Utente 138XXX
Salve, 9 giorni fa all'uscita da un concerto musicale, mentre raggiungevo il parcheggio da solo, un trans ha cercato di abbordarmi.
Al mio no, ha insistito e al mio secondo rifiuto, forse un pò troppo secco, mi ha sputato addosso. La saliva mi ha raggiunto l'interno di un occhio, ho raggiunto l'auto immediatamente e ho asciugato l'interno dell'occhio con un fazzoletto e poi a casa (10 minuti dopo)l'ho lavato con molta acqua, Ora sono preoccupato.
Posso correre il rischio di contrarre epatite o hiv?
Non so se era solo saliva o aveva in bocca magari resti di sperma di qualche eventuale rapporto precedente (non mi ha vomitato addosso sperma per intenderci)e ha parlato per circa un minuto prima di sputare.
Non mi sembra, ma non posso esserne sicuro al 100% che non ci fosse nemmeno una traccia di sangue, comunque il fazzoletto non mi sembra ne presentasse tracce.
Ora sono molto preoccupato anche se ho letto che tramite la saliva non si trasmettono queste malattie.
La ringrazio per la risposta e attendo con trepidazione.

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La saliva può contenere pochissime particelle virali, se un soggetto è affetto da HIV, ma ad oggi non risultano casi di trasmissione attraverso questo fluido; quindi le modalità non configurano un rischio
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 138XXX

Grazie dottore,
e per quanto riguarda l'epatite, soprattutto la B che mi sembra aver letto che è molto contagiosa via saliva cosa mi può dire in proposito a quello che mi è successo?

Tra l'altro da alcuni giorni ho la ghiandole sotto la mascella vicino alle orecchie che se schiacciate mi fanno un pò male, non so se è solo una concomitanza di indisposizioni oppure l'impressione o altro che preannuncia qualcosa di non bello tipo epatite.

Il giorno 11/12 dovrò effettuare degli esami per un piccolo intervento alla gengiva (granuloma) e se dovessero fare anche Hbv Hcv Hiv potrebbero dare già dopo 3 settimane un piccolo responso minimamente attendibile?

Grazie e attendo sua risposta.

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Nò , non è la saliva che può trasmettere l'epatite B , ma , in genere, i contatii sessuali ed il sangue, diverso per l'epatite A che è trasmessa per via oro fecale, per cui le posso dire di stare tranquillo
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 138XXX

Grazie dottore,
comunque su internet ci sono varie pagine che legano la saliva all'epatite B.

Quindi secondo lei non sto rischiando ne epatite B/C ne HIV nemmeno se avesse avuto dei residui organici di qualche rapporto precedente nella saliva?

Grazie e scusi per l'insistenza.

[#5]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Nò, secondo me , non ha rischiato nulla
Un saluto

A. Baraldi

[#6] dopo  
Utente 138XXX

Grazie dottore, probabilmente per sicurezza farò un test tra qualche mese per tranquillizzarmi di più.

Spero proprio sia così.
grazie ancora.

[#7] dopo  
Utente 138XXX

Salve dottore,
oggi, 29 giorni dopo, ho fatto un test epatite b c e anche hiv nat.
Forse lunedì riesco ad avere l'esito.

Quanta affidabilità c'è se fatto a 29 giorni con questa metodologia? Sono comunque ancora preoccupato.

Grazie.
Un saluto.

[#8]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il test HIV NAT, NON è un test che ricerca gli anticorpi, ma l'antigene stesso ( il virus ) ed è altamente sensibile e specifico, ma poco utilizzato, giustamente, come test di screening poichè può anche presentare la possibilità , per l'altissima sensibilità, di falsi positivi. Solitamnte è un test utilizzato nei centri trasfusionali per il controllo delle sacche di sangue. Riguardo l'epatite , se c'è stato un rapporto a rischio, si dovrebbe eseguire il tests di ricerca anticorpale fino al 180° giorno. Riguardo il test HIV NAT fatto a 30 giorni và bene
Un saluto

A. Baraldi

[#9] dopo  
Utente 138XXX

Sì, dottore, è stato eseguito a 28/29 giorni da un centro Avis e mi hanno detto oggi che è negativo.

Per quanto riguarda l'epatite, non so giudicare se è stato un contatto a rischio o no, ma comunque anche quello è risultato per ora negativo.

Mi dica lei.

Grazie.

[#10] dopo  
Utente 138XXX

Dimenticavo di agguangere nella mia dei questa mattina, secondo lei quanta percentuale di sicurezza può avere un tast nat a 28 giorni?

Grazie e scusi per il disturbo.

[#11]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Viste le modalità , per epatite, ritengo non abbia corso rischi. Riguardo il test NAT la percentuale a 29 giorni è pressochè del 100 %
Un saluto

A. Baraldi

[#12] dopo  
Utente 138XXX

Grazie per la risposta dottore, ora sono più tranquillo.
Mi hanno detto che mi rifaranno i test verso l'8 gennaio così saranno passati circa 58 giorni.

Grazie ancora dottore.

