Utente
Egregi Dottori Salve,

Avrei qualche domanda da porvi e vi faccio un quadro della situazione.

Premetto che non soffro di bruciore di stomaco, ho uno stile di vita sano e faccio sport con regolarità.
Da circa 10 giorni mi si è presentato un fenomeno alquanto bizzarro, quando ingoio cibo ed in particolar modo i liquidi, avverto una leggera fitta proprio tra l'esofago e lo stomaco (mai dolore), passa qualche secondo e avverto la stessa fitta intensificarsi e propagarsi fino al torace destro, lato alto, tra clavicola e sterno. Non è molto dolorosa ma alquanto fastidiosa e di varia intensità, dura qualche minuto e poi sparisce. Stranamente la fitta è più intensa quando assumo liquidi che cibo e senza differenze di temperatura.
Martedì 5/09 scorso sono stato dal medico di base che mi ha dato una cura a base di Riopan e Lansoprazolo 15mg, con la quale, passati circa 5 giorni oltre ad un leggerissimo miglioramento non ha avuto particolare effetto.
Questo Lunedì 11/09, parlando con un amico di famiglia,( vecchio chirurgo in pensione), mi ha consigliato di prendere in maniera addizionale alla cura una compressa di Motilium da 10 mg la sera e la mattina per una settimana. Il miglioramento è stato estremamente evidente a partire da stesso la sera di lunedì, e ieri e oggi, dopo solo due giorni, il fastidio quasi non lo avverto proprio più, anzi riesco a percepire la facilità e la regolarità con la quale ingoio senza alcuna fitta o dolore o altro fastidio.

Stasera però ho preso la compressa con molto ritardo rispetto alle 12 ore consigliate, ho subito dopo cenato, e durante gli ultimi bocconi mi si è ripresentata la fitta, non forte come prima ma era praticamente da due giorni, fino a stasera che non l'avevo più percepita e la cosa mi ha molto turbato, poi, dopo qualche oretta, ho mangiato un po di frutta e tutto è sparito nuovamente.

Se potesse essere utile come informazione, una settimana prima del fastidio ho mangiato una pizza incandescente, era talmente calda che dal dolore in bocca l'ho ingoiata. Ho provato un forte dolore momentaneo ma poi niente più, sono stato bene per il resto della settimana, poi il sabato sono andato a mangiare fuori, ho mangiato male e ho avuto un leggero bruciore di stomaco e tra la domenica e il lunedì è incominciato il fastidio... Vi faccio presente questo aneddoto perché sono le uniche anomalie in merito che mi vengono in mente e mi rendo conto che potrebbero non avere nulla a che fare con l'evento.

1) Secondo voi di cosa potrebbe trattarsi? Dovrei preoccuparmi seriamente?

2) Se stasera appena prima di cena ho preso in ritardo la compressa di motilium e ho riavuto il fastidio, potrebbe dire che quando sospenderò il motilium allora il problema mi si potrebbe ripresentare come in partenza?

3) Che tipi di eventuali accertamenti mi consigliereste?

In attesa di un Vs. gentile riscontro porgo i miei più cordiali saluti

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Potrebbe trattarsi di un'infiammazione dell'esofago (ustione alimentare ?) e sarebbe utile una gastroscopia.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Salve, La ringrazio tanto per il suo consiglio professionale, ne parlerò sicuramente con il medico curante nella speranza che mi faccia la prescrizione di tale analisi.

Per quanto riguarda il fatto che avendo ritardato l'assunzione della compressa di motilium il problema mi si sia riaccennato cosa starebbe ad indicare secondo lei? Questo farmaco agisce solo da copertura al fastidio o è anche una cura?

Ammettendo che si possa trattare da esofagite da post ustione, parliamo di qualcosa che possa avere conseguenze importanti e/o richiede una lunga guarigione anche nonostante non soffro di bruciori di stomaco?

La ringrazio ancora per la pazienza e la Saluto

Fausto

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
il farmaco non guarisce ma favorisce lo svuotamento dello stomaco e è possibile parlare di previsioni se non viene fatta una diagnosi.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Salve Dottore,
Ho effettuato la gastroscopia, a parte l'esito della biopsia all'Helicobacter che avrò tra una decina di giorni, non è stato evidenziato nulla di anomalo, unico neo il cardias leggermente incontinente ma che al momento non crea alcun problema. Purtroppo il dolore al torace appena a dx dello sterno alto, sotto la clavicola continua ad essere li presente.... Non so più che fare, il dolore si accentua e si irraggia al passare di ciò che ingoio.. Domani dovrò tornare dal medico di base, sono un po demoralizzato dopo un mese e non non aver ancora risolto nulla...

[#5] dopo  
Utente
Salve Dottore,
In ultima Istanza il medico di famiglia, dopo avermi fatto fare tutta una serie di analisi del sangue che mi ha riferito essere da incorniciare e Radiografia al torace che non ha riportato nulla, mi ha detto che sono sano e che il problema può essere psicologico e di non pensarci più.
Tralasciando le mie considerazioni personali a tale affermazioni, Le chiedo: a cosa può dipendere questa sorta di "crampo esofageo" quando ingoio? E' vero che molto leggermente si è attenuato ma lo devo tenere così finché sparisce? cosa mi consiglia? Oramai sono quasi 2 mesi.... Mi consiglia qualche farmaco? Magari continuo a riprendere il motilium che solo all'inizio mi ha portato qualche leggero giovamento ma che dopo 15 giorni ho interrotto?
Saluti e Grazie

[#6]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Mi spieghi meglio: quando deglutisce sente solo male o sente a volte il cibo bloccarsi ?
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#7] dopo  
Utente
Buongiorno Dott.Cosentino, La ringrazio vivamente per l’interessamento, spero che qualcuno di Voi possa indirizzarmi.

