Utente 424XXX
Buongiorno, scrivo per dirimere un dubbio che mi crea molta ansia ed al quale dovrò comunque una risposta.

Nel mentre cerco di capire la mia situazione per affrontare nel migliore dei modi l'esperienza del test HIV a cui mi dovrò sottoporre.

A fine luglio 2018 durante i controlli previsti per la Sarcoidosi (asintomatica - no terapia) polmonare e della milza con granulomi da cui sono affetto ho effettuato un esame del sangue che ha evidenziato una lieve linfocitopenia :

Globuli bianchi 4.01 migl/mmc (4 - 10.90)
Linfociti 22,2%
Linfociti 0,89 migl/mmc * (1 - 4.50)
ACE 152* (8-52)

Sono così stato richiamato 3 giorni dopo per ripetere gli esami e mi è stato fatto l'esame delle sottopopolazioni linfocitarie. A tre giorni di distanza il valore dei linfociti è tornato nella norma, ma l'esame delle sottopopolazioni linfocitarie ha evidenziato un numero basso di linfociti tcd4 :

Globuli bianchi 4.10 migl/mmc (4.00 - 10.90)
Linfociti 25,7%
Linfociti 1,06 migl/mmc (1.00 - 4.50)

Linfociti valore assoluto 1060 n/microl
CD3 (T LINF) 66,8% (60 - 87)
CD3 (T LINF) V.A. 708 n/microl (860 - 2607)
CD3+ CD4+ ( T HELP) 28,3% (32 -61)
CD3+ CD4+ V.A. 300 n/microl (493 - 1666)
CD3+ CD8 35,1% (14-43)
CD3+ CD8+ V.A. 372 (222 - 1112)
CD4+CD8+ (T IMM) 1.19%

Premesso che non so cosa significhi l'ultima riga (cd4+cd8 t imm 1,19%) perchè da quelle analisi il rapporto cd4/cd8 dovrebbe essere 0,8, il mio medico mi ha richiesto un test HIV. La cosa mi ha molto spaventato, ed essendo il giorno prima della partenza per le vacanze, ho deciso di aspettare di effettuare il test al mio rientro (nel frattempo astenendomi ovviamente da qualsialsi rapporto sessuale).

Al rientro, dopo un periodo di riposo (tra l'altro al termine di un anno molto faticoso dal punto di vista fisico per il lavoro che faccio) ho deciso di ripetere gli esami del sangue completi - necessariamente in altro laboratorio- per capire se affrontare il test con la giusta serenità.

Trascorsi 20 giorni, i risultati degli esami del sangue hanno dato tutti valori nella norma, facendo permanere una lieve alterazione della % dei cd4 (però saliti oltre le 500 copie) e del rapporto cd4/cd8 questa volta riportato chiaramente in riga con il valore di 0,86:

Globuli bianchi 4.58 migl/mmc (4.00 - 10.90)
Linfociti 38,4%
Linfociti 1,76 migl/mmc (1.00 - 4.50)
ACE 140* (8-52)

Linfociti valore assoluto 1759 n/microl
CD3 (PAN 7) 71% (56-86)
CD3+ CD4+ ( T HELP) 30%* (31 -58)
CD3+ CD4+ 528 m.m.c
CD3+ CD8 35% (13-39)
CD4+/CD8+ 0,86

Entrambe le tipizzazioni evidenziavano normale distribuzione delle popolazioni e sottopopolazioni studiate.

Ora, i quesiti che le pongo sono questi:
- Può la Sarcoidosi ridurre il rapporto cd4/c8 nel sangue fino ad invertirlo ?
- Come è possibile, in soli 20 giorni, un picco di cd4+ che da 300 unità sono diventati 528 ?
- In base a questi esami, ci sono fattori che possono far presupporre o meno una infezione da HIV (ultimo test effettuato negativo ottobre 2016) ?

Grazie se vorrete rispondermi!

[#1] dopo  
Dr. Michele Cimminiello

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
8% attualità
16% socialità
POTENZA (PZ)
SAN MICHELE DI SERINO (AV)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Rispondo in maiuscolo alle sue domande che riporto in copia/incolla:

- Può la Sarcoidosi ridurre il rapporto cd4/c8 nel sangue fino ad invertirlo ?
CERTO CHE Può ESSERE.

- Come è possibile, in soli 20 giorni, un picco di cd4+ che da 300 unità sono diventati 528 ?

PERCHE' LA CITOPENIA DEL PRIMO PRELIEVO ERA MOLTO LIEVE, CIOE' DI POCA Entità.

- In base a questi esami, ci sono fattori che possono far presupporre o meno una infezione da HIV (ultimo test effettuato negativo ottobre 2016) ?

NON CREDO; COMUNQUE CONVIENE RIPETERE IL TEST, VISTA L'INDICAZIONE CHE HA DATO IL COLLEGA SUO MEDICO DI FAMIGLIA.

La saluto
Diventa donatore di MIDOLLO OSSEO:

Chi dona il MIDOLLO dona la VITA !!!