Utente 251XXX
Gentili dottori,
da circa una settimana sto soffrendo parecchio a causa delle emorroidi. Dapprima si è verificato solo un abbondante sanguinamento in seguito alla defecazione. Dopo aver applicato Proctoial gel (prescrittomi dal gastroenterologo per un episodio verificatosi circa due anni fa) ho iniziato ad avere bruciore e difficoltà a espellere le feci. Ho preso contemporaneamente anche Flebinec (anch'esso su consiglio del medico) ma il sanguinamento è leggermente migliorato, senza arrestarsi mai del tutto. Adesso sono circa 3 giorni che soffro tantissimo, la notte non riesco a dormire, quando sento lo stimolo di andare in bagno sudo freddo al pensiero delle fitte lancinanti che provo. Ieri ho dovuto sforzarmi per liberarmi completamente ed ho perso molto sangue, inoltre, dopo aver applicato il gel ho notato al tatto che la mucosa è diventata più secca, quasi rugosa, per cui ho pensato che fossero insorte delle ragadi, anche in relazione ai forti dolori provati. Spesso, durante la notte, ho provato una sensazione di scossa elettrica ad una gamba (forse dovuta allo stress e alla stanchezza). La mia paura più grande è che, temendo lo sforzo e i dolori delle defecazione, possa verificarsi un occlusione e un indurimento delle feci, cosa che mi è già capitata quando fortunatamente non avevo le emorroidi e che mi ha fatto stare molto male. Martedì ho la visita specialistica, nel frattempo avreste qualche consiglio da darmi? Soffro di tiroidite di Hashimoto (che al momento non sto curando in quanto l'Eutirox mi provocava stati ansiosi) e sto ancora assumendo 10 mg di Daparox per curare una sindrome ansioso-depressiva. Ho interrotto da poco l'assunzione di Xanax in maniera graduale e lenta, cosa per cui non ho riscontrato problemi. Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non si allarmi e in attesa della visita specialistica può assumere del polietilenglicole per ammorbidire le feci e ridurre il fastidio.


Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 251XXX

La ringrazio per la risposta e per il consiglio. Speriamo bene.

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Tutto si risolverà. Auguroni.



Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 251XXX

Grazie Dr Cosentino.
Oggi sono stata dallo specialista che dopo avermi fatto l'anoscopia (per me dolorosissima) ha riscontrato la presenza di una ragade e di un'emorroide sentinella. Il forte dolore proveniva proprio dalla ragade e il dottore mi ha prescritto i seguenti farmaci:
Dilatan 2 volte al giorno per 2 minuti per 3 settimane
Antrolin crema sul dilatatore e nel canale anale prima dell'introduzione
Gentalyn crema da applicare a livello anale due volte per una settimana
Gefaderm per la pulizia quotidiana
Casenlax una bustina al giorno per ammorbidire le feci
Tra un mesetto devo tornare per una nuova visita ma il dottore ha menzionato anche la possibilità di consultare un chirurgo...Sono veramente spaventata dall'idea di inserire il Dilatan, soprattutto per quanto riguarda la misura più grande. Provando un forte dolore ho paura di non sopportare il dilatatore. Inoltre, a causa del numero dei farmaci prescritti ho dimenticato se la Gentalyn la devo inserire all'interno del canale o solo esternamente. Sulla ricetta è scritto esattamente come l'ho riportato qui, ossia a livello anale, vuol dire esternamente?
Vi ringrazio per le vostre risposte e per il supporto morale.

[#5] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La pomata va messa esternamente e cerchi di effettuare in modo corretto l'applicazione del dilatatore. É importante.


Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente 251XXX

Purtroppo a causa dei fortissimi dolori non ho avuto ancora il coraggio di usare il dilatatore. Non sono riuscita ad andare in bagno nè ieri nè oggi in quanto le bustine di lassativo le ho dovute ordinare (non erano presenti in farmacia). Sono terrorizzata dall'idea che le feci si induriscano ma non ho nessuna sensazione di dover defecare (sia ieri che oggi ho saltato il pranzo). Vi terrò aggiornati sull'andamento del problema anche per essere di aiuto (lo spero) a chi, come me, soffre di questo terribile fastidio.
Buona serata.

[#7] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
A risentirci ed auguroni.


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Utente 251XXX

Gentili dottori, vi aggiorno:
ho iniziato la terapia prescritta ma non ho riscontrato benefici. Ieri sera ho provato ad usare il dilatatore la prima volta e, sebbene abbia faticato molto, ci sono riuscita. Poi durante la notte sono iniziati dolori terrificanti, che mi hanno tenuta sveglia tutta la notte. In preda alla disperazione ho applicato nuovamente l'antrolin migliorando di poco il dolore. Ho preso il lassativo, applicato la gentalin e, finalmente, alle 16 sono riuscita a dormire qualche ora. Ovviamente non ho usato il dilatatore, i dolori erano talmente forti che ho sudato freddo ad inserire la cannula dell'antrolin. Poco fa sono andata in bagno con dolori tremendi, mi sono fatta forza e sono riuscita a liberarmi. Il risultato è stato sangue abbondante ed in parte coagulato. Adesso io mi chiedo, come faccio ad usare i dilatatori se i dolori sono così forti? Non è che non abbia forza di volontà, è proprio una cosa insopportabile, a volte mi sembra anche di perdere i sensi per il dolore provato. Ho provato a chiamare lo specialista per chiedergli se, eventualmente, posso integrare la cura con qualche antidolorifico o con il proctolyn (che in precedenza mi dava un pò di sollievo) ma non risponde nè allo studio nè al cellulare. Inoltre volevo chiedergli se posso usare i dilatatori una volta che il dolore si è attenuato almeno un pò.
Sono disperata, non faccio altro che parlare di questo problema e cercare soluzioni anche su internet. Addirittura sono arrivata a pensare di farmi ricoverare per farmi praticare le cure in ospedale sotto controllo medico e sotto antidolorifici o di trovare qualcuno disposto ad operarmi subito.
So che non potete dare indicazioni mediche ma vi chiedo di rispondere, per quanto vi è possibile, a queste due domande:
Vi risulta che si possa associare un antidolorifico, anche abbastanza forte, per facilitare le operazioni di inserimento dei dilatatori?
E' possibile ricorrere all'uso dei dilatatori una volta che il problema dolore sia come minimo tollerabile? C'è un modo per alleviare questo tormento che non sia l'uso dei dilatatori?
Grazie infinite.

[#9] dopo  
Utente 251XXX

Un'ultima domanda: nella situazione in cui mi trovo è consigliabile muoversi il più possibile o stare a riposo?

[#10] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ovviamente può usare degli antidolorifici ed impiegare il dilatatare nei momenti di relativo sollievo. Il movimento non dovrebbe incidere sul dolore.


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#11] dopo  
Utente 251XXX

Dottore la ringrazio...oggi la situazione sembra essere un tantino migliorata anche se da ieri dopo essere andata in bagno ho notato dei coaguli di sangue che rimangono attaccati all'ano e vengono via durante il lavaggio. Inizio a preoccuparmi perchè leggo un pò dappertutto che i coaguli possono essere segno di qualcosa di più serio...Intanto finchè non sarò in grado di sottopormi ad una nuova visita non posso sperare di saperne di più. Lei cosa ne pensa? Può essere una normale formazione del sangue fuoriuscito dalle emorroidi o dalla ragade?

[#12] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Credo si tratti di un sanguinamento di origine anale, da emorroidi o da ragade....


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it