Utente 112XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 28 anni e vorrei avere un vostro parere riguardo al mio caso.
Da circa 4 mesi mi è stato diagnosticato un nodulo alla tiroide di 2,7 cm diametrali (visibile guardandomi il collo anche ad occhio nudo). Dalle analisi ematiche avevo tsh molto alto (senza tuttavia alcun sintomo ipo o iper tiroideo) e anticorpi molto alti. La conclusione è stata che il mio sistema immunitario “distrugge” anche l’ormone tiroideo e dunque la ghiandola deve fare un super lavoro per non far avvertire al mio organismo carenza di questo ormone. Questo iper-lavoro avrebbe causato la comparsa del nodulo. Ho iniziato a prendere Eutirox per “mettere a riposo” la tiroide e nel frattempo cercare di stabilire la natura del nodulo. Il tsh è infatti sceso a 1. Purtroppo però, pur avendo ripetuto 3 volte l’ago-biopsia, in nessun caso si è riusciti ad ottenere un esito certo. La diagnosi è sempre la stessa: lesione follicolare indeterminata. Nell’ultimo caso tra parentesi si indica “possibile benignità”. Tuttavia non avendo la certezza che il nodulo sia benigno mi chiedo se non sia il caso di asportare il nodulo chirurgicamente per poi procedere all’esame istologico. In caso di non intervento, e nell’ipotesi che il nodulo non sia benigno, non corro alcun rischio a tenerlo lì?
Vi ringrazio sentitamente per il consiglio
Cordiali saluti
Alessia

[#1]  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2004
Gentile utente, purtroppo il suo caso rientra in quelli in cui l'esame citologico puo' essere ripetuto mille volte ma con la stessa "diagnosi dubbia".
Questo impone l'asportazione chirurgica del nodulo per consentire l'esame istologico che potra' chiarire la benignita' o meno della lesione nodulare.
Auguri.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
https://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#2]  
Dr. Boris Franzato

24% attività
0% attualità
12% socialità
CASTELFRANCO VENETO (TV)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Concordo con il Dr. Di Martino. La diagnosi citologica consiglierebbe caldamente l'intervento chirurgico e l'esame istologico, tenuto conto che a volte neppure l'esame estemporaneo può dirimere il dubbio, quindi è opportuna la lobectomia tiroidea del lato dove è presente il nodo e attendere l'esame istologico definitivo.
Boris Franzato
Chirurgia generale e Videochirurgia
Castelfranco Veneto -Treviso-

[#3]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Concordo con l'indicazione chirurgica formulata
dai colleghi.
La "lesione follicolare" non può essere in altro modo
accertata e la "definizione di probabile benignità" non
esclude in alcun modo l'atto invasivo.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4]  
Dr. Andrea Muzza

24% attività
0% attualità
12% socialità
SAVONA (SV)
LOANO (SV)
FINALE LIGURE (SV)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
cara utente credo che il buon senso porti ad un indicazione chirurgica di emitiroidectomia allargata all'istmo, lasciare in situ un nodulo di 2,7cm alla sua età è un rischio da non correre, affronti però il tutto senza fretta. buona fortuna.
Dott. Andrea Muzza
Specialista in Otorinolaringoiatria
Dirigente Medico I livello Ospedale San Paolo Savona
www.andreamuzza.it