Utente cancellato
Buongiorno Gentili medici,
da venerdi mi sono comparse sul dorso delle mani e soprattutto in mezzo alla dita delle vescichette a grappolo piene di acqua.Nonostante siano circoscritte alle mani e ,quando mi gratto,agli avambracci,ho sensazioni di prurito in tutto il corpo.
Sabato mi sono recata in farmacia,dove mi è stata consigliata lanacort pomata.dopo 4 applicazioni ancora nn ho beneficio.Negli ultimi gg nn ho cambiato saponi per il corpo ne detersivi.
In dei momenti queste vescichette sembrano secche,ma dopo la doccia o dopo che mi lavo le mani(lo faccio molto spesso) si riempiono di nuovo di acqua e prudono tanto.
Premetto che svolgo un lavoro in magazzino(quindi a rischio polvere)..ci puo essere il rischio di infezioni se cominciano a scoppiare??
inoltre ,se effettivamente fosse disidrosi(come ha detto la farmacista) quali sono i tempi di guarigione??nn è dolorosa ma molto noiosa...cosa potrei fare per accellerare la risoluzione di questo problema??e quali dovrebbero essere le misura da adottare anke sul lavoro??
Vi ringrazio e Vi saluto.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

il farmacista non deve fare diagnosi: le consiglio di validare immediatamente la sua situazione in un ambito specialistico Dermatologico al dine di chiarire con semplicità il suo quadro e di inquadrarlo - anche terapeuticamente al meglio.

carissimi saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro

28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
STENICO (TN)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Il farmacista non ha competenza nella diagnosi specialistica e rischia facendo diagnosi di sviare il cliente facendo perdere anche tempo nelle terapia con farmaci da banco per altro non idonei quale cortisonico soprattutto in estate.
Si faccia vedere dallo specialista prima che la morfologia delle lesioni non venga del tutto modificata e mimetizzata dall'applicazione di sostenze non corrette.
In fede
Dr. Elisa Cervadoro
Specialista in Dermatologia e Venereologia
Università Di Pisa