Utente
Buonasera,

Scrivo qui per un chiarimento riguardante un dubbio che la mia mente ansiosa, ai limiti del paranoico, si porta dietro da qualche ora.

Circa tre giorni fa ho avuto una giornata di nausea con un episodio di vomito "quasi" indotto e febbre 37.5-38, seguito da altri due giorni di leggero malessere generale, nausea e inappetenza. Premetto che in questi tre giorni ho mangiato e bevuto molto molto poco, per i problemi sopra elencati e che comunque la mia alimentazione è la più errata possibile (grassi, carboidrati, zero frutta, zero verdura, poca acqua, moltissima Coca cola).

Pensai che il tutto era dovuto a un banale virus intestinale, fin quando non mi resi conto che è da quando sono stato male che faccio urine arancioni, poco fluide, sembrerebbero un po' dense e stamattina, l'evento che mi ha fatto preoccupare, mi sono accorto, mentre controllavo urina, di aver fatto delle feci molto molto chiare.

I miei finora pochi studi universitari in medicina e la mia mente paranoica mi hanno fatto subito pensare a una cosa: TUMORE DEL PANCREAS.

so benissimo che è molto sbagliato saltare subito alla conclusione peggiore, ma noi ipocondriaci siamo fatti così.

Ho quindi successivamente collegato leggeri dolori in zona epigastrica e posteriori lungo la schiena al medesimo problema.

Chiedo pertanto, gentilmente, rassicurazioni, seppur con i limiti di un consulto telematico, riguardanti la mia paura che mi ha fatto venire un vero e proprio attacco di panico e magari anche cercare di capire il motivo di queste feci chiare e urina arancione.

Preciso inoltre che da sempre ho i valori di bilirubina diretta e indiretta alti (probabile Gilbert?) e che il giorno del malessere e quello successivo assunsi tachipirina, una fiala di Plasil, paroxetina e alprazolam, che però assumo già da quasi due anni dietro prescrizione medica.

Vi ringrazio per la risposta, vi auguro una buona serata.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Nessun rumore. Si tranquillizzi. Il colore delle feci e delle urine è legato alla sua alimentazione e grado di idratazione.



Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo dottor Cosentino,

Infinite grazie per la sua risposta, vorrei aggiungere ulteriori dettagli. Le ultime due urine a distanza di due ore sono stato di color giallo chiaro, non più arancioni. Proprio mezz'ora fa ho effettuato nel reparto dove svolgo il tirocinio, ecografia addome e esami del sangue. Questi ultimi mostrano una bilirubina totale di 2.49, bilirubina diretta 0.82, bilirubina indiretta 1.67. Got 52 Gpt 81.

L'ecografia invece mostra il seguente referto:
Esame notevolmente ostacolato dall'intenso meteorismo intestinale sovrapposto, per quanto valutabile. Fegato visualizzato solo parzialmente appare ad ecostruttura steatosica.
Colecisti nel cui lume si evidenzia modesta sabbia biliare .
VBI e VBE non dilatate.
Pancreas non visualizzato per l'interposto meteorismo intestinale.
Milza di regolare morfovolumetria.
Non idronefrosi.

Alla luce di quanto su scritto, mi potrebbe gentilmente confermare che, anche se il pancreas non è visualizzato, il mio timore ad oggi risulta infondato dato che le vie biliari interne ed esterne non sono dilatate? Oltretutto, aggiungo che dagli esami ematici i valori di lipasi ed amilasi risultano perfettamente nella norma, rispettivamente di 41 e 32. Dato che dovrebbero avere anch'essi, se non erro, un'importanza rilevante.

Nel caso in cui la mia deduzione sia esatta, può una modesta sabbia biliare causare queste feci color argilla? La mia alimentazione è sempre stata così "devastante" da sempre e non mi aveva mai dato particolari problemi.

La ringrazio nuovamente, attendo sue notizie. Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Esatto. Nessuna patologia e confermo quanto ho detto prima.

Non ci pensi......

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it