Utente
Salve,
vi ringrazio anticipatamente per qualunque suggerimento vogliate gentilmente darmi.
Espongo il problema. Ho un bimbo di 17 mesi che circa un mese fa, in corrispondenza del cambio di stagione con l’ avvio dei riscaldamenti e l’utilizzo di indumenti di lana e/o più pesanti, senza aver dato dalla nascita alcun segnale in tal senso, ha iniziato a mostrare chiazze arrossate prima sul tronco (sia davanti che dietro) e successivamente su collo, ginocchia e gomiti (parte interna), associato ad un intenso prurito prevalentemente notturno. Il pediatra e due dermatologi hanno diagnosticato una forma medio-grave di dermatite atopica. Aggiungo che io soffro di rinite allergica.
Dopo una serie di iniziali tamponamenti con cortisone in pomata (Locoidon), da circa 10 giorni stiamo somministrando cortisone in gocce (Deflan, 6 gocce al giorno), vitamina D3 (Bimbovit, 5 gocce al giorno), e antistaminico (Formistin, 10 gocce al giorno), oltre all’utilizzo a rotazione di creme emollienti ed unguenti: Trixera, Evita unguento, Apsonia, Aderma.
Abbiamo eliminato dalla dieta uovo/parmigiano/pesce/cioccolato e ridotto i legumi; stiamo usando solo indumenti in cotone bianco a contatto con la pelle; la temperatura non supera mai i 20 °C cercando di umidificare l’ambiente. Tutto ciò, ovviamente, dietro consiglio medico.
Mentre il rossore sembra si stia lentamente riducendo, non vi è alcun miglioramento del problema principale, cioè il prurito che non accenna a diminuire, anzi peggiora a causa del grattamento che produce anche piccole lesioni. Viste le numerosi notti insonni e soprattutto il disagio del bambino, vorrei chiedervi:
1) Secondo voi la terapia in corso è corretta;
2) E’ normale che il prurito non cenni e diminuire. Se è normale, dopo quando tempo secondo voi dovrebbe iniziare a migliorare, se non lo è cosa si può fare eliminarlo o quantomeno ridurlo ;
3) Potete indicarmi uno specialista o un centro nella provincia di Cosenza (ma anche in Calabria, Sud, etc.) dove possa avere ulteriori cure risolutive.
Grazie.

[#1]  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente non possiamo commentare circa la terapia prescritta dai colleghi né possiamo indicarle centri specifici: possiamo invece dirle che la dermatite atopica ad oggi si avvale di importanti ed innovativi presìdi farmacologici topici che possono essere utilizzati anche nelle prime fasce pediatriche ascolti il parere del suo dermatologo Riguardo gli immuno-modulatori topici ed atre terapie anti-prurito
Dr. Luigi Laino Direttore Centro Latuapelle Roma
www.latuapelle.it
Segreteria 06.45550661

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore,
Grazie per la sua risposta. Tuttavia, potrebbe essere più esplicito sui presidi farmacologici topici e terapie antiprurito a cui si riferisce in quanto i suoi colleghi non me ne hanno parlato
Grazie

[#3]  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ad esempio gli immunomodulanti topici (utili dopo i 24 mesi) e molti antistaminici ed emollienti topici.
Dr. Luigi Laino Direttore Centro Latuapelle Roma
www.latuapelle.it
Segreteria 06.45550661