Utente 815XXX
salve. Ho 22 anni e da sempre ho una dermatite seborroica/psoriasi definita nelle aree in cui sono presenti peli (cuoio capelluto, petto, ascelle, pube). Tempo fa il dermatologo mi ha spiegato che non esistono rimedi per questo tipo di problema e così utilizzo soltanto detergenti specifici che acquisto in farmacia.

Un mese fa, mentre appunto ero intento all'igiene quotidiana dei genitali, ho notato sul prepuzio la comparsa di piccole macchie rosee simili a quelle della dermatite. Non ho dato molto peso alla cosa inizialmente.
Da circa una settimana, noto che a pene rilassato, nel momento in cui cerco di scoprire il glande, c'è un certo restringimento della pelle prepuziale a circa 2/3 dall'apice dello stesso. Questo restringimento è a forma di anello e la pelle nella zona ristretta sembra disidratata e squamosa (in quella zona ci sono le macchie simili alle dermatosiche).

Ora, durante l'erezione, il glande si scopre ugualmente anche se in corrispondenza di questo anello sul prepuzio, sono comparse due piccolissime lacerazioni dovute appunto al restringimento.

Come muovermi? e soprattutto, considerando che non ho rapporti sessuali da un pò, devo comunque pensare a qualche mst (spero di poterla escludere) o posso ipotizzare che la dermatite seborroica/psoriasi abbia in qualche modo "invaso" anche il mio prepuzio causando una fimosi o restringimento?

Potreste gentilmente indicarmi un iter diagnostico appropriato? Sinceramente mi imbarazza un pò questa cosa. secondo voi di cosa potrebbe verosimilmente trattarsi?

grazie

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Effettui subito una visita dermo-venereologica per escludere fra le diverse ipotesi un Lichen sclerosus iniziale.

Veda se vorrà una mia intervista sul tema

www.latuapelle.org/interviste-tv

Cari saluti e a disposizione per ulteriori orientamenti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 815XXX

Caro dott. Laino, è stato molto gentile e chiaro. Ho visionato il video, e letto qualcosa a proposito.
Prenoterò domani una visita dermatologia.
E' possibile che questo problema interessi altre parti del corpo?
Considerando la dermatite seborroica, questo ipotetico lichen sclerosus e una sorta di congiuntivite all'occhio dx (che nessuno riesce a curare da tempo) , dovrei forse ipotizzare un fattore scatenante comune? Un sistema immunitario compromesso?
In ultimo, considerato che mi pare assolutamente verosimile la diagnosi da lei prospettata, ci sono reali possibilità di guarire completamente?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
no, non facciamo confusione con quadri di diversa natura.

Fra l'altro e come sempre affermo i nostri sono orientamenti generali e mai specifici, sulla scorta di quello che riportate (in questo caso un restringimento e delle piccole lacerazioni "taglietti" possono includere in linea teorica questa patologia nel computo delle diverse diangosi differenziali) quindi attendiamo la visita.

In caso di lichen sclerosus ad oggi la terapia è possibile e proaticabile, ma ripeto non "mettiamo il carro avanti ai buoi"

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it