Utente 657XXX
Salve a tutti, circa 2 anni fa ho avuto delle verruche prima alla mano sx poi sfortunatamente me la sono auto inoculata per errore sotto la pianta del piede per rimuovere una spina. Ora avendo risolto in maniera soddisfacente le verruche agli arti utilizzando dischi di acido salicilico mi sono reso conto di avere una sorta di papule biancastre sulla corona del pene e più sotto (distribuite in maniera irregolare) più generalmente una sorta di "cheratinizzazione"di coloro bianco in quella zona.(Che talvolta rimuovo grattando con l'unghia)
Essendomi recato dal dermatologo nuovamente per presentare il problema (lo stesso che mi aveva curato le verruche alle mani e sotto la pianta del piede) mi ha detto che si trattava solo di un'ipertrofia delle ghiandole sebacee e che potevo stare tranquillo.
La situazione è stabile da circa 2 anni e ho notato che andando a mare tale sintomatologia sparisce.
Come è possibile che il dermatologo abbia escluso la diagnosi di condilomi conoscendo la mia storia pregressa? Esiste un test univoco e certo per determinare se si tratta di infezione da virus HPV oppure di innocue papule (pur essendo sempre imbarazzanti )

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN)
FANO (PU)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Gentile Utente non vi è test migliore della visita Dermatologica, pertanto se lo specialista che l'ha visitata realmente, ha diagnosticato un'ipertrofia delle ghiandole sebacee stia tranquillo che di ciò si tratta.
Cari saluti
Dr.Alessandro Benini
Dirigente Medico Centro Grandi Ustionati
Osp."M.Bufalini" Cesena

[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
gentile utente,

la diagnosi medica e quindi anche VENEREOLOGICA si effettua sulla scorta dei dati anamnestici e OBBITTIVI.

la diagnosi quindi ha preso in considerazione questi aspetti ed è stata quindi, chiusa.

non dubiti dei medici in tal caso e stia tranquillo.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#3] dopo  
Utente 657XXX

Gent.mo dott. Laino la ringrazio per il suo intervento però non mi è ancora chiara una cosa
potrebbe cortesemente dirmi se il ceppo virale di HPV che causa le normali verruche della pelle può essere responsabile dei condilomi genitali?

Trattandosi di una sintomatologia non causata da alcun agente eziologico potrei sapere se esiste una terapia da seguire per farla sparire?

[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
No, sono ceppi diversi.

Se si riferisce alla Irsutiae coronae glandis o papule perlacee del pene, il trattamento è a mio avviso inutile, dispendioso, doloroso e potenzialmente infruttuoso, ma pur sempre praticabile su scelta del paziente.

ne parli con il dermatologo.
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#5] dopo  
Utente 657XXX

Gent.mo dott. Laino,
ma le papule perlacee peniene (Irsutia coronae glandis ) non dovrebbero essere presenti prevalentemente intorno alla corona del glande in maniera più o meno omogenea, avere una forma regolare, essere morbide al tatto ed essere presenti fin dall'adolescenza?
Invece le papule biancastre di cui parlo sono dure al tatto si diffondono in maniera irregolare quasi esclusivamente su tutta la superficie del prepuzio ed in alcune zone si manifestano come delle vere proprie scaglie di pelle dalla forma irregolare che è possibile rimuovere con l'unghia. Avrei intenzione di farmi visitare nuovamente e girando per la rete ho letto che la peniscopia sarebbe in grado di definire in maniera univoca se si tratta dell'una o dell'altra cosa; è un esame che potrebbe essere opportuno ?


saluti

[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Concordo con lei sulla necessità della visita Venereologica che comprende necessariamente e insostituibimente la peniscopia: e ci mancherebbe che non la comprendesse..

cari saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#7] dopo  
Utente 657XXX

Gent.mi dottori di mediciitalia,
pur sapendo bene che una visita specialistica è d'obbligo ed infatti a breve mi recherò nuovamente da uno specialista, ci terrei a postare una foto per avere un parere orientativo.

grazie per l'attenzione

cordiali saluti

http://img329.imageshack.us/my.php?image=img0360qg2.jpg

[#8] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Genitle utente,

il nostro servizio non permette diagnosi telematiche pertanto si affidi al suo dermatologo di fiducia per chiarire il problema.

le foto amatoriali a poco o nulla servono; ben altra cosa è la dermatologia telematica fra professionisti dermatologi (vedere tele-dermatoscopia)la quale può essere una risorsa per i paesi in via di sviluppo.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#9] dopo  
Utente 657XXX

gent.mo dott. Laino e utenti del forum, mi sono sottoposto ad una visita specialistica ed è stata eseguita una biopsia dell'area interessata.
La diagnosi è stata Lichen Sclero Atrofico e la terapia prescritta è stata

4 volte alla settimana Clobetasolo crema
3 volte alla settimana Vitamina E5 (Monoderma)

questo per 4 settimane

La terapia è stata seguita solo per 2 sett. prima delle vacanze e le manifestazioni cutanee sono sparite del tutto per poi recidivare in maniera molto minore poi. Ora la sto seguendo nuovamente questa volta per 4 settimane come prescritto.

La mia domanda è

Tale manifestazione è collegabile ad un esposizione da HPV ?? Perchè in piu post sul forum leggo medici che parlano di Lichen Sclero atrofico causato da esposizione HPV ?

In parole povere posso essere certo dopo aver effettuato la biopsia di cui sopra di non aver HPV virus e quindi di non poterlo trasmettere?

saluti

[#10] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
non conosco i post dove sia stato fatto il collegamento di cui parla(!?), ma posso assicurarle che si tratta di due entità nosologiche completamente diverse (anche come terapia come vede) e che il lichen s.a. non è da considerarsi patologia contagiosa.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#11] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

Le dico un'unica parola chiara ed univoca sul LICHEN SCLEROSUS:

E' una malattia ad andamento cronico-recidivante (tende alla cronicizzazione e agli "alti e bassi") di tipo

- sicuramente INFIAMMATORIO

- probabilmente (esistono studi seri in merito) AUTOIMMUNITARIO

- sicuramente NON INFETTIVO

- legato al Carcinoma del pene (sempre e solo nelle fasi avanzate ed in percentuali variabili dal 3% al 15% di esse)

- CURABILE

ED IN ULTIMO:

- sicuramente NON DETERMINATO DALL'HPV.

Quindi, cerchi di farsi ben seguire in sede venereologica, e mantenga sempre alta l'attenzione.

Se ha letto in questo sito, fandonie di questo genere (Lichen sclerosus causato dall'HPV !) ci scusiamo (doverosamente e per il buon nome del nostro portale di Medicina e non di "fantasie") da parte di chi le ha scritte (sappiamo con ogni probabilità la persona - non dermatologo venereologo che le ha inoltrate).

Diffidate e comunicateci ulteriori affermazioni di tal genere.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it