Utente 449XXX
Buongiorno, ho 34 anni peso 72 kg sono altro 1, 86 NON fumatore e astemio.
Vita sedentaria (sono impiegato e non pratico sport)

Faccio un breve riepilogo:

Anno 2000: vengo ricoverato per transaminasi oltre i 750, riescono a farmele rientrare dopo 1 settimana di ospedale senza emettere una diagnosi precisa e parlando di probabile intossicazione alimentare o epatite A.

Anno 2014: dopo anni di transaminasi alte mi decido ad approfondire il discorso e mi reco dalla specialista gastroenterologa. Faccio gli esami del sangue relativi alla celiachia e gastroscopia, HLA DQ2 POSITIVO HLA DQ8 NEGATIVO e gastroscopia rileva un danno MARSH1. La gastroenterologa mi diagnostica quindi celiachia e seguo dieta senza glutine per 4 anni. Le transaminasi rientrano.

Anno 2018: innalzamento delle GAMMA GT che erano sempre state nella norma, arrivano a 180!! sento vari altri specialisti tra cui il DOTT. VILLANACI di Brescia e il Dott. VOLTA (telefonicamente e via email) tutti escludono sia celiachia, ho seguito la dieta per nulla. Il danno MARSH1 non è celiachia.

Vado da un'altra dottoressa che conferma appunto l'errata diagnosi e mi fà fare altri esami sospettando STEATOSI EPATICA NON ALCOLICA, confermata all'ecografia. Faccio anche il FIBROSCAN dove si evince che non sono presenti danni al fegato e assenza di fibrosi, nonostante la lunga storia di alterazione delle transaminasi.

Le mie domande a questo punto sono 4:

- cosa devo fare? posso vivere una vita normale priva di ansia che mi attanaglia ormai da anni, sono moltro ansioso e mi chiedo continuamente se questa problematica potrebbe facilitare l'insorgenza di patologie anche gravi al fegato (cirrosi o carcinomi o altro)? ?

- Le gamma GT nell'ultimo esame fatto erano quasi a 200. Sono un valore che desta preoccupazione?

- è consigliabile quindi smettere immediatamente la dieta senza glutine che sto cercando ancora di seguire dato che non me la sento di decidere io senza competenze mediche se posso tornare ad avere una alimentazione normale.

- Se non vi chiedo troppo quali esami del sangue mi consigliate di fare per periodicamente per tenere sotto controllo la situazione?


Grazie molte capisco che la situazione andrebbe analizzata in prima persona con dati alla mano da parte vostra ma dopo 5 anni sono davvero stanco di fare accertamenti esami e quant'altro senza venirne a capo di nulla.

Ps: correlazione con patologie nei parenti prossimi - Nonno paterno deceduto a 54 anni di tumore al fegato - Madre è stata operata al colon 2 anni fà per tumore benigno intervento riuscito e non necessaria chemio o radio, è stato preso per tempo nonostante le grosse dimensioni non era ancora degenerato. Papà grave sovrappeso (1, 85 h 120 Kg) infarto nel 2006.

grazie ancora e buona giornata

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non vedo motivi di allarme.

Provi a riassumere gradualmente il glutine


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 449XXX

Grazie Dottore, quindi il mio quadro è meno grave di quanto pensassi.

Consiglia però di tenere sotto controllo il fegato negli anni anche solo con ecografia o posso proprio dimenticarmi la cosa?

grazie ancora per la solerte risposta

[#3] dopo  
Utente 449XXX

Aggiungo inoltre che il glutine l'ho reintrodotto saltuariamente (nei weekend e in altri rari casi) gia' da un anno. Non ha comportato pero' cambiamenti nei valori degli esami del sangue.

Le gamma gt continuano ad essere alte.

[#4]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Proceda cosi ed ecografia annuale
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it