Utente 181XXX
Gentili dottori, sono un 48enne che 4 anni fa circa ha avuto, come diagnosticato dagli specialisti a cui mi sono rivolto, un primo episodio di dermatite seborroica (fronte e capelli) tenuta sotto controllo con travocort e nizoral shampoo. Lo scorso ottobre (2013) a causa delle condizioni metereologiche particolarmente piovose in casa abbiamo avuto delle grosse macchie di muffa e, nel contempo, mi si è scatenata una asma, soprattutto notturna, piuttosto seria (mai avuta prima!), tanto che mi sono rivolto alle cure dell'ospedale della mia città che, difatti, mi ha diagnosticato e curato un'asma per la quale la mia capacità polmonare, sempre stata eccellente (non fumo, non bevo e faccio sport), si era ridotta. Ora, dopo alcuni mesi di cura la mia capacità polmonare si è sistemata, ma, insieme all'asma, mi era venuta una rinite quasi continua (quella in parte anche gli scorsi anni) ma, soprattutto, mi si è scatenata la dermatite. Andando dallo specialista mi ha nuovamente diagnosticato una seborroica in fase acuta e curato con antimicotici (orali e creme) per più di un mese al che, devo dire, sono stato piuttosto bene. A febbraio/marzo è iniziata una nuova fase: macchie sul collo come se avessi tentato di impiccarmi con prurito intenso, ho pensato che fosse parte del quadro clinico che mi era stato diagnosticato e quindi ho provato a rifare la cura ma senza particolare riscontro... arrivata l'estate ho pensato che, abitando vicino al mare e andandoci sempre, il quadro migliorasse senza dover ricorrere ad altre cure ma ora, finita l'estate direi che le cose sono solo peggiorate ho prurito praticamente su tutto il corpo (la notte insopportabile) soprattutto nelle grandi e piccole pieghe (ginocchia, avambraccio, zona ascellare e orecchie) intorno alle palpebre mi si formano continuamente piaghe e piccole spaccature con squame e pelle secca il collo è la zona più colpita (secchezza e macchie come da corda intorno al collo) cerco di tenere (con alterne fortune) sotto controllo la situazione con creme lenitive (Dermexa Aveeno), Shampoo Nizoral, Zirtec e, talvolta locoidon ma, ormai la situazione è difficile. Avendo letto tantissimo sui siti come il vostro credo sia palese il fatto che abbia la "triade atopica" e non mi spiego come mai gli specialisti che mi hanno visitato non se ne siano resi conto ma mi abbiano "solo" curato per dermatite seborroica. Ora mi rivolgerò ad un ulteriore specialista consigliatomi e sarei contento se esprimeste, in base a ciò che vi ho scritto (scusatemi se mi sono prolungato), una vostra opinione. Grazie veramente per l'utilissimo servizio che offrite a chi come me sente la necessità di avere delle rassicurazioni. PS: ho fatto le prove allergiche e sono risultato allergico solo all'acaro della polvere. Possibile che questo possa anche essere uno dei problemi che riscontro andando al mare e giocando sulla sabbia? Grazie ancora.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

La sua ipotesi è plausibile ma se fosse non comprenderei come altri dermatologi non abbiano avuto lo stesso sentore: utilissima una valutazione dermatologica in tal senso per escludere una dermatite atopica dell'adulto.


Per info personali sulla dermatite atopica

http://www.latuapelle.org/rubriche/cat-1-atopia-allergie-e-dermatite-atopica

Cari saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 181XXX

Grazie per la cortese risposta Dott. laino.
Dunque, come avevo anticipato, mi sono rivolto ad un ulteriore specialista. La diagnosi è stata di "dermatite atopica in fase mooolto acuta" (non ha detto dermatite dell'adulto ma presumo sia tale visto che gli ho spiegato di non avere mai avuto dermatiti da piccino).
Mi ha spiegato perbene tutte le varie fasi fasi che si possono effettuare e, visto la situazione, mi ha detto che si deve partire con una terapia di attacco piuttosto forte che, però, dovrebbe dare gli buoni esiti ma che si dovrà comunque protrarre per qualche tempo.
La terapia è:
- Medrol 16mg da 1 cps fino a 1/4 di compressa a scalare per un totale di 1 mese e mezzo circa;
- Crema Elocon 1 volta die e poi a giorni alterni e poi 2 volte settimana solo nelle pieghe per circa 3 mesi;
- Crema lenitiva anche più volte al giorno;
- Detergente Xeracalm.
Devo dire che da tre giorni a questa parte mi sembra quasi di essere rinato l'effetto delle medicine è stato davvero veloce, il prurito è diminuito notevolmente e le screpolature, soprattutto quelle intorno agli occhi sono quasi sparite del tutto.
Che ne pensa di quanto sopra? Grazie davvero per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Utente 181XXX

Egregio Dott. Laino (o chi altri risponda), per completezza di informazione sono andato a rivedere il referto rilasciatomi dallo specialista e vi è proprio scritto: "Dermatite dell'adulto generalizzata in fase acuta". Grazie per la disponibilità, attendo pareri riguardo la cura datami, specificando che ad oggi, dopo 5 gg di cura, mi sembra come non avessi mai avuto la dermatite o quasi.
Nel caso la cura sia così funzionante da subito, pensate che il cortisone (cmp e crema) debba comunque essere preso per un periodo così prolungato? Lo specialista mi ha ispirato grande fiducia, ma chiedo solo per un confronto di idee riguardo l'approccio al problema. Grazie ancora.

[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente rileggo ora questo consulto:
Purtroppo non riesco a capire cosa si intenda per " dermatite dell'adulto generalizzata" (!) sono certo che il suo dermatologo le potrà spiegare per bene la diagnosi che a mio avviso dovrebbe essere più precisa.
Carissimi saluti.
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it