Utente
Buona sera mi chiamo Francesco e ho 24 anni...da circa 2 anni a distanza di 2 o 3 mesi circa si presenta un dolore molto forte alla bocca dello stomaco che si protrae anche per più di 12 ore...mi decido a farmi vedere e il medico di famiglia mi prescrive per 2 mesi pantoprazolo da 40 1 compressa prima di colazione. una volta passati i 2 mesi interrompo la terapia ma il dolore dopo poco riappare. con il pantoprazolo la situazione era bellissima, niente più dolori di stomaco. Una volta ripresentato il dolore mi decido a fare una serie di esami tra cui gastroscopia, esami del sangue, esami delle urine, usami della celiachia e del lattosio:
gastroscopia esito: piccola ernia da scivolo e gastrite, non lesioni ne mucosa alterata helicobacter p negativo
esame celiachia negativo
esame lattosio positivo
esami del sangue e delle urine perfetti.
Un anno prima di fare questi esami sono stato ricoverato a Pontedera sempre per il suddetto dolore. ecografia fatta e niente rilevato tranne che la milza un po ingrossata ( sono portatore sano di anemia mediterranea). ora il gastroenterologo con cui sono in cura mi ha fatto fare la cura del pantoprazolo di due mesi da 40 mg. Finita la cura circa 2 settimane fa interrompo e inizialmente tutto ok sto bene ma dopo poco si presente un acidità di stomaco la mattina appena alzato, comunico tutto al gastroenterologo e lui mi prescrive ranitidina da 300 mg. la mattina l'acidità sparisce ma con il passare dei giorni l'acidita aumenta di pomeriggio tanto che mi torna in gola, acidità molto amara e forte. ieri sera mi si ripresenta i primi sintomi del tanto odiato dolore alla bocca dello stomaco, inizia a gonfiare leggermente la pancia e inizia un dolore leggero alla bocca dello stomaco che va sempre aumentando fino a diventare insopportabile. Il dolore dura anche più di 12 ore, un dolore insopportabile. oggi mi ripresento dal gastroenterologo che mi riconferma la cura di pantoprazolo e ranitidina per 15 giorni, dopo 15 giorni devo interrompere la ranitidina ma mantenere il pantoprazolo....il gastroenterologo di Pisa (molto bravo a detta di molti) mi assicura che non ho niente di grave visto tutti gli esami fatti che sono negativi, però ancora oggi non si riesce a trovare una soluzione a questo dolore che mi viene. Sembra quasi una coltellata, un cazzotto, un dolore molto forte mi riesce anche poco spiegarlo a parole. una volta che il dolore cala si sposta nella pancia lasciandomi per tutto il giorno dopo e anche più tutto contratto.
Aggiornamento dopo 2 mesi....il mio gatroenterologo dopo avermi fatto fare in totale una cura di 5 o 6 mesi di pantoprazolo decide di abbassare gradualmente la dose passando da 40 mg a 20 mg....dopo 1 settimana che prendo la pasticca da 20 mg, stanotte si ripresenta il dolore anche se in forma più lieve ma si è protetto fino a questo momento...il dolore è iniziato ieri alle 18 circa....non so più cosa fare...chiedo il vostro aiuto..grazie

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Puo' essere reflusso ma non escluderei una esofagite eosinofila o una discinesia. Ne parli con il gastroenterologo. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Il mio gastroenterologo mi rassicura dicendomi che se era qualcosa di più grave(colon,pancreas,fegato ecc ecc) anche con il pantoprazolo la situazione degenerata, anche secondo voi è così?

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Non ho capito
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente
Il mio gastroenterologo mi ha detto che se era qualcosa di più grave(colon,pancreas,fegato ecc ecc) anche con il pantoprazolo la situazione sarebbe aggravata particolarmente... anche secondo voi è così?

[#5]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Non capisco cosa intenda dire
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#6] dopo  
Utente
Mi scusi se sono poco chiaro, volevo far capire che se ci sono dei problemi al fegato, pancreas collon o altro i sintomi si sentono anche se prendo il pantoprazolo o vengono mascherati?....mi sono anche accorto che ho i vermi bianchi nelle feci, possibile che ho i vermi da 3 anni e che mi generano tutti questi disturbi?

[#7]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Non credo. Difficile dirlo. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#8] dopo  
Utente
Per quanto riguarda il pantoprazolo può nascondere malattie più gravi agli altri organi tipo pancreas, colon, fegato ecc ecc?

[#9] dopo  
Utente
Aggiornamento: il gastroenterologo mi ha fatto una ecografia...tutti gli organi apposto l'unica cosa che ancora avevo tutto il cibo sullo stomaco....avevo mangiato alle 13 e 30 circa e ancora alle 17 e 40 non avevo digerito (pasta e piselli in bianco)....mi ha detto che la mia digestione non funziona più bene e mi ha detto di continuare pantoprazolo da 20 e mi ha detto di prendere una nuova pasticca che si chiama levopraid 25 mg 1 pasticca 20 minuti prima dei pasti per pranzo e cena...come mai non funziona più la mia digestione?

[#10]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Non saprei.Forse è un problema di motilita'?
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it