Utente 131XXX
Salve,
ho letto con molto interesse numerosi argomenti riguardanti condilomi ed hpv senza riscontrare precisione e serietà al fine di soddisfare i miei dubbi.
Per questo oggi sono giunto a scriverVi al fine di ottenere finalmente risposte univoche.
Da circa un mese ho riscontrato il problema della condilomatosi sul glande fino a quando una settimana fà mi sono sottoposto ad una visita dermatologica ed oggi alla crioterapia.
Ora i dubbi sono:
1 - Ne' io, ne' la mia ragazza abbiamo avuto rapporti al di fuori dalla nostra relazione quindi com'è possibile?
2 - Se non avro' condilomi recidivi in futuro, sarò comunque contagioso? Se sì, per quanto?
3 - Dopo la crioterapia di oggi e dopo la "scomparsa" di condilomi (almeno lo spero), dopo quanto tempo c'è la probabilità che questi possano riapparire?
4 - La mia ragazza la prossima settimana si sottoporrà ad una visita ginecologica, se risulterà positiva all'HPV dopo il paptest senza pero' presentare condilomi, è comunque contagiosa?
5 - Se non ho più condilomi recidivi e se la mia ragazza ha l'HPV senza condilomatosi possiamo avere rapporti col condom? e se ha condilomi?
6 - L'Hpv è guaribile? Se sì, entro quale tempo in media?

Scusate se magari vi ritroverete a rispondermi a domande ormai stralette ma non sono molto convinto data che c'è molta vaghezza in giro. Spero di ottenere grazie a Voi, risposte esaurienti e specifiche nel mio caso, affinchè possano esser utili anche per altri utenti che come me hanno riscontrato lo stesso problema.
Grazie, attendo Vostre risposte.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

sperando che la "poca serietà" che ha notato leggendo in giro non sia appartenente al nostro portale specialistico, le chiedo se ha avuto modo di leggere i tantissimi consulti in merito alle domande che fa e se ha avuto modo di dare uno sguardo all'articolo del sottoscritto che rende qualche informazione divulgativa all'utente di medicitalia.it in merito a questa vicenda:

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40632

ci dica in seguito se ancora esistono delle domande insoddisfatte nel suo elenco.
cari saluti

Dott. Laino
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo

32% attività
12% attualità
12% socialità
SCAFATI (SA)
SALERNO (SA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Le infezioni da HPV http://www.ildermatologorisponde.it/condilomi_foto.html rappresentano oggi un fenomeno molto comune in dermatologia genitale. Provo a rispondere alle Sue domande, nella speranza possano esserLe utili.

1) il fatto che i condilomi siano delle malattie a trasmissione sessuale, non significa necessariamente che tale modalità di contagio sia l'unica possibile. Analogamente alle verruche volgari (altra infezione da HPV molto frequente in dermatologia) il contagio può avvenire per contatto anche non di natura sessuale. Una volta che però i condilomi sono presenti alle aree intime, essi possono essere trasmessi con i rapporti e pertanto sono correttamente inquadrati come malattie a trasmissione sessuale. In conclusione, i condilomi può averli contratti anche per via non sessuale, ma adesso che sono presenti all'area genitale, vanno trattati secondo i consigli del Suo dermatologo, per evitare la possibile trasmissione sessuale alla Sua partner;

2) con i farmaci e i trattamenti attualmente disponibili, i condilomi vengono oggi adeguatamente trattati in dermatologia genitale, così come le possibili recidive. Il Suo dermatologo, La informerà sull'avvenuta guarigione o su eventuali precauzioni da adottare;

3) le recidive da HPV sono imprevedibili. E' un pò come per le verruche volgari (cosiddetti porri), a volte basta una semplice seduta di crioterapia, altre volte occorre un pò di pazienza in più. Anche su questo, potrà darLe un parere molto più accurato, il dermatologo che La sta curando, in base alle manifestazioni cliniche in atto al momento della visita;

4) è importante informare il collega al momento della visita ginecologica (della Sua ragazza) del trattamento che Lei sta effettuando. In base all'esito dell'esame, il collega potrà darvi un parere molto più attendibile;

5) le sue sono domande molto lecite e sacrosante, ma perché anticipare tutte queste eventualità, se ancora non conosciamo la situazione della Sua ragazza? Queste domande possono essere utili al momento della visita ginecologica. Potrebbero anche rivelarsi non utili. A volte la visita medica (ginecologica o dermatologica) andrebbe effettuata in coppia, proprio per far fronte alle diverse richieste di entrambi;

6) i tempi di risposta alle terapie per le infezioni da HPV sono variabili da individuo a individuo, anche perché dipendono anche dallo stato di benessere fisico ed emotivo del paziente. Nei periodi di decadimento fisico o di forte tensione emotiva, persino una semplice influenza può avere un decorso più lungo del solito. Dal momento che sarete seguiti dai colleghi, la situazione HPV sarà sotto controllo. I condilomi sono un fenomeno molto comune e solitamente risolvibile nel giro di qualche settimana. A volte il decorso può essere un pò più lungo e in questi casi il dermatologo programmera la terapia, tenendo conto anche del tipo di risposta ai precedenti rimedi;

Cordiali saluti e in bocca al lupo.
Dott. Antonio DEL SORBO
Specialista in Dermatologia e Venereologia
Sito web: www.ildermatologorisponde.it

[#3] dopo  
Utente 131XXX

Ringrazio i sign. Dott. per la risposta in tempi brevi.
Al Dott. Laino:
riguardo al disordine d'informazioni riscontrato su questa patologia, io mi riferisco soprattutto alla cofusione che c'è in tutto il web e non nascondo nemmeno d'aver già letto l'articolo da Lei consigliato e aver letto anche altri post simili su questo forum ( per fortuna piu' soddisfacenti altrimenti non avrei deciso di scriverVi ).
Al Dott. Del Sorbo:
dalle Vostre risposte ho tratto che:
l'HPV si "prende" in svariati modi come le "volgari" verruche, ok e fin qui ci siamo. Ma possibile che abbia avuto sue manifestazioni proprio sul frenulo?
Per il resto, ok, ho capito e quindi per aver ulteriori dettagli bisognerebbe aspettare la visita ginecologica, ok. Solo una domanda però sul quale desidererei un Vostro parere più preciso:
"Brucio i condilomi e una volta spariti non ho piu' recidive, sono contagioso?" (uomo o donna)

Scusate il disturbo e Vi ringrazio per la Vostra pazienza. Attendo Vostre risposte.