Utente
Buongiorno
Sono una donna di 37 anni, è da quando ne ho memoria soffro di colite e di gastrite.
Ho avuto da poco la mia seconda bimba è il livello di stress è salito a livelli stellari.
Sono di natura ansiosa e di recente ho scoperto di soffrire di Tiroidite di Hashimoto per la quale sono in cura.
Con la cura l'ansia sembra essere diminuita e con essa i problemi di stomaco, nel senso che quando sono spensierata questi bruciori di stomaco non li sento, così come la sensazione di acidità nella gola.
Premetto che sono intollerante al latte vaccino, quindi evito il più possibile alimenti con latte vaccino e mangio carne rossa una volta la settimana prediligendo la carne bianca e per via di una dermatite seborroica che mi accompagna da diversi anni cerco di evitare anche i lieviti.
Sono robusta e in sovrappeso ho un indice di massa corporea di 26, alta 1,70 per 82 di peso e dopo la gravidanza e la tiroide i kg sono ancora qui, ma sono sempre stata robusta e e in sovrappeso. Ora sto allattando ancora è una dieta dimagrante non riesco a farla.
Inoltre ho avuto problemi di colon irritabile (flatulenza, stipsi alternata a feci molli e dissenteria) .
Cerco di mangiare almeno una porzione di verdura al giorno e mangio molta frutta. Bevo 2 lt di acqua al giorno , non fumo più da 7 anni e non bevo alcool di nessun genere. Solo caffè una volta al giorno e un decaffeinato.
Sport non riesco a praticarne ma riprenderò a correre quanto prima.
La sera bevo spesso tisane al finocchuo e rilassanti per stomaco e stress.
Ma capitano comunque giorni in cui lo stomaco proprio non ne vuole sapere è già dalla mattina dopo colazione ho fastidi e bruciori e pizzicori, mentre altri in cui mangio di tutto e digerisco senza problemi. Anche nelle gravidanze mai avuto nausea.
A fine agosto (tempi sanità ) avrò visita con gastroenterologo, nel frattempo sto prendendo gaviscon quando lo stomaco da molto fastidio evitando cibi irritanti e prendo carbone vegetale e Simeticone dopo i pasti . Ho notato che si accentua questo fastidio con l'arrivo dell'estate . Di recente son stata visitata dal medico curante e dal endocrinologo, i quali hanno tastato addome ed intestino Trovando quest'ultimo un po' gonfio, in effetti mentre sentivo la pressione delle mani sentivo come un palloncino nella pancia .
Cosa mi consigliate? Quali cibi evitare e quali prediligere ?
Inoltre ho notato che sudo molto e sotto il seno il reggiseno ha odore di ammonisca mentre sotto le ascelle ha il classico odore di sudore. Questo solo adesso capita, mentre il bruciore e la colite sono ricorrenti.
Sono un po' ipocondriaca immaginandomi i peggiori scenari. Dite che tutto dipende da stress e ansia ?
Grazie in anticipo per i consigli .

[#1]  
Dr. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Cara signora purtroppo poichè sta allattando non si possono prendere farmaci (tipo omeprazolo o similiari) che agirebbero in maniera determinante sui suoi disturbi gastrici. Può prendere del Riopan gel a digiuno per proteggere meglio lo stomaco assieme al gaviscon che le protegge l'esofago. dosi frequentemente il TSH perchè con la tiroidite di Hascimoto si può andare all'improvviso in ipotiroidismoe quindi bisogna assumere l'Eutirox. per il sudore sotto il seno deve fare molta attenzione per evitare che si formino funghi o dermatiti. ovviamente deve prendere dei reggiseni che siano leggeri oltre che in grado di sostenere le mammelle. può usare il cloruro di alluminio (lo compra in farmacia o in erboristeria) e se lo passa sotto il seno frequentemente dopo ogni lavaggio. dovrebbe ridurre la sudorazione. comunque cerchi di usare sapone neutro quando si lava per evitare irritazioni cutanee. per quanto riguarda i cibi da evitare: latticini, burro, panna, formaggio fresco, insaccati, carne di maiale, cibi fritti), Cibo piccante, (peperoncino, pepe, chilly), Cibi grassi (,Cibi caldi e liquidi, Menta e Cioccolato, Alcol, caffè e thè, Alimenti a base acida (Tutti gli agrumi: arance, pompelmi e limoni, succo d’arancia, succo di pompelmo, succo di mirtillo). cordialmente
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Professore Ordinario di Chirurgia Generale Università di Modena e Reggio Emilia

