Utente 150XXX
Salve,
Sono una ragazza di 18 anni e ho un problema che purtroppo anche dopo vari consulti non riesco a risolvere. Non molto tempo fa mia nonna materna ha avuto un trombosi e dopo vari esami abbiamo saputo che era una cosa ereditaria.
Per 2 anni ho preso la pillola contraccettiva yasminelle e dopo aver saputo di questo problema in famiglia il mio medico ha pensato giustamente di farmi fare le analisi per vedere se ero positiva.
Purtroppo sono risultata positiva e mi è stato riscontrato il Fattore V Leiden (Eterozigote).
Premetto che nei 2 anni in cui ho assunto la pillola non ho mai avuto disturbi di nessun tipo e che mia madre (positiva anche lei al Fattore V Leiden) ha assunto la pillola contraccettiva per oltre 20 anni senza mai avere nessun tipo di problema.
Il mio medico comunque mi ha subito sospeso la pillola contraccettiva e mi ha spiegato i motivi della sospensione (aumento del rischio di 30 volte ecc...)
Tuttavia io ho sempre avuto dei problemi con i preservativi che causa fastidio e intollerabilità non riesco proprio a sopportare.
Sono ormai mesi che cerco una soluzione e cercando in rete ho trovato altri casi come il mio, appunto di ragazze che soffrono del mio stesso problema ma che comunque hanno risolto grazie alla loro ginecologa che gli ha prescritto delle pillole senza estrogeni o delle mini pillole (a seconda dei casi).
Dopo essermi informata sull'esistenza di pillole come es. "cerazette" che a quanto pare dovrebbe essere più adatta per il mio problema in quanto non contiene estrogeni, mi sono recata dalla ginecologa che nonostante le mie richieste e spiegazioni mi ha detto che le pillole senza estrogeni sono come le altre normali e causano gli stessi danni se non peggiori.
La scorsa settimana allora ho deciso di fare una visita privata dall'ematologa (dove abbiamo solo parlato) e mi ha sconsigliato anche lei l'uso della pillola e mi ha spiegato anche che le pillole con progestinici sono più dannose di quelle con estrogeni.
Sinceramente sono confusa e demoralizzata. Non riesco a capire se proprio non posso assumere nessuna pillola contraccettiva o se è semplicemente la mia ginecologa e la mia ematologa a non essere ben informata.
E' tanto grave il mio caso?
Sotto vi riporto gli esami da me svolti:

- Resistenza Prot. C ATTIVATA 1.49 (Positiva)
- HBsAg NEGATIVO
- Anticorpi Anti HCV NEGATIVO
- Omocisteina 5.9
LUPUS ANTICOAGULANT (LAC)
- P-LAC screen(dRVVT) 1,00
- P-SCT(Silica Clotting Time) 1,04
La ricerca di inibitori tipo LAC è risultata negativo

Spero che saprete darmi una risposta al più presto possibile.

In attesa di una vostra risposta vi porgo i miei Distinti Saluti.
Grazie

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Le sconsigliano la pillola per quessta associazione con eventuali fatti trombotici avendo il fattore V mutato. E' unna situazione in cui effettivamente , a differenza di altre mutazioni, si è visto esserci un maggiore rischio; in conclusione sono d'accordo con la sua ginecologa
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 150XXX

La ringrazio per la celere risposta.
Escludendo quindi le pillole normali come yasminelle, nel mio caso non potrei assumere neanche pillole composte da solo progestinico di sintesi?
Da quello che ho capito a quanto pare sono gli estrogeni contenuti nelle pillole a causare un aumento del rischio trombotico (nel mio caso maggiore perchè portatrice di fattore v leiden).
Il mio dubbio era proprio capire se cambiava qualcosa con quelle con progestinici.

Spero riuscirete a risolvere questo mio dubbio, nell'attesa vi porgo i miei più Distinti Saluti.
Grazie

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gli studi fatti dimostrerebbero un coinvolgimento in fatti trambotici anche dei progestinici per cui non sono consigliabili
Un saluto

A. Baraldi