Utente 125XXX
Gentili medici,

le mie analisi mostrano un incremento dei linfociti CD8+ che ha causato inversione del rapporto CD4/CD8, mentre tutti gli altri parametri ematici (emocromo, glicemia, transaminasi, grassi ecc.) sono regolarissimi, compresa la VES. Pare che questo squilibrio non duri da poco (precedenti analisi più generiche hanno mostrato almeno negli ultimi due anni una linfocitosi assoluta che a volte c'era e a volte no). Devo leggere questo dato come preoccupante e pensare a malattie come l'HIV o un'epatite rimasta asintomatica o possono esserci anche cause banali legate a questo incremento come lo stress? Soffro ad esempio di allergie e di una sindrome autoimmune che riguarda la tiroide dove pare siano coinvolti anche i CD8, quantomeno a livello del parenchima ghiandolare. Questi i parametri nel dettaglio:

Globuli bianchi 8.55 (4.00 - 10.00)
Linfociti % 40.4 (12.00 - 50.00)
Linfociti 3.45 (0.5 - 5.00)

Linfociti T CD3+ % 79.0 (59.4 - 89.6)
Linfociti T CD3+ 2.73 (0.57 - 2.80)

Linfociti T (CD3+/CD4+) % 30.0 (28.5 - 60.5)
Linfociti T (CD3+/CD4+) 1.04 (0.6 - 2.00)

Linfociti T (CD3+/CD8+) % 45.0 (11.1 - 38.3)
Linfociti T (CD3+/CD8+) 1.55 (0.11 - 0.80)

Linfociti B CD19+ % 9.0 (6.4 - 22.6)
Linfociti B CD19+ 0.31 (0.10 - 0.50)

Cellule NK (CD3-/CD16+CD56+) % 11.0 (8.0 - 20.0)
Cellule NK (CD3-/CD16+CD56+) 0.38 (0.20 - 0.40)

Linfociti LAK (CD3+/CD16+CD56+) 11%
Linfociti LAK (CD3+/CD16+CD56+) 0.38 x 10^9/L

Linfociti T attivati (CD3+/HLA-DR+) 10.0 % (0.0 - 8.0)
Linfociti T attivati (CD3+/HLA-DR+) 0.35 (0.00 - 0.59)

Linfociti (CD4/CD8 Ratio) 0.7 (1.00 - 3.5)

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Se lei non ha avuto comportamenti a rischio, non vedo perchè pensare ad HIV. Possono essere in causa vari fattori per questa lieve inversione ed anche malattie autoimmuni. Io procederei a controlli periodici , ma senza allarmi
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 125XXX

Grazie per la sua risposta dott. Baraldi. Per adesso come lei consiglia terrò sott'occhio i valori con qualche controllo periodico e se poi dovessero persistere farò magari anche esami specifici infettivologici. Quanto ai rapporti a rischio ci sono sempre stato attento ma a volte penso come anche un bacio se ad esempio una gengiva sanguina un po' per essersi magari solo lavati i denti o per gengivite ecc potrebbe bastare per un contagio; quindi pensare che prendersi l'HIV sia molto più facile di quanto si pubblicizzi sui media mi inquieta un po' ...ma forse si tratta solo di mie eccessive preoccupazioni. Grazie di nuovo, saluti.