Utente 300XXX
Buongiorno.
Le scrivo per avere un ulteriore parere.
Da 15 gg ho avuto un aborto ritenuto con raschiamento alla settima settimana di gestazione. Non ho mai avuto dolori,nè perdite prima di accorgermi che il cuore del feto non batteva più,non c'erano scollamenti,niente di niente,gli esami del sangue tutti nella norma..l'unico dato "anomalo" è la proteina S libera bassa.
ad aprile,mentre cercavo la gravidanza,ho preso l'aspirinetta tutti i gg ,per 20 gg, dopodichè il valore suddetto,mai controllato prima di allora, l'ho trovato a 65 (range minimo 55).A maggio non ho più preso l'aspirinetta,avevo fastidi alla bocca dello stomaco,ma sono rimasta incinta,e il ginecologo me l'aveva prescritta.Quando gli ho detto dei miei fastidi mi dice che vuole ricontrollare i valori del pannello trombofiliaco(che a fine aprile erano ottimi,tutti) e nel caso ce ne fosse stato bisogno avrei preso l'aspirinetta o chi per essa. Intanto sono passati dieci gg prima di avere i risultati... la proteina S è scesa a 41 dopo due mesi. So che è un valore che scende un pò in gravidanza,ma mi chiedo se non sia stato fatto un errore di valutazione,magari avrei dovuto prendere qualcosa per fluidificare il sangue!Magari nel mio caso questo calo è stato determinante per l'aborto!?Ho visto la faccia del mio ginecologo e credo che non potendo assumersi la colpa ha glissato a domanda esplicita.
Vorrei sapere il suo parere in merito.
Le aggiungo che sono affetta da microcitosi o talessemia minor,il mio gruppo è zero positivo,sono inoltre affetta da endometriosi e per lungo tempo(5anni quasi consecutivi) ho assunto la pillola anticoncezionale,spesso anche in continuo, terapia poi sospesa a fine febbraio per ricercare una gravidanza.
La ringrazio anticipatamente,
cordiali saluti, G.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La proteina S può scendere in gravidanza ma il suo attuale valore non pone problemi; per il resto è il suo ginecologo che deve decidere la terapia eventuale e tutti i tests coagulativi e genetici credo che siano stati fatti .
Un saluto

A. Baraldi