Non ho mai avuto la sensazione che il cibo si bloccasse. E' come se avessi un nervo accavallato nel torace appena lateralmente lo sterno e sotto la giunzione della clavicola destra. E' un dolore leggerissimo che avverto di base, specialmente di mattina appena sveglio , lo avverto di più come retro sternale,a volte durante la giornata non lo avverto neanche, ma appena ingoio, dopo qualche istante che il bolo arriva nello stomaco è come se venisse sollecitato questo nervo, in un punto ben preciso dell'esofago che non riesco a ben identificare ma più o meno sempre alla stessa altezza e sempre sul lato destro. Per tanto tempo ho avuto la sensazione che l’irraggiamento di questo dolore combaciasse proprio alla chiusura del cardias dopo il passaggio del cibo. Dopo che il bolo scende e arriva nello stomaco parte questo fastidio che intensifica il dolore dietro lo sterno nel lato destro del torace.
Le dico di più, la cosa strana è che ho la sensazione che sia leggermente più accentuato con i liquidi.
Nessun dolore durante respirazione, nessun altro tipo di fastidio, se non quando ogni tanto con qualche eruttazione in forma più leggera ho lo stesso fastidio, giusto per ricordarmi che è sempre li.
Per il resto mi sento in perfetta forma.
Tengo ad evidenziare che all'inizio, un paio di mesi fa, quando è apparso è stato all'improvviso, una mattina mi sono svegliato e avuto questo dolore ma il tutto era decisamente molto più intenso. Questo da un lato mi rasserena un po.
Tra tutti gli esami svolti è risultato solo il cardias leggermente incontinente che tra l’altro sapevo già di avere con esofago regolare e non infiammato, RX torace che non ha evidenziato nulla, esame del sangue perfetto ecografia addome tutto regolare tranne una cisti al rene di 9,2 ma nulla ha a che fare.
L'unica mia richiesta fatta al medico è stata una Risonanza per vedere che c'è, ma ha detto che non saprebbe come giustificare la cosa.
Ho iniziato a prendere nuovamente il motilium che almeno mi assopisce leggermente il fastidio.. Non saprei che altro fare.
Le chiedo scusa se mi sono divulgato ma mi rendo conto che lei ha bisogno di info quanto più precise possibili.

Grazie Ancora per l'interessamento.
Saluti

[#8]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Si tratta di un disturbo aspecifico non facilmente inquadrabile in qualche patologia. Continuerei con i procinetici.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#9] dopo  
Utente
La ringrazio, Continuo per un altra ventina di giorni con il motilium, o consiglia altro?

[#10] dopo  
Utente
Buongiorno Dott.Cosentino, La ringrazio vivamente per l’interessamento, spero che qualcuno di Voi possa indirizzarmi.

Non ho mai avuto la sensazione che il cibo si bloccasse. E' come se avessi un nervo accavallato nel torace appena lateralmente lo sterno e sotto la giunzione della clavicola destra. E' un dolore leggerissimo che avverto di base, specialmente di mattina appena sveglio , lo avverto di più come retro sternale,a volte durante la giornata non lo avverto neanche, ma appena ingoio, dopo qualche istante che il bolo arriva nello stomaco è come se venisse sollecitato questo nervo, in un punto ben preciso dell'esofago che non riesco a ben identificare ma più o meno sempre alla stessa altezza e sempre sul lato destro. Per tanto tempo ho avuto la sensazione che l’irraggiamento di questo dolore combaciasse proprio alla chiusura del cardias dopo il passaggio del cibo. Dopo che il bolo scende e arriva nello stomaco parte questo fastidio che intensifica il dolore dietro lo sterno nel lato destro del torace.
Le dico di più, la cosa strana è che ho la sensazione che sia leggermente più accentuato con i liquidi.
Nessun dolore durante respirazione, nessun altro tipo di fastidio, se non quando ogni tanto con qualche eruttazione in forma più leggera ho lo stesso fastidio, giusto per ricordarmi che è sempre li.
Per il resto mi sento in perfetta forma.
Tengo ad evidenziare che all'inizio, un paio di mesi fa, quando è apparso è stato all'improvviso, una mattina mi sono svegliato e avuto questo dolore ma il tutto era decisamente molto più intenso. Questo da un lato mi rasserena un po.
Tra tutti gli esami svolti è risultato solo il cardias leggermente incontinente che tra l’altro sapevo già di avere con esofago regolare e non infiammato, RX torace che non ha evidenziato nulla, esame del sangue perfetto ecografia addome tutto regolare tranne una cisti al rene di 9,2 ma nulla ha a che fare.
L'unica mia richiesta fatta al medico è stata una Risonanza per vedere che c'è, ma ha detto che non saprebbe come giustificare la cosa.
Ho iniziato a prendere nuovamente il motilium che almeno mi assopisce leggermente il fastidio.. Non saprei che altro fare.
Le chiedo scusa se mi sono divulgato ma mi rendo conto che lei ha bisogno di info quanto più precise possibili.

Grazie Ancora per l'interessamento.
Saluti

[#11]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
È un disturbo inconsueto. Potrebbe comunque eseguire una manometria per lo studio della motilità dell'esofago.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it