Utente 952XXX
Mi è appena stata diagnosticata una papillomatosi parafisiologica delle piccole labbra, ovviamente per avere la conferma, ed escludere la microcondilomatosi, sto aspettando di eseguire una vulvoscopia (tra più di un mese) e paptest.
La mia ginecologa ha detto che nel frattempo posso avere una normale vita sessuale (uso comunque il profilattico).
Quello che mi lascia perplessa è che per caso dovesse risultare microcondilomatosi(incrociando le dita),in questo modo, rischio di infettare anche lui magari praticando sesso orale o comunque per contatto diretto con altre parti nn coperte dal profilattico?
Premetto che con lui non ho ancora avuto rapporti quindi suppongo che lui non abbia l'hpv.
L'ultima cosa che vorrei è trsmetterglielo io...pertanto come mi devo comportare??posso stare tranquilla o devo evitare di avere ogni tipo di rapporto fino al risultato degli esami?
Vi ringrazio anticipatamente della risposta che mi darete.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN)
FANO (PU)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,la possibilità anche se non alta, pur in presenza di profilattico, di trasmettere gli HPV, c'è.
Così come attraverso il rapporto oro-genitale c'è la possibilità di contrarre qualsiasi MTS. Pertanto se vuole la certezza di non trasmettere alcunchè non le resta che aspettare la vulvoscopia.
Cari saluti
Dr.Alessandro Benini
Dirigente Medico Centro Grandi Ustionati
Osp."M.Bufalini" Cesena

[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

in aggiunta posso affermarle che un problema di irsutie vulvae (ipertrofia papillare di alcune ghiandole solitamente a carico delle piccole labbra) è di agevole diagnosi nella sede elettiva Venereologica (con l'esperto di cute e mucose genitali)

La sua diagnosi non è ancora stata fatta: le consiglio personalmente di valutare la seed indicata per un ulteriore validazione dell'ipotesi accreditata - che nulla c'entra con il condilomi e l'HPV.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#3] dopo  
Utente 952XXX

Intanto ringrazio entrambi per l'attenzione che mi avete dedicato, poi volevo chiedere ulteriori delucidazioni al Dott. Laino.
Affermando ciò, Lei intende dire che rivolgendomi ad uno specialista in venereologia, esperto in cute e mucose genitali, posso ottenere una diagnosi certa o comunque con un margine minimo di errore anche in assenza della risposta della vulvoscopia o che devo eseguire la vulvoscopia in apposito centro di venereologia?

Mi scusi per la ulteriore domanda,ma questo mi permette di decidere il percorso diagnostico più corretto e rapido possibile per il mio caso specifico.

Cordiali saluti.

[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Se vuole il personale parere, sono convinto che ogni Venereologo può fare una diagnosi di questo genere (sono diagnosi semplici per gli occhi esperti) mediante l'ausilio della sola visita.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it