Utente 268XXX
Buongiorno

Mi è stata diagnosticata la sifilide allo stato secondario a seguito della caratteristica roseola, confermata poi dagli esami sierologici.
Posso sostenere con certezza di aver contratto l'infezione quattro mesi fa.
Il dermatologo che mi segue mi ha prescritto 10 iniezioni di benzilpenicillina benzatinica da 1.200.000 UI / - una sola iniezione due volte alla settimana per cinque settimane.
Poichè ho letto da più parti che la terapia d'elezione è costituita da 2.400.000 UI (quindi due iniezioni alla volta) in unica soluzione o per tre volte ogni settimana, mi chiedo se la terapia prescrittami dal dermatologo è adeguata secondo i protocolli o è insufficiente.
Inoltre dopo aver eseguito 4 iniezioni (quindi quasi a metà della terapia) la roseola mi era praticamente scomparsa ma questa mattina mi è debolmente ricomparsa, il che mi ha fatto sospettare una terapia insufficiente.
Devo preoccuparmi?

Grazie
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
gli schemi terapeutici variano secondoi le scuole , i protocolli, l'esperienza di ognuno di noi.
Ciò che accomuna tutte le terapie è l'utilizzo della penicillina, di preferenza nella forma che ha usato lei.
é assodato che i "boli" di penicillina fatti le due settimane consecutive, non sono sufficienti a sconfiggere l'infezione, per cui, per esempio, il suo terapeuta ha pensato di farle fare tale terapia secondoi uno schema un pò personale. Per esempio, io utilizzo un secondo antibiotico da dare in cronico per qualche tempo.
Ciò che conta, infine, è il risultato finale, cioè i valori sierologici che si abbassano, per cui direi di seguire, a questo punto , il suo dermatologo poi valutare se la terapia sia riuscita o meno.
Saluti


Luigi Mocci MD

[#2] dopo  
Utente 268XXX

Grazie mille della sua risposta dott. Mocci.

Terminerò la terapia ed un mese dopo la fine della terapia eseguirò il primo controllo come prescritto dal dermatologo.
La prima analisi (al 31/08/2012) con cui è stata confermata la diagnosi dava:
VDRL: 1/128
TPHA: 1:160
Anticorpi IgG: 8,00 U.A

Mi hanno parlato di un'infezione recente (come posso confermare dai fatti, contagio quattro mesi fa circa) ma nel pieno (sifilide secondaria con roseola).
La roseola è sparita dopo cinque iniezioni.

Spero in un sensibile abbassamento del VDRL da subito.

Grazie ancora

[#3] dopo  
Utente 268XXX

Posso pensare di non essere più contagioso?
Dopo aver eseguito la terapia, se i valori non si abbassano o non si ha la certezza della guarigione, potrei mai sviluppare la sifilide terziaria?
Chiedo scusa per le domande, ma la malattia mi ha un pò sconvolto e spaventato.

Grazie ancora