Utente
Gentilissimi professori, avevo già aperto un consulto a luglio 2015, nel quale mi era stato praticamente detto di seguire le indicazioni del mio gastroenterologo. Egli è sia epatologo che gastroenterologo ed è competente. Tuttavia non ho grandi benefici dalle sue indicazioni.
Da quando avevo circa 16/17 anni ho iniziato ad avere sintomi diarroici più o meno cronici. Nel tempo la situazione è peggiorata ed ora, purtroppo, ottobre e novembre 2015 li ho passati praticamente in casa. Non faccio più una vita normale: per andare all''università ho 1 ora e 15 di percorso sui mezzi: spesso capita di perdere il treno o rischiare di avere un''incontinenza sul treno stesso o nel bel mezzo di una lezione. Uscite serali quasi nulle. Mi piace molto stare con gli altri e sto soffrendo molto purtroppo.

I sintomi sono sempre gli stessi: ho bruciori in basso a destra, più raramente a sinistra, a volte ho anche dolori, ma sono meno frequenti dei bruciori. Ho costante presenza di muco/mucosa nelle feci (anche le pochissime volte che le feci sono più formate c''è sempre muco), ho feci molto sfatte (a volte proprio una poltiglia gelatinosa che lo sciacquone fatica ad eliminare), ho feci quasi liquide e bruciore anale. Non mangio molto, ma la quantità di feci è molto copiosa (rispetto a quanto ingerisco).
Altri sintomi sono i seguenti: nausea al mattino, rigurgiti, mal di gola con un ispessimento a sinistra in zona ugola.
Inoltre ho sintomi STRANI: a volte ho movimenti involontari, tipo tic sotto l'occhio, in zona bicipite o tricipite, in zona renale.. (sono poco vistosi e non credo gli altri si accorgano). Ho spesso bruciore agli occhi, difficoltà a prender sonno, poca concentrazione e stanchezza. Sono un po' sottopeso.
Da ragazzino (12/13 anni) avevo una carenza di ferro.

1)Ho effettuato una eco-addome completa che ha evidenziato una presenza di liquido come per fatto enterico e anse intestinali lievemente ispessite.
2)Tuttavia la colonscopia con biopsie effettuata 1 anno fa, dopo la eco-addome, è risultata nella norma.
3)Una gastroscopia recente con biospie in duodeno e antro che ha evidenziato una beanza cardiale, con malattia da reflusso, presenza moderata di bile nello stomaco. Helicobacter negativo. La biopsia duodenale sembra nella norma (dunque pare che io tolleri il glutine) a parte una lieve flogosi cronica a livello di antro, ma non è nulla di rilevante.
4)La Calprotectina fecale aveva valore di 375 mcg/gr
5)Ho effettuato esame urine 24h ed esami del sangue specifici per sindrome da carcinoide.
Unico valore alterato è la "enolasi neurone specifica" 17,1 mcg/L ( limite massimo 12.5)
6) Dagli esami del sangue "standard" effettuati da poco risultavano fuori norma i seguenti valori:
- CPK Creatinfosfochinasi più alta 255 U/L (limite 195)
- Acido Folico 2.40 ng/mL carente (valore di riferimento 5.38)
-Cell. Neutrofile Perossidasi-positive leggermente puù basse 48/100 (valori 50-70)
- Cloro nei limiti 98 mmol/L (valori 99-109)

A giorni vedrò lo specialista, ma appunto purtroppo, per il momento, la mia vita sociale è veramente ridotta. Voi cosa ne pensate?
Grazie molte della disponibilità.


[#1]  
Dr. Carmelo Favara

36% attività
20% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Sicuramente l'iter diagnostico è corretto anche se vorrei farle delle domande:
1) durante la colonscopia è stato esplorato l'ileo ed eseguite biopsie sia all'ileo che al colon?
2) la gastroscopia è stata eseguita facendo una dieta alimentare normale o mangiava senza glutine?
3) ha eseguite terapia medica? quale? e con quali risultati?

