Utente 108XXX
Buongiorno. Dal 2001 scopro per caso a seguito di intervento chirurgico urgente per torsione del cieco, dato che ad ogni prelievo mi si coagulava il sangue, di avere la mutazione del fattore V di Leiden. Febbricola serale da una vita. 37,5 - 37,6.Ho tiroidite di hashimoto e nel 1990 sono stata operata di endometriosi e curata con il Danatrol. Circa 2 anni fa dato che non sentivo bene eseguivo audiometria che rileva una ipoacusia percettiva bilaterale più accentuata a destra. L'otorino prescrive RMN con m.d.c. all'encefalo e trovano focolai di gliosi in regione sopratentoriale su base vascolare. Mi inviano dal neurologo il quale alla visita mingazzini positivo, barrè positivo, lateropulsione destra, mi prescrive esame vestibolare con esito iporeflessia vestibolare destra. Diagnosi emiparesi destra. Mi danno cardioaspirina e mi prescrivono anche esami sangue che evidenziano carenza di proteina C e proteina S e resistenza alla proteina C. In seguito a debolezza anche agli arti di sinistra mi ricoverano per sospetta sclerosi multipla eseguno rachicentesi negativa fortunatamente. Mi dimettono in attesa dei referti e quando ritiro la cartella clinica la diagnosi era occlusione e stenosi di arteria precerebrale non specificata con infarto cerebrale.. Non paga di questa diagnosi consulto altra neurologa la quale mi prescrive anche i pev negativi e mi prova a dare del deltacortene per 10 gg a scalare, l'astenia al braccio sx passa. Mi consiglia visita reumatologica mi fa ripetere accertamenti sulla coagulazione con l'aggiunta del fattore VIII. Dove fattore V leiden, carenza proteina c proteina s resistenza proteina c e diminuzione fattore VIII. Stasera porto tutto in visione al reumatologo. Volevo sapere questo problema coagulativo va seguito da un reumatologo o da un ematologo? perchè partendo dall'otorino per la sordità mi sono trovata dal reumatologo, non per mio volere, ma perchè mi inviavano. Rischio qualcosa esempio se ho già un'emiparesi sicuramente portata dal problema coagulativo (immagino io)? cosa devo fare sono 2 anni che giro dietro a qeusta cosa. Oltretutto posso chiedere i permessi della 104? mi sto bruciando tutti i permessi. Grazie dell'aiuto

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La figura di scelta per le carenze di fattori coagulativi e mutazioni è l'ematologo; per quanto riguarda la stenosi arteriosa è opportuno consultare un angiologo; per i permesi non le so dire , dovrebbe rivolgersi alla sua ASL, ufficio medico legale ; sicuramente è un problema da non sottovalutare e per il quale bisogna essere seguiti dai medici di cui le ho detto
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 108XXX

Grazie Dottore della Sua cortese risposta.

[#3] dopo  
Utente 108XXX

Egregio Dottore dopo averle scritto ho avuto un picco pressorio talmente alto che mi ha portato dal cardiologo il quale vista la mia situazione che non riuscivo a stare in piedi oltre ad avere andatura falciante, mi prescrive pastiglia per la pressione e decide di farmi ricoverare in neurologia. All'esame all'ingresso, trovano paziente vigile orientata. Ipotestia arti destra al mingazzzini con F=£ E 1/2. Atassia arti di destra. Romberg positivo con oscillazioni polidirezionali maggioramente a destra, andatura falciante, hoffman positivo..
L'E.E.G. alterzazione elettriche in regioe temporo-parieto-occipitabile bilatrale con diffusioen al restate ambito encefalico.
Durante il ricovero la paziente ha praticato bolo steroideo e.v. da 1 gr con miglioramento della sintomatologia emiparetico-atassica.
In conclusione si tratta di paziente affetta da anni da ipoacusia percettiva e deficit neurologici focali bilaterali il cui quadro clinico e neuroradiologico pongono il sospetto di vasculite di Susac. Devo continuare deltacortene 25 per 3 mesi e poi fare un ulteriore controllo.
Sono contenta che dopo 2 anni di calvario hanno trovato una cura.
Grazie di tutto dottore.