Utente
Egregi Dottori,
vorrei per quanto possibile delle delucidazioni relative ad un consulto medico di mio padre (48 anni, 70 kg ca, operaio metalmeccanico, ex fumatore).
Dopo aver atteso i risultati della TAC il responso del Prof. è stato:
"neoformazione etmoido-mascellare sinistra di dubbia origine (papilloma invertito, alto)"
mentre il referto della TAC per seni paranasali è stata:
"tessuto di media densità occupa tutto il seno mascellare di sinistra, sconfinando, attraverso erosione della parete mediale, nella cavità nasale omolaterale. Impegno totale del seno frontale di sinistra e del sistema etmoidale di sinistra con erosione di alcune delle pareti cellulari. Sfumati segni di sinusite sfenoidale sinistra e mascellare destra"
Vorrei precisare che mio padre non ha mai avuto problemi di respirazione o altro tipo, neppure quando influenzato.
Ad ogni modo il Prof. ha suggerito un urgente intervento anche se le modalità dell'intervento pare possano essere comunicate solo dopo l'esame istologico, prima della stessa operazione(pertanto ignote al paziente). In caso di formazione benigna l'intervento sarà endoscopico altrimenti sarà effettuato dalla bocca. In entrambi i casi sarà rimossa totalmente questa formazione e se dovesse risultare maligna sarà rimossa anche parte dell'osso fino alla fossa orbitale.
Non sapendo come affrontare la situazione non abbiamo consultato altri medici all'infuori del già citato primario;sarebbe opportuno farlo?
Avreste dei centri in Puglia da consigliarmi o credete che possa essere opportuno proseguire con il Prof. che ha finora visitato mio padre?
Non c'è davvero alcuna possibilità di conoscere prima l'entità della formazione?
Ringraziandovi anticipatamente
Saluti

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, sono d'accordo con il Collega che ha visitato Suo padre sulla necessità di un intervento chirurgico di apertura e svuotamento dei seni paranasali interessati dal processo flogistico. Si accerti, invero, che questo intervento venga condotto per via endonasale, in endoscopia, con tecnica debrider. Se cio' non venisse confermato, si rivolga ad un altro Chirurgo che adotti questa tecnica. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#2]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
La terapia del papilloma invertito è chirurgica.
Le indicazioni fornite dai colleghi sono corrette.
Per Suo scrupolo può comunque consultare altri specialisti.
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it

[#3] dopo  
Utente
Gentili Dottori,
Vi ringrazio per la celerità e la chiarezza delle risposte.
Ad ogni modo il Prof. non ha parlato di tecniche di intervento; la via endoscopica secondo il Suo parere sarà intrapresa solo in caso di formazione benigna.
In caso di formazione maligna ha parlato di incisione al di sotto del labbro con conseguente intervento.
Sembra un'ipotesi accettabile?La cosa che più ci spaventa è il tipo di intervento...la via endoscopica è da perseguire qualunque sia l'esito dell'esame istologico?
Secondo il Vostro parere la malattia è in uno stadio avanzato?
Cordiali Saluti

[#4]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
La tecnica chirurgica è da adattarsi sempre alla natura ed estensione della lesione.
Attenda con fiducia.
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, la tecnica proposta a Suo Padre per l'asportazione della neoformazione è un po' obsoleta. Oggi si interviene in endoscopia per via endonasale. Già con questa tecnica si riesce ad entrare nel seno paranasale interessato dal processo flogistico e ad asportare in toto la neoformazione che verrà sottoposta ad esame istologico. Nella eventualità il Chirurgo cui si è rivolto non dovesse adottare la tecnoica chirurgica da me consigliata, conviene consultare un altro Specialista. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Vorrei ringraziare i Dr. Brunori e Valieri per la cordialità dei loro interventi ma soprattutto tutti coloro che lavorano per rendere efficace questo sito..grazie per il grande lavoro che svolgete giorno per giorno..mettere il proprio sapere a disposizione di tutti è segno di granda responsabilità e dedizione per il proprio lavoro

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Le Sue parole gratificano piu' di ogni altra cosa il tempo e la professionalità che dedichiamo a Voi tutti attraverso questo strumento di lavoro. Grazie a Lei e cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#8]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Il rapporto medico-paziente deve in effetti adattarsi ai tempi ed alle tecnologie.
Ringrazio sentitamente per la stima.
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it