Utente
Gentili Dottori,

sono ben 6 giorni che ho crampi molto forti allo stomaco e alla pancia senza vomito o diarrea. In particolare, anche mia sorella ha la stessa sintomatologia, tuttavia accompagnata da vomito e diarrea.

Io e mia sorella, pochi giorni prima della sintomatologia, abbiamo consumato del salmone cotto al forno; io, invece, anche del salmone affumicato qualche giorno prima.

Siamo stati in Pronto Soccorso perché ambedue oramai non più intolleranti ai dolori, nonostante l'assunzione di farmici come debridat, pantorc e, a volte, plasil capsule. I medici dell'Ospedale ci hanno evidenziato una infiammazione del colon: per quanto mi riguarda, irritazione del lato basso destro, mentre a mia sorella è stata riscontrata una gastrite. Ci hanno consigliato un ecoaddome e alcuni accertamenti su campioni di feci per evidenziare possibili batteri, avendo potuto contrarre un parassita del pesce.

Abbiamo leggermente paura. Possiamo aver contratto questi batteri?

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gia nel 2015 denunciava folori simili.
Non pensi all'anisakis dopo 6 giorni.
Faccia una visita gastroenterologica di controllo.
Può essere che lo stesso batterio causi a lei infiammazione del colon e a sua sorella una gastrite?
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta Dottore.

Il colon è, purtroppo, il mio organo obiettivo e di particolare sensibilità (precedente visita medico specialistica).

Dimenticavo di riferire che tra i miei familiari ci sono stati casi di influenza intestinale, ipotesi che, verosimilmente, secondo il medico di base, avrebbe colpito me e mia sorella, ma con due sintomatologie diverse.

La ringrazio.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Molto più probabile che l'anisakis!
Curi la sua ansia!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille dottore. A distanza, è (siete) comunque un conforto.

[#5] dopo  
Utente
Gentile Dottore,

oggi, i risultati dell'ecoaddome sono stati i seguenti. Le indico per intero il referto:

Sospetta intossicazione alimentare.

Fegato in sede a margini regolari, di dimensioni nella norma, ad ecostruttura omogenea, in assenza di lesioni
focali parenchimali in atto.
Vena porta di calibro e decorso regolari, espansibile con gli atti del respiro.
Vie biliari intra ed extra epatiche non dilatate.
Colecisti in sede, con pareti regolari, a contenuto alitiasico.
Regione cefalo-pancreatica nella norma morfovolumetrica, ad ecostruttura omogenea.
Wirsung non ectasico.
Milza nella norma morfovolumetrica, ad ecostruttura omogenea.
Reni in sede, nella norma morfovolumetrica, ad ecostruttura omogenea, in assenza di formazioni litiasiche e di ectasie calico-pieliche in atto.
Buona la differenziazione cortico-midollare.
Assenza di versamento nei recessi dell'addome superiore.
Vescica repleta, a pareti regolari, a contenuto omogeneo in assenza di formazioni aggettanti nel lume.
Prostata in sede, a capsula integra, a contorni regolari globosi, ad ecostruttura omogenea.
Vescicole seminali nonnoconformate.
Assenza di versamento nello spazio retto-vescicale.
Ileo riflesso spastico con ispessimento flogistico delle anse, aspecifico. Adenopatie multiple con segni di flogosi della radice mesenterica.

Secondo il medico, si tratterebbe di una intossicazione alimentare. Ma cosa significa tutto ciò?

Grazie mille.

[#6]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il collega che con la ecografia fa diagnosi di tossinfezione alimentare deve essere un mago......
Dall'ecografia si può evincere solo modesta infiammazione intestinale
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#7] dopo  
Utente
Appena rientrato dal Pronto Soccorso per forte dolore addominale, sedato con Spasmex. Il dolore che durante tutta la giornata non era forte si è ripresentato stasera sul tardi in maniera piuttosto severa.

Dovrò fare esami del sangue e delle feci per comprendere la presenza o meno di batteri e il gradi di infiammazione del colon (Gastroenterologo).

Intanto fermenti lattici (dicoflor plus) due volte al giorno + pantorc la mattina a digiuno e debridat, colazione, pranzo e cena.

Comincio a preoccuparmi. La patologia avrà decorso benigno?

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore,

dalle analisi del sangue è risultato la coloprotina fecale a 20 (valori <15 negativo; >15 positivo) ed è stato riscontrato l'Enterobacter aerogenes.

Il resto delle analisi, compreso l'Asca e Anca, sono negative, nel senso che nulla è riscontrabile.

Dunque, cosa dovrò fare adesso?

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
la calprotectina a 20 è trascurabile (il valore limite è 50).


Gli enterobacter sono normalmente presenti nell'intestino umano.
In soggetti immunodepressi possono divenire patogeni e si manifestano attraverso infezioni delle vie urinarie.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente
Non ho disturbi alle vie urinarie. Per la seconda possibilità non so che dirLe.

Grazie mille dottore

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
di nulla!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia