Utente 221XXX
Buonasera dottore. Sono una ragazza di 30 anni. Da 2 mesi presento un linfonodo laterocervicale ingrossato non dolente e duro al tatto del diametro di 20 mm. Non ho febbre, nè altri sintomi. Ho svolto gli esami di routine, emocromo, toxo, monotest,citomegalovirus, EBV....etc che sono risultati tutti negativi a parte una mononucleosi pregressa. Alla prima ecografia svolta sia il medico radiologo, sia il mio medico di base mi hanno subito consigliato l'exeresi chirurgica ma l'oncoematologo a cui in seguito mi sono rivolta non era dello stesso parere. Per cui sono stata sottoposta ad un primo ago aspirato ed esame citofluorimetrico che però non hanno dato alcun esito. Successivamente sono stata sottoposta ad un ulteriore ago aspirato guidato da ecografia che ha dato esito negativo, per cui nessuna cellula tumorale presente. Il mio medico mi ha detto di aspettare 2 mesi per poi ripetere l'ecografia e di toglierlo se si fosse ingrandito. L'oncologo ha aggiunto che è possibile che il linfonodo si riassorba o che resti così per sempre e che non è detto che si trovi una causa per il suo rigonfiamento. Lei cosa ne pensa? La ringrazio.

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di concordare con la decisione consigliata dall'oncologo.

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-i-linfonodi-o-linfoghiandole-le-adenopatie-ed-il-sistema-linfatico.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 221XXX

Grazie mille Dottore per la pronta risposta.