Utente 112XXX
Gentile dottore,
qual'è l'aspettativa di vita di un uomo con policitemia vera non curata?
All' eta di 16-17 anni ho avuto valori di Globuli rossi 6.00 ematocrito 50 emoglobina 16.
Oggi, ho 30 anni e i valori sono: rossi 5.63; ematocrito 45, emoglobina 15.4
Ho paura che si tratti di una policitemia non curata, anche se per 4 anni (fino ai 20) sono stato a controllo presso un ematologo.
In caso di policitemia si possono abbassare da soli i valori mascherando la malattia?
con l'ematologo non ho mai effettuato cure, ma controlli molto approfonditi si.Grazie

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La policitemia vera è una malattia a se stante che necessita di cure sintomatiche, poichè non può guarire. Tra i sintomi non c'è soltanto globuli rossi elevati, ma tanti altri. Mi chiedo e le chiedo : è stata fatta una diagnosi effettiva di policitemia vera o no ? Anche perchè , di solito, i valori dei rossi sono molto più elevati
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 112XXX

Non è mai stata effettuata una diagnosi di policitemia.
Ripropongo il mio quesito:
In caso di policitemia si possono abbassare da soli i valori mascherando la malattia?
Ho solo una gran paura che la cosa sia stata trascurata.In 14 anni di vita avrei dovuto avere qualche problema?

Quali sono gli altri sintomi di cui lei parla?

Grazie Grazie Grazie

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La policitemia vera è caratterizzata da una colorazione rossa della cute, aumento della massa sanguigna con valori spesso compresi tra 7 e 9 milioni di rossi, iperviscosità del sangue, aumento di volume della milza, facile presenza di complicanze trombotiche e/o emorragiche. E' caratterizzata sintomatologicamente da cefalea, ronzii auricolari, vertigini, disturbi visivi, deficit della menoria ecc. C'è un segno caratteristico della malattia ed è prurito diffuso dopo bagni soprattutto in acqua calda. Questo prurito che non è presente nelle altre policitemie deriva da un alto tasso di istamina che è rappresentato dal valore aumentato dei basofili. La milza è aumentata di volume ed anche il fegato in una certa percentuale di casi lo è. Io non penso che lei abbia tutto questo corredo sintomatologico, ecco perchè la invito ad approfondire la cosa con il suo ematologo
Un saluto

A. Baraldi