Utente 389XXX
Buongiorno gentili medici. È da circa un mese ormai che soffro di disturbi gastrici (bruciore gastrico e "in gola", reflusso acido dopo i pasti e dolore/fastidio epigastrico a digiuno che scompaiono di notte e senza altri sintomi quali nausee ecc). Alcuni giorni sono più presenti di altri ma ci sono sempre a fare da sottofondo. Premetto che la mia alimentazione non é errata soprattutto ultimamente (sto molto attenta a non assumere cibi grassi, fritti, acidi e irritanti in generale fatta eccezione per un po' di latte a colazione) e che soffro di colon irritabile (soprattutto meteorismo) e questi stessi disturbi mi si presentano di solito solo occasionalmente (non mi é mai capitato per un periodo così lungo) e risolvo di solito con una pastiglietta di Riopan presa al bisogno. Visto che non ho sortito effetti solo col Riopan stavolta, mi sono recata dal mio medico di base ieri pomeriggio che mi ha prescritto Lansoprazolo da 15mg una volta al giorno (alla mattina) e Riopan dopo pranzo e dopo cena per una settimana senza prescrivermi indagini specifiche o mandarmi da un gastroenterologo dicendomi che con questa terapia nel mio caso il disturbo sarebbe di sicuro passato (lui sembra aver dato la colpa all'ansia come fa praticamente per qualsiasi cosa ma io non sono una ragazza particolarmente ansiosa anche se tendo a somatizzare molto). Io so però che questi IPP dovrebbero essere assunti per molto più tempo e non solo per una settimana e che è bene sempre iniziare con la dose più alta (quindi per il lansoprazolo 30mg e non 15mg) per poi scalare man mano. È così? Voi che ne pensate? Stamattina ho preso la prima capsula. Fatemi sapere se a parer vostro dovrei chiedere di farmi prescrivere qualcosa di più specifico (es gastroscopia) oppure è sufficiente ciò che mi ha prescritto il mio medico di base. Buona giornata.

[#1]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
cara utente, la terapia può essere anche adeguata, sicuramente una settimana è poco per avere benefici , meglio proseguirla per 1 mese.
saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#2] dopo  
Utente 389XXX

Ottimo allora farò così perché in effetti avevo sentito dire che la terapia con gli IPP andrebbe fatta per tempi più prolungati. La ringrazio e le auguro una buona giornata, la terrò comunque aggiornata.

[#3] dopo  
Utente 389XXX

Salve dottore torno a scriverla perché vorrei un parere. Sto continuando ad assumere una capsula di Lansoprazolo alla mattina (oggi è il nono giorno che la prendo) e non presento più nessun sintomo tant'è che non sto più prendendo il riopan dopo i pasti e sto introducendo pian piano nell'alimentazione cibi che avevo escluso da un mese a questa parte. Ora il mio dubbio è, nonostante ciò lei mi consiglia di continuare la terapia con il lansoprazolo fino al mese oppure posso staccare prima(Il mio medico di base mi aveva detto di assumerlo solo per una settimana)? Non vorrei rischiare di avere una ricaduta se lo stacco prima visto che sono stata molto male e non vorrei essere di nuovo punto e a capo. La ringrazio anticipatamente.

[#4]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
buonasera, conviene che faccia comunque un mese di terapia propro per evitare recidive precoci.
saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#5] dopo  
Utente 389XXX

Capisco dottore la ringrazio. Faró il mese completo allora. Buona serata.

[#6] dopo  
Utente 389XXX

Salve dottore,riscrivo dopo piu di un anno perché mi sono ritornati gli stessi sintomi (bruciore di stomaco, dolore epigastrico e acidità gastrica). Il mio medico di base mi ha detto di rifare la stessa terapia dell'anno scorao col lansoprazolo da 15 mg una volta al giorno. Le ricordo che l'anno scorso avevo fatto la terapia per un mese come da lei consigliatomi e poi non ebbi piú nessun disturbo del genere per un anno se no qualche episodio occasionale che risolvevo col i solito riopan. Ora peró é da quasi 10 giorni che ne soffro nuovamente e ogni giorno. Il tutto pare sia stato scatenato da ansi, cibo e da ina bustina di oki che presi per il mal di testa (subito dopo mi inizió un'acidità fortissima). Ho iniziato di nuovo la terapia e stavolta senza aspettare inutilmente e oggi sono già 7 giorni che prendo ol lansoprazolo senza nessun giovamento. Lei per quanto mi consiglia di continuare? Anche stavolta per un mese? Ho proposto al mio medico nuovamente di fare una gastroscopia ma dice che é un esame troppo invasivo e che se ho disturbi una volta l'anno non é necessario e che puó capitare. Mi creda dottore é una sensazione terribile, sopeattutto quando avverto la sensazione continua di stomaco vuoto e sento i gorgoglii dovuri ai succhi gastrici in eccesso (penso). In ogni caso sto cercando di mangiare leggero evitando cibi irritanti ma domani sera ho una cena al ristorante e inizio seriamente a preoccuparmi. Cosa mi consiglia di fare? Sono molto ipocondriaca. Continuo la terapia e sto tranquilla o dovrei fare qualcos' altro? Mi dica lei. Buona serata.