Utente 579XXX
Buongiorno, ho 21 anni e dovrò subire a breve un intervento di rinosettoplastica e turbinectomia. Soffro però anche di eritrosi e dermatite seborroica principalmente proprio sul naso. Vorrei sapere se il trauma alla pelle causato dall’intervento possa peggiorare magari in modo irreversibile la situazione. Già adesso ho un’eccessiva produzione di sebo e la pelle rimane molto unta anche dopo poche ore dalla detersione e visto che non potrò lavare la zona per diversi giorni non vorrei che, oltre al rossore ai punti neri ai foruncoli, il “ristagno” del sebo per tutto questo tempo possa creare problemi (per esempio il normale bruciore che sento soprattutto nei momenti di flushing e magari intenso rossore e brufoli che non andranno più via anche dopo aver tolto il gessetto).
Vorrei sapere quindi se è consigliabile utilizzare capillaroprotettori (non ho capillari visibili ma eritrosi cronica con pelle molto delicata e chiara) o antibiotici o altro ancora e in questo caso sarei grato di conoscere i nomi ed eventualmente le modalità con le quali assumerli (prima dell’intervento o dopo ecc).
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

non c'è alcuna correlazione fra le situazioni che ci descrive.

segua i fondamentali dettami del chirurgo per il pre- e post- operatorio e dopo effettui una visita dermatologica per i problemi specifici.

cari saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 579XXX

Va bene, La ringrazio molto