[#13] dopo  
Utente 138XXX

Salve dottore,
la disturbo ancora perchè la mia ansia, che non si placa nemmeno con l'aprazolan, mi sta assillando.
Il test Nat a 28 giorni era negativo, ma in questi giorni mi è uscita herpes sulle labbra e ho una ghiandola sotto il canino dx che da ieri sera mi fa male.
Ho infiammazione in bocca dovuta a granuloma da estrarre a breve, ma il granuloma è posizionato sul canino in alto a sx e non in basso a dx, non so se l'infiammazione può riguardare anche le ghiandole poste dall'altra parte.

Potrebbe esserci il caso che l'infezione hiv possa iniziare ora. Il mio dubbio è che se quella persona avesse avuto dei residui di liquidi organici (sperma...) in bocca da altri rapporti, possa avermi contagiato, non per la saliva bensì per quei liquidi eventualmente mischiati con essa.
Scusi l'insistenza, ma nemmeno i tranquillanti mi fanno molto effetto in questi giorni.

Il test Nat lo rifarò verso il 9 gennaio, quindi a 48/49 giorni, ma arrivare fino a quella data per me è praticamente insostenibile per l'ansia che ho.

Grazie ancora ed un saluto.

[#14]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il suo unico e solo problema è l'ansia; non c'entra niente l'HIV e trovo del tutto inutile e superfluo l'ulteriore test che vuole fare. Se lei ha un granuloma è normale che vi possano essere i problemi citati; mi creda lei si stà creando problemi che non esistono
Un saluto

A. Baraldi

[#15] dopo  
Utente 138XXX

grazie per la risposta, la leggo ogni volta che mi sento proprio giù.
Grazie ancora.
Un saluto

[#16] dopo  
Utente 138XXX

Dottore,
in merito alla sua risposta che dice di non fare un ulteriore test l'8 gennaio,
è perchè reputa così remota la possibilità di contagio
e definitivo il test eseguito al centro avis dopo 27 giorni?

Comunque se faccio questo ulteriore test a circa 47 giorni potrebbe essere considerato definitivo, viste le metodologie avis?
Per ora sto vivendo come se fossi infetto in famiglia per il terrore di contagiare i famigliari.

grazie e un saluto.

[#17]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Mi scusi ma considero veramente assurdo questo suo comportamento dettato solo e soltanto da uno stato ansioso totalmente immotivato. Io le ho ripetuto mille volte che il test fatto è e rimane definitivo, poi se lei vuole spendere altri soldi per fare un inutile altro test faccia pure, ma , per me, non ce n'è alcun bisogno
Un saluto

A. Baraldi

[#18] dopo  
Utente 138XXX

Grazie dottore,
cecherò di dominare l'ansia visto che da alcuni giorni ho prurito in varie parti del corpo e che oggi mi è comparso un gruppo di puntini tipo punture di ortica e del rossore intorno che a volte mi prudono molto in zona della spalla sx.
Spero sia solo un caso dovuto alla fortissima ansia.
Grazie ancora e saluti.

[#19] dopo  
Utente 138XXX

Salve dottore,
non si arrabbi, ma sono ancora io a rompere.
Volevo solo un chiarimento sugli esami eseguiti a 27 giorni che lei mi dice di considerare definitivamente negativi per quanto mi è successo e di non pormi più il problema.

Gli esami eseguiti sono stati:
antigene di superficie virus epatite b
anticorpi anti virus epatite c
HCV/HIV1/HBV NAT
anticorpi anti virus hiv 1/2
anticorpi anti treponema P

Erano come le avevo detto negativi.
Il mio dubbio è questo, il test Nat eseguito dalla definizione scritta cerca solo Hiv 1 e quindi il dubbio per hiv 2 rimane per 3 mesi?

Grazie e scusi ancora per la mia ansia ed invadenza.

Un saluto.

[#20]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il test è nei riguardi di HIV 1; Se vuole sapere di HIV 2 faccia il test anticorpale classico, anche se, glielo ribadisco ancora, per me non ha rischiato nulla
Un saluto

A. Baraldi

[#21] dopo  
Utente 138XXX

Salve dott. Baraldi,
non le ho più scritto da gennaio perchè ho cercato di mettere il cuore in pace ed aspettare maggio per rifare gli esami.
Il 15/05 e successivamente il 05/06 ho effettuato gli esami in occasione di due donazioni di plasma ed era tutto ok. Tutto negativo (solo il colesterolo a 219, ma ho iniziato di nuovo la dieta che già seguivo e sto cercando di praticare sport).
Finalmente ho ricominciato a vivere.

Volevo chiederle un'ultima cosa, io dono plasma in media ogni 21 giorni, può causarmi qualche problema?
Faccio questo con questi ritmi da 4 anni e non mi sembra di sentirmi poco bene, anzi.
Lo faccio anche volentieri perchè mi sembra che di derivati 0- ci sia sempre necessità.

Grazie ancora per la sua opera e pazienza.
Un saluto.

[#22]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
No, non crea problemi e , cmq, c'è un controllo stretto da parte dei centri trasfusionali
Un saluto

A. Baraldi