In attesa di sua risposta
cordiali saluti
Dr. Carmelo Favara
www.gastroenterologi.altervista.org

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottor Favara, grazie per la tempestiva risposta. Cerco di precisare meglio.
1)All'inizio di febbraio 2015 mi sono sottoposto a colonscopia e gastroscopia contemporaneamente; Tuttavia il medico di base non ha indicato l'indicazione per la sospetta celiachia e non hanno fatto le biopsie al duodeno. La gastroscopia aveva rilevato beanza cardiale, esofagite da reflusso e presenza di Helicobacter (che è stato curato da tempo)
Le riporto il Referto della colon.
" Adeguata toilette intestinale. Si risale ad esplorare l'ultima ansa ileale che presenta aspetto come da iperplasia linfoide coerente con l'età del paziente (biopsie n1)
Cieco ampio e con mucosa rosea. Valvola I-C di aspetto abituale. Regolare canalizzazione ed austratura, mucosa rosea e lucente, abituale rappresentazione del disegno vascolare sottomucoso.
Biospie al colon destro 2 e sinistro 3 per trofismo di mucosa e per ricerca di colite microscopica.
Retto ampio con mucosa integra" (biospie n4).
La biopsia ileale indica " mucosa ad architettura conservata, normale rappresentazione dei villi, assenza di incremento dell'infiltrato infiammatorio cronico nella tonaca propria; presenza di singolo follicolo linfoide con espansione del centro germinativo; reperto negativo per displasia. "
Le 3 biopsie rimaenti al colon e al retto erano nella norma.

2) il 2 novembre 2015 ho allora ripetuto la gastroscopia con indicazione per "sospetta celiachia". Nella mia vita ho sempre assunto glutine, tranne ad agosto 2015 di quest'anno in cui, per meno di 30 giorni ho eseguito una dieta priva di glutine. Tale indicazione è arrivata dal Pronto Soccorso mentre ero in vacanza: presentavo un forte bruciore alla bocca della stomaco e non riuscivo più a mangiare assolutamente nulla. Il P.S. inoltre mi ha rentrodotto gli inibitori di pompa protonica per circa un mese. In ogni caso a settembre, sotto indicazione del gastroenterologo, ho ripreso la dieta libera per non falsare la biospia duodenale.

3) Per Helicobacter un doppio antibiotico(Claritromicina e Levofloxacina) per 15 giorni. A febbraio 2015. Ha funzionato: come ha evidenziato il breath test e l'ultima gastroscopia.
Per il reflusso ho preso esomeprazolo e gaviscon per circa 5/6 mesi. Ora prendo solo gaviscon, sempre su indicazione dello specialista. I risultati erano buoni nel senso che i rigurgiti sono stati per un periodo meno acidi e i bruciori diminuiti (tuttavia eruttavo comunque aria). ORA invece sento spesso succo acido e sapore dell'alimento ingerito.
Per mal di pancia e diarrea a Luglio 2015 ho assunto x 7 giorni il Normix per numero di scariche liquide giornalmente molto elevato. Poi per 1 mese probiotici. Almeno così le scariche sono un po' diminuite anche se non sono mai sparite.
Da settembre ho indicazioni con probiotici, Duspatal antispastico e Diosmectite. Il fatto è che la terapia non da gran sollievo e spesso l'antispastico è quasi inutile. Le faccio un esempio che mi è capitato: alle ore 9.00 assumo l'antispastico a causa di bruciori e dolori, ma alle 9.45 devo correre lo stesso in bagno. Dopo mezz'ora un'altra scarica. Le scariche si calmano, ma ho bruciore che continua fino a sera e anche il giorno successivo.
ALIMENTAZIONE
Inutile dire che ho eliminato già da tempo latte, formaggi, peperoni, cioccolato, pizza, caffè e solo ogni tanto metto un velo di sugo sulla pasta.

La ringrazio per il tempo dedicato.