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno,
Dopo tanto tempo torno a chiedere un cortese parere per il mio problema.
Ahimè il bruciore di stomaco dopo un ora dal pasto è tornato, si attenua per una o due settimane ed io poi abuso di cose proibite è quello si ripresenta. Ho smesso di allattare ed ora sto programmando una gastroscopia. Ammetto che la componente nervosa e stress nel mio caso la fa da padrone.
Ma ho deciso di seguire una dieta regolare che aiuti contro il problema di stomaco che ho. Inoltre ho sostituito eutirox con tiche perché mi dava problemi di assorbimento del farmaco il latte contato nel eutirox.
Vorrei un parere però in attesa dell' esame:
Sono molto ansiosa (penso non aiuti la tiroide )
Il bruciore si presenta come dicevo dopo i pasti un ora circa con eruttazioni. La sensazione di acidità in gola è minima e comunque il bruciore di presenta nella parte alta dello stomaco.
Da sdraiata peggiora. Poi si placa e il mio stomaco a vuoto non da problemi.

[#3] dopo  
Utente
Aggiungo che a settembre 2016 mi son sottoposta a visita da Gastroenterologa, ma la dr.ssa ha riscontrato disturbi gastrici su base emotiva (stress ed ansia) senza indicarmi esami approfonditi.
Consigliandomi un gastroprotettore all'occorrenza.
Ad oggi soffro ancora periodicamente sia di stress che di briciori, l'errore che faccio è che appena sto bene torno a bere caffè (che mi fa male e mi rende nervosa) .
Il mio medico però mi ha consigliato di fare una Gastroscopia dato che secondo lui oramai ho la gastrite cronica.

[#4]  
Dr. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signora penso che la gastroscopia con ricerca dell'Helicobacter Pylori sia necessaria. Ovviamente certi cibi le faranno sempre male (caffè, cioccolata, alcolici, aceto, pomodori ecc). Utile è assumere (dopo la gastroscopia) dei farmaci tipo Omeprazolo o similari. Sfortunatamente lo stress non se lo può togliere e quindi è necessario che vi faccia fronte con una blanda dieta e farmaci. Cari saluti
Gerunda
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Professore Ordinario di Chirurgia Generale Università di Modena e Reggio Emilia

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno,
vorrei aggiornarvi in quanto il 21 aprile ho eseguito la gastroscopia.
La diagnosi è stata Gastrite Antrale che se non ho capito male è quella comune provocata dallo stress.
Sono in attesa di ritirare gli esiti della biopsia, ma non son stati riscontrate anomalie o lesioni.
Nel frattempo sto seguendo una dieta ad esclusione di alcuni alimenti a cui sono intollerante e che se assunti durante periodi di forte stress mi acutizzano il bruciore.
Il mio endocrinologo/dietologo mi sta seguendo con una dieta (in quando ho hashimoto) e sostiene che tutti i malesseri che sono dati dalle mie intolleranze.
che ne pensate?

[#6]  
Dr. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signore se lei ha una gastrite antrale (bisogna vedere se con o senza infezione da Helicobacter Pylori-HP) sicuramente molti disturbi derivano da li (complice lo stress). Penso che il suo medico le abbia consigliato di assumere farmaci (tipo omeprazolo o similari) e procinetici (per scaricare meglio lo stomaco). La dieta sicuramente la farà digerire meglio se evita i cibi a cui è intollerante. Se Poi dovesse essere infetto dall'HP dovrà fare anche una breve cura con degli antibiotici.
Cari saluti
Gerunda
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Professore Ordinario di Chirurgia Generale Università di Modena e Reggio Emilia

[#7] dopo  
Utente
Gent.mo Dr. Gerunda,
il medico non mi ha consigliato nulla se non un antiacido all'occorrenza e un farmaco di cui non ricordo il nome nel caso avessi eccessiva aria nella pancia.
Confermo comunque che nei periodi di "relax" digerisco benissimo senza alcun problema.

[#8] dopo  
Utente
Gent. mo Dr Gerunda
Le confermo che ho ritirato il referto della biopsia e non è stato rilevato il batterio.
Quindi l'unica soluzione per me è domare lo stress.

[#9]  
Dr. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signore ovviamente se si fosse capaci di dominare lo stress molte malattie sparirebbero. Per questo è comunque essenziale usare i farmaci adeguati alla situazione clinica (gastrite antrale). cari saluti
gerunda
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Professore Ordinario di Chirurgia Generale Università di Modena e Reggio Emilia