Utente 395XXX
Alla cortese attenzione dei medici.
Sono un ragazzo gay che da anni ormai pratica abitualmente sesso anale passivo.
Non ho mai avuto inconvenienti o incidenti di percorso con feci, ma negli ultimi mesi mi è capitato spesso di sporcare il partner. E la cosa mi ha infastidito, rompendo l'eccitazione del momento.
Allora deciso a non ripetere l'accaduto ho provato in due occasioni a far precedere il rapporto con un lavaggio più accurato di quello manuale, fatto col tubo della doccia.
Nella prima occasione non ho calibrato molto l'acqua da immettere sicuramente. . . e a distanza di un'oretta dal lavaggio, mi sono trovato a dover scaricare improvvisamente un notevole getto di acqua simil diarrea. Dopo però sono stato bene, non avevo più tensione addominale e ho praticato attività sessuale normalmente.
Nella seconda occasione invece ho avuto la sensazione di non riuscire a svuotarmi nonostante il getto fosse stato meno potente, indirizzato e quantitativamente di minore entità. Non sono riuscito nemmeno a penetrarmi col tubo probabilmente..
Detto questo, pensavo fossero normali inconvenienti e pratica comune tra ragazzi gay ma leggendo su internet leggo invece che è una pratica alquanto rischiosa e sconsigliata da tutti i medici, anche fosse solo per poche occasioni..
Questo perché elimina la flora, urta meccanicamente la parte a rischio di lesioni e perforazioni, ustioni del colon, retrocele, emorroidi o ragadi!! ! ! Ora, appena letto questo mi sono IMPANICATO e ho il terrore di essermi procurato dei danni irrimediabili. A fronte di ciò quindi vorrei sapere prima di tutto cosa posso fare per assicurarmi di non essermi lesionato o aver inflitto alcun genere di questi danni. . e se è necessario fare visite o semplicemente il mio normale stato di salute intestinale attuale dovrebbe escludere l'eventualita di questi incidenti. E poi in alternativa, se c'è, cosa potrei usare per fare pulizia anale prima del sesso? È controindicato tutto o una peretta tipo con lo schizzetto Pic può essere tollerata?
Scusate l'imbarazzo e l'essere esplicito ma gli argomenti purtroppo non aiutano e comunque la preoccupazione per il mio stato di salute c'è.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Si tranquillizzi in quanto non si è procurato alcun danno, mentre in futuro può praticare delle perette. Ovviamente così facendo rischia di diventare stitico in quanto il suo colon si abituerà a svuotarsi solo dopo la peretta


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 395XXX

E se facessi una peretta soltanto una volta a settimana c'è comunque il rischio di stipsi?
Sarebbe poi una condizione irreversibile?

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Così corre meno rischi....
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it