[#3]  
Dr. Carmelo Favara

36% attività
20% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Il suo iter è stato impeccabile ma i disturbi a quanto ho capito persistono; le consiglierei di eseguire un'ecografia addome superiore per lo studio della colecisti che può causare sia i bruciori che la diarrea.
in attesa di suo riscontro
la saluto
Dr. Carmelo Favara
www.gastroenterologi.altervista.org

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottor Favara, grazie per il suggerimento. Lo riporterò al gastroenterologo tra pochi giorni. Volevo chiederle se i valori riportati (sono di 15 giorni fa) possono indicare qualche cosa, oppure se sono irrilevanti.
Le chiedo ciò perché un amico laureando in medicina ha affermato che la carenza di acido folico può essere indice di malassorbimento.

- CPK Creatinfosfochinasi più alta 255 U/L (limite 195)
- Acido Folico 2.40 ng/mL carente (valore di riferimento 5.38)
-Cell. Neutrofile Perossidasi-positive leggermente puù basse 48/100 (valori 50-70)
- Cloro nei limiti 98 mmol/L (valori 99-109)
-enolasi neurone specifica 17,1 mcg/L ( limite massimo 12.5)

Grazie e buona giornata

[#5]  
Dr. Carmelo Favara

36% attività
20% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Come le dicevo esegua l'ecografia, anche un eccesso di bile nell'intestino può provocare un ridotto assorbimenti di molti micronutrienti pertanto...
a presto
Dr. Carmelo Favara
www.gastroenterologi.altervista.org

[#6] dopo  
Utente
Gentile Dott. Favara ho effettuato oggi una ecografia addominale completa con studio delle anse intestinali. L'ecografia, effettuata al Policlinico di Milano, è stata molto precisa e non ha rilevato alcuna anomalia. Fegato, milza, colecisti, pancreas, reni, vescica e prostata tutte regolari. Anche le anse tutte nelle norma. "Alcune linfoadenomegalie mesenteriche parafisiologiche in considerazione all'età di 20 anni. (Diametro max 1.5cm). Mentre effettuava l'esame la dottoressa ha commentato osservando tratti di colon spastico. La diagnosi di "colon irritabile" sembra dunque formulata. Purtroppo ora come ora nessuna terapia si è dimostrata molto efficace, nemmeno la dieta FODMAP. Il dolore permane anche per molte ore e non migliora molto dopo le evacuazioni (sempre con muco). Tutto ciò che so è che ho una carenza di folati e Vitamina D, che devo reintegrare, che ho una calprotectina fecale più alta della norma, ma inutile da sola per una diagnosi e che ho una beanza cardiale che provoca spesso reflusso. Che ho un BMI nel limite, ma vorrei pesare di più. Le chiedo come è possibile essere in tale situazione a 20 anni e con una Vita difficoltosa. In ogni caso sono tranquillo per la mia salute, ma vorrei capire se la ricerca scientifica sta cercando un rimedio perché vedo il mio futuro molto grigio. Grazie

[#7]  
Dr. Carmelo Favara

36% attività
20% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Il suo quadro comunque è poco chiaro e le consiglio di eseguire una RM del tenue
mi faccia sapere
Dr. Carmelo Favara
www.gastroenterologi.altervista.org

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore, volevo chiederle se l'entero risonanza magnetica necessita di preparazione simile a quella della colonscopia. Inoltre da una visione completa del sistema digerente? (quindi non solo del tenue). Le chiedo ciò, perché, avendo una enolasi neurone specifica, un po' più alta, il curante mi ha dato come ipotesi estrema un piccolo tumore benigno che potrebbe eventualmente, essere localizzato da qualche parte. Inoltre può essere utile un nuovo dosaggio della calprotectina fecale e su quanti campioni? Grazie della disponibilità.

