Utente 376XXX
Gentilissimi Dottori,

Circa un mese fa ho avuto un rapporto orale (fellatio) con una donna da me non conosciuta.Ho da ormami 10/15 giorni delle pustole sul tronco e vicino all'ascella inizialmente pruriginose ma ora non più. Potrebbe essere sifilide? Non ho notato la formazione di nessun sifiloma primari che per quanto non causi delore se si forma sul pene si dovrebbe notare. Inoltre non ho infiammazione dei linfonodi e non ho febbre. Ho deciso di farmi visitare da una dermatologa la quale mi ha diagnosticato un forte eczema sotto l'ascella il quale ha determinato la formazione poi di pustole nelle zone limitrofi. Volevo però un vostro parere.Inoltre quali sono le percentuali che si hanno di contrarre la sifilide via orale? Sono minori o maggiori di quelle vaginali? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

ci chiede dei pareri, glieli forniamo in modo che le siano sufficienti a chiarire il suo problema:

- l'incidenza di Sifilide in ITALIA è dal 2000 ad oggi aumentata moltissimo (i dati riportati dal mio Istituto parlano di un aumento dei casi di circa il 70 % dal 2000 al 2002)

- alta è anche l'associazione di pazienti positivi per LUE (Sifilide) e HIV concomitante (è valida forse la teoria della aumentata sopravvivenza dei pazienti HIV e del loro miglioramento delle condizioni fisiche: questa aumentata sopravvivenza e benessere è, comunque ed a prescindere dall'associazione della LUE, motivo di soddisfazione per tutti coloro si occupano di HIV)

- il contagio della Sifilide per rapporti ORALI è in caso di sifiloma primo-secondario molto significativo.

pertanto:

abbandoni la ricerca di sintomatologie associabili a stati sifilitici in lei e programmi con serenità un videat VENEREOLOGICO che sarà corredato anche di esami strumentali inconfutabili.

Cari saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 376XXX

Mi scusi se disturbo ancora. Ma le pustole tipiche della sifilide secondaria possibile che si formino in un solo punto o in una zona molto limitata del corpo? Inoltre non dovrebbero comunque comparire altre conseguenze come febbre, cefalea, papillomi palm-plantari ecc.
Inoltre la dermatologa consultata non avrebbe dovuto insospettirsi anche ditro mia esplicita richiesta?

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Preciso che le ho risposto genericamente riportando dati statistico epidemiologici, non potendo porre alcuna supposizione diagnostica su casi che non ho mai potuto vedere e che non sarebbe corretto nemmeno ipotizzare.

sappia che le "pustole" non fanno parte del corredo clinico appartenente al decorso della forma secondaria di Sifilide (Sifiloderma roseolico e papuloso).

Le rinnovo il consiglio di rivolgersi al Venereologo per la diagnosi di sicurezza, che non lascierà ombra nè dubbi.

ancora saluti.
Dott.LAINO, Roma
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it