Utente
gentilissimi dottori circa cinque mesi fa ho avuto un attacco di diarrea molto forte seguito da panico e malessere generale.gironi dopo ho vuto disturbi di tipo respiratorio come se nonriuscissi a fare il respiro lungo,la pancia sempre gonfia con diarrea al mattino e uno stato si spossatezza giornaliera.poi ho assunto antibiotici per curare una tracheite,macladin 500.ora ho sempre una patina bianca sulla lingua,faccio molta aria e un giorno si uno no mi sento spossato mancanza di attenzione.Dico un giorno si uno no pechè da tempo è una costante.Mispiego meglio,il giorno che mi svegli alle 5.00 del mattino sono pimpant il giorno dopo che per lavoro posso alzarmi più tardi sono spossato confuso tutto il giorno.questo mirende nervoso e credo mi provochi ansia e stress.non riesco a capire quale sia lo stato dl mio malessere.
potrei avere un cosniglio?
ho fatto analisi complete circa due mesi fa,avevo gli eosinofili un po alti e i globuli rossi leggermente alti anche la sideremia,il mio medico nonha dato peso a questi valori .

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Buongiorno, non credo che i suoi disturbi o almeno buona parte dipendano da una sindrome dell' intestino irritabile, credo che una visita del suo medico di base sia la cosa piu' corretta per impostare un iter diagnostico. auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
concordo con il collega che mi ha preceduto: alla diagnosi di "sindrome dell'intestino irritabile" si perviene "per esclusione" di altre cause organiche che possano provocare sintomi analoghi.
Una ulteriore visita medica con la ripetizione delle analisi di laboratorio (magari prendendo in considerazione il profilo-immunoallergico) penso sia il primo passo per far chiarezza sulla sua situazione.
Intanto, se non lo sta già facendo, limiterei attualmente l'alimentazione all'introduzione di cibi facilmente digeribili evitando latte, latticini e prodotti con lieviti, oltre, naturalmente, a quelle pietanze che possa aver notato che le provocano i sintomi o ne incrementano l'intensità.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#3] dopo  
Utente
intanti Vi ringrazio per la tempestiva risposta,grazie di cuore.
Oggi sono stato dal mio medico e mi ha trovato piuttosto indurito toccandomi la pancia esattamente sotto lo sterno e verso destra.
mi ha dato i seguenti farmaci per 10 giorni,digerent mattina e sera una compressa e pantorc 20 solo la mattina una compressa dice che secondo lui in 10 giorni dovrei star meglio.
un Vostro consilio? grazie ancora e buon lavoro