Utente cancellato
Salve dott.Baraldi,
volevo un suo consulto: verso fine maggio 2011 ho avuto un rapporto a rischio, non ho avuto alcun problema di salute e ho fatto il test per hiv di 3 generazione, HVC e HbsAg
verso fine dicembre (circa 7 mesi dopo): tutto negativo. Verso i primi di gennaio 2012 ho avuto febbre circa 37, linfonodi leggermente ingrossati e fastidio agli occhi, sintomi che perdurano tuttora,
ho fatto esami di sangue e sono reattivo al citomegalovirus igg (56) con igM negative e all'EBV igg (209) con igM sempre negaive. Per quanto riguarda l'Hiv, HCV e
l'HbsAg posso stare tranquillo che i sintomi di cui soffro non c'entrano nulla con questi tre virus e che quindi i test fatti a 7 mesi sono assolutamente definitivi?

Grazie dottore

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Non c'è alcuna attinenza della sintomatologia con HIV , HCV ed epatite. Stia tranquillo
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
235812

dal 2012
grazie dottore quindi per quanto riguarda i test che ho fatto a 7 mesi di distanza dall'evento a rischio, specie per quanto riguarda il test dell'hiv di 3 generazione, posso considerare le negatività dei test all'hiv, hcv e epatite come definitive?

sa perché la dottoressa di famiglia imputa questo mio stato leggermente febbrile ai virus citomegalovirus o all'EBV che evidentemente sono in "movimento" così ha detto.

scusi ancora per il disturbo però sa sono un tipo ansioso.

grazie

[#3] dopo  
235812

dal 2012
dottore volevo dirle che i linfonodi leggermente ingrossati sono della zona del collo e dell'inguine (in quest'ultimo più che ingrossati è solo un leggero fastidio) e poi ho avuto due piccole eruzione cutanee nella zona del labbro, sicuramente uno sfogo della febbre asciugate in una settimana, simile ad un herpes della quale per altro ne soffro sin da bambino.

grazie

[#4] dopo  
235812

dal 2012
dottore mi scusi, aspetto una sua risposta

[#5] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Non c'è alcuna attinenza con HIV. I linfonodi si possono ingrandire per tanti motivi essendo organi di difesa ed anche problematiche di herpes possono causare ciò
Un saluto

A. Baraldi

[#6] dopo  
235812

dal 2012
grazie dottore quindi per quanto riguarda i test che ho fatto a 7 mesi di distanza dall'evento a rischio, specie per quanto riguarda il test dell'hiv di 3 generazione, posso considerare le negatività dei test all'hiv, hcv e epatite come definitive?

sa perché la dottoressa di famiglia imputa questo mio stato leggermente febbrile ai virus citomegalovirus o all'EBV che evidentemente sono in "movimento" così ha detto.

grazie

[#7] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Per sapere se si è sotto infezione da cito o mononucleosi bisogna fare la ricerca anticorpi; per quanto rigiarda il resto i tests fatti sono definitivi
Un saluto

A. Baraldi

[#8] dopo  
235812

dal 2012
dottore gli esami li ho fatti:

citomegalovirus IgG reattivo (56,70)
citomegalovirus IgM negativo

EBV VCA IgG positivo (209)
EBV VCA IgM negativo
EBV EBNA IgG dubbio (9)
EBV Early Diffuse IgG dubbio (16)

dottore vedendo questi risultati, le chiedo se può essere d'accordo con la mia dottoressa di famiglia?

Grazie

[#9] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Ha avuto un contatto nel passato con il citomegalovirus ma conserva soltanto gli anticorpi Ig G ( memoria immunitaria ) . Stessa cosa per la mononucleosi ma qui l'infezione è più recente. In conclusione stia tranquillo
Un saluto

A. Baraldi

[#10] dopo  
235812

dal 2012
grazie dottore gentilissimo

[#11] dopo  
235812

dal 2012
quindi dottore questo stato influenzale (circa 37°C) con questi linfonodi ingrossati e mal di gola che perdura ormai da circa un mese si può imputare alla mononucleosi (ebv) e non all'hiv? la dottoressa non mi ha prescritto nulla e mi ha detto che questi sintomi passeranno da soli bisogna solo avere pazienza.

Grazie

[#12] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
L'HIV non c'entra nulla, i tests da lei fatti, lo ripeto per l'ennesima volta, sono totalmente NEGATIVI. Dopo una mononcleosi i linfonodi possono permanere ingrossati per un periodo più o meno lungo ed anche la convalescenza è un po' lunga
Un saluto

A. Baraldi

[#13] dopo  
235812

dal 2012
grazie infinite di dottore

[#14] dopo  
235812

dal 2012
Salve dottore, vorrei un suo parere, lo stato febbrile e tutti i sintomi che le ho precedentemente descritto sono migliorati solo che verso il mese di marzo ho avuto dei dolori nella zona destra e sinistra sotto il costato (nelle zone della milza e del fegato più precisamente) soprattutto nella zona della milza, dolori che ormai sono quasi del tutto passati; ho avuto di nuovo paura dell'Hiv, HCV e HbsAg allora ho ripetuto i test che avevo fatto a 7 mesi dal "famoso" evento a rischio che erano risultati negativi, fortunatamente anche stavolta tutti e tre negativi (test fatti ormai a più di 10 mesi dall'evento a rischio).

Dottore le chiedo se posso stare una volta per tutte tranquillo in merito a questi tre virus, soprattutto in merito all'hiv (il test che ho fatto è di 3a generazione: metodo immunoenzimatico per la ricerca degli anticorpi contro gli antigeni core ed envelope dell'hiv I e II). Il test hiv fatto ormai a 10 mesi è definitivo?

Ho letto che l'ebv, che dai risultati degli esami fatti che le ho riportato nei messaggi precedenti sono risultato positivo e che lei mi ha segnalato come una leggera mononucleosi recente, può comportare ingrossamenti della milza da qui i dolori di cui possibilmente soffro?

Grazie dottore per la sua cortesia.

[#15] dopo  
235812

dal 2012
dottore mi scusi, aspetto una sua risposta

[#16] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Non posso ripetermi all'infinito perchè la cosa diventa ridicola. Lei ha tutto il diritto di continuare a fare tests all'infinito su HIV e quant'altro ma io le ho già detto tutto quello che dovevo dire e non ho proprio niente altro da dire; il suo problema è l'ansia non HIV !!!!
Un saluto

A. Baraldi