[#9]  
Dr. Carmelo Favara

36% attività
20% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Per maggiori dettagli sulla RM ne parli con il medico che eseguirà l'esame che sicuramente le potrà fornire tutti i dettagli sull'esame che secondo me deve essere eseguito
la saluto
Dr. Carmelo Favara
www.gastroenterologi.altervista.org

[#10] dopo  
Utente
Gentile dottor Favara, volevo aggiornarla : secondo la dottoressa che mo segue non c'è bisogno per ora di effettuare la enterorisonanza. Tuttavia ho appena effettuato un esame di controllo su cslprotectina fecale. Inoltre mi è stato prescritto un esame parasito logico su 3 campioni perché ho rinvenuto un corpo estraneo nero nelle feci. In base ai due risultati decideremo cosa fare. Volevo chiederle se effettuando un esame parassitologico vengono rinvenuti eventualmente anche parassiti particolare e non solo quelli standard. Grazie. Cordiali saluti.

[#11]  
Dr. Carmelo Favara

36% attività
20% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
L'esame parassitologico le dice se e quali parassiti sono presenti nelle feci. ma la calprotectina che ha eseguito che valore ha dato?
Dr. Carmelo Favara
www.gastroenterologi.altervista.org

[#12] dopo  
Utente
Gentile Dr. Favara, volevo aggiornarla. Ricapitolo gli ultimi esami

- Colonscopia di un anno fa con biospsie -> NEGATIVA
- EGDS di novembre 2015 -> Positiva x reflusso gastrico, ristagno mucoso con tracce di Bile, Duodeno e villi normali.
- Ecografia addome completo e delle anse intestinali NEGATIVA
- Carenza di Acido Folico, carenza di Vitamina D, in diminuzione anche la B12, tuttavia senza carenza
- Aumento ematico delle IGE. Tuttavia la terapia con anti staminico non ha fatto effetto. La dieta è già stata ristretta.
- CPK più alta 255 U/L (limite 195)
- Calprotectina Fecale di 1 mese fa --> 71 microg/g è diminuita rispetto ai 300 dell'anno scorso. Tuttavia, in questo periodo stavo tentando una terapia di agopuntura e stavo assumendo Curcumina, che forse, date le proprietà anti-infiammatorie, potrebbe aver alterato l'esame. Mi rimetto a lei. L'agopuntura non ha portato benifici.
-Esame sierico Zonulina positivo con 59 (val mass 38)
- Indicano e Scatolo Urinario -> Indicano positivo per una Disbiosi media
- Sono in attesa dell'esame parassitologico, effettuato presso il Policlinico di Milano.

La diarrea è sempre dolorosa, raramente notturna (circa 1 volta al mese), ma spesso vengo svegliato, mentre ancora sto dormendo, la mattina presto dai dolori e dalla diarrea. Oltre a ciò ho spesso afte e carie in bocca, congiuntivite e reflusso. Sicuramente non ho una patologia grave, ma tutto l'insieme mi sta danneggiando in più:

1) Dopo aver preso Esomeprazolo da febbraio 2015 fino a luglio, la diarrea è peggiorata di molto e ho avuto capogiri inspiegabili che mi hanno tenuto a letto per giorni. Tolto l'IPP i giramenti di testa sono scomparsi. Ora il reflusso è tornato. Ovviamente ho fatto tutto ciò seguendo la specialista.
2) Mi è stato consigliato di effettuare un Breath test al Lattulosio in quanto gli IPP possono aver provocato una SIBO. Lei concorda?
3) In effetti, quando questa estate presi il Normix sempre secondo indicazione, vidi un miglioramento per 1 mesetto, ma poi la situazione è degenerata.
4) Vorrei sentire un allergologo per un vaccino per tollerare gli acari della polvere,sperando almeno di risolvere la congiuntivite. E' una cosa fattibile?
4) Lei cos'altro consiglia di fare?

Grazie per il suo tempo.


[#13]  
Dr. Carmelo Favara

36% attività
20% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
La sua situazione è abbastanza complessa per poter essere gestita in questa sede; per quanto riguarda l'agopuntura o medicine alternative non saprei dirle in quanto non ho esperienza. Per la SIBO le posso dire che qualsiasi situazione/farmaco può provocarla.
Per il resto ripeto è difficile in questa sede capire bene il suo quadro.
Dr. Carmelo Favara
www.gastroenterologi.altervista.org