Utente 814XXX
Buongiorno,volevo farvi una domanda per aver più chiaro una cosa.
Il virus del epatite C in quali modalità si trasmette precisamente?
grazie mille

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il virus dell'epatite C si trasmette per via parenterale con trasfusioni di sangue o emoderivati o per via percutanea. La modalità di trasmissione che ha maggiormente contribuito alla diffusione dell'infezione su ampia scala è stata quella per via percutanea.
Negli anni '60-'70, c'è stata una maggiore diffusione dell'infezione poichè in chirurgia ambulatoriale, odontoiatria , agopuntura ecc. non essendoci conoscenze dirette del virus , si utilizzavano strumenti non perfettamente sterilizzati , era molto poco diffuso o inesistente il monouso e, quindi, la strumentazione era impiegata per più pazienti.
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 814XXX

La ringrazio molto,scusi però la mia ignoranza ma "via percutanea" si intende scambio con il sangue?
E ad esempio gli altri liquidi biologici(secrezioni vaginali,sperma) contengono il virus?
La ringrazio molto,è sempe interessante avere risposte da un esperto

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Via percutanea significa atraverso la cute quindi siringhe, aghi, tatuaggi con aghi non monouso ecc. Ad oggi sono molto rari i casi trasmissione per via sessuale a differenza del virus B .
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 814XXX

Buongiorno Dottore,ieri mattina per sbaglio ho utilizzato un rasoio di un mio coinquilino e mi sono leggermente tagliato.Lo stesso rasoio era stato utilizzato da lui circa un ora prima.Ora non conoscendo molto bene lui e ipotizzando che abbia qualche malattia(HIV o HCV)..ho corso un rischio?Il sangue sul rasoio deve essere visibile o basterebbero pochi residui tra le lame per essere cmq contagioso?Passandolo prima sotto l'acqua ho potuto eliminare eventuali tracce di sangue?
Leggo su internet che il virus ha una resistenza molto inferiore ai 60 minuti ma volevo chiedere il suo parere.
La ringrazio tanto

[#5]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Se parliamo di virus HIV, questo vive molto poco nell'ambiente esterno; diverso il discorso per epatite B e C i cui virus sono molto più resistenti. Comunque se il suo vicino non ha problemi particolari non dovrebbe aver corso rischi anche se, lo ricordi sempre, non si utilizzano mai rasoi, forbicine, spazzolini, pettini, ecc. di qualcun altro
Un saluto

A. Baraldi

[#6] dopo  
Utente 814XXX

..quindi se ho capito bene anche se ci fosse qualche dubbio sul mio coinquilino che on conosco ancora benissimo..
Per quanto riguarda l'hiv non avrei corso rischi giusto?Discorso diverso per le epatiti..
Quindi per correre il rischi di infettarsi basterebbero delle piccole quantità di sangue se ho capito bene.
Ma passando il rasoio sotto l'acqua cambia qualcosa?Grazie ancora

[#7]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Per l'epatite basta una piccola quantità, per l'HIV la quantità deve essere maggiore. Non possiamo sapere, a priori, se la quantità di acqua è stata sufficiente a pulire il rasoio per cui particelle infinitesimali di sangue possono rimanere sul rasoio.
Un saluto

A. Baraldi

[#8] dopo  
Utente 814XXX

La ringrazio molto..