Utente 129XXX
Da due mesi sono sotto terapia con il deltacortene per la cura della piastrinopenia. In questo tempo ho variato le dosi, ora sono arrivata a prenderne 75mg al giorno, ma dopo 8 gg ho avuto problemi,cioè sono gonfiata troppo sopratutto nella parte più alta del corpo e dolori alle ginocchia .Vorrei sapere se il cortisone può dare problemi con le mestruazioni e la tiroide, perchè mi sento il collo troppo gonfio e il ciclo mi sta ritardando.

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il cortisone può incidere sulle situazioni da lei descritte; è opportuno un controllo dal suo medico per valutare se modificare o nò la terapia che stà facendo
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 129XXX

Il dottore mi dice che la mia piastrinopenia è forse dovuta alla reazione di un farmaco che mi ha fatto formare degli anticorpi che mi distruggono le piastrine. Mi ha fatto la biopsia del midollo ed è tutto a posto. Per sapere la vera causa ci sono altri tipi di esami che posso fare?

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Piastrinopenie da farmaci esistono. La terapia è quella che stà facendo tenendo conto che valori di piastrine fino intorno a 40 50.000 non pongono problemi; purtroppo la terapia cortisonica protratta può causare ritenzione idrica con edemi a carico di varie zone del corpo, ecco perchè le consiglio , comunque, una visita per valutare il tutto
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 129XXX

La ringrazio tanto, domani andrò a visita e le farò sapere.
P.S. sono molto preoccupata e spaventata

[#5] dopo  
Utente 129XXX

Buona sera dottore sono andata a visita e ho fatto di nuovo l'emocromo, le piastrine con tutta la cura cortisonica si sono abbassata ancora, sono arrivate a 59000(lunedì erano a 78000).Così la dottoressa mi ha detto che le piastrine non rispondono alla cura e dobbiamo provare altre soluzioni: togliare la milza o fare una terapia con delle flebo x 6 sedute. Ma non ho capito bene che tipo di medicina usano, ho capito che sono degli anticorpi. Ho chiesto i rischi di quest'ultima e mi ha detto che è come un vaccino. Ma non capisco perchè mi consigliava l'operazione come prima opzione? Vorrei sapere se ci sono altre soluzioni(Io ho fatto terapia solo col deltacortene fino a 75mg al giorno)? Quali rischi porta la terapia con gli anticorpi?Che cosa mi consiglia? perchè entro lunedì devo prendere una decisione.
un saluto

[#6]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Le terapie alternative si fondano appunto sulla splenectomia e sull'utilizzo di anticorpi monoclonali, altre possibilità non ne conosco. Si consigli con i medici che l'hanno in cura, ma non si allarmi, sono situazioni a cui si fà fronte
Un saluto

A. Baraldi

[#7] dopo  
Utente 129XXX

Si può intervenire prima con gli anticorpi? Perchè ho molta paura dell'operazione, anche perchè mi dicono che non è sicuro al 100% che con l'intervento si risolve il problema. Perchè mi consigliano prima la splenectomia?Quali rischi possono esserci con gli anticorpi?
La ringrazio per le sue tempestive risposte è un GRANDE conforto.

[#8]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Signora, così a distanza, ho potuto soltanto dire le varie opzioni terapeutiche; ripeto che valori piastrinici fino intorno a 50.000 e, per alcuni anche fino a 30.000, necessitano soltanto di periodico controllo. In ultima analisi di solito si tende a controllare la situazione con i cortisonici, l'ultima soluzione è l'asportazione della milza che però non garantisce risoltuti risolutivi al 100 %
Un saluto

A. Baraldi