal post intervento le ho ho curate con un paio di sedute di scleroterapia vorrei solo leggermente elasticizare il tessuto anale non più di tanto quel poco che basta per evitare ferite quando sono un po più stitico, quindi se può indicarmi una leggera terapia di dilagent mi farebbe una grande cortesia

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Scusi probabilmente non sono stato chiaro: indipendentemente da quello che ha detto il suo proctologo sulla gravità della stenosi e sulla rigidità del tessuto cicatriziale, a distanza non diamo indicazioni per situazioni che non conosciamo.
Ripeto il Dilagent è un ottimo presidio, ma potrebbe non dare risultati se la stenosi anale è serrata.
Purtroppo solo chi la visiterà potrà darle delle speranze o certezze e le dovute indicazioni per il suo caso.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com