Utente cancellato
Cari dottori, ho eseguito una rm addome completo per gonfiore e dolore addominale, nausea e perdita di peso. Vi mostro di seguito il risultato della risonanza:
RM addome superiore ed inferiore con e senza mezzo di contrasto
L’esame odierno mostra fegato aumentato di volume (diametro longitudinale del lobo destro di circa 17 cm) e mostra segnale ed impregnazione contrastografica disomogenea; in particolare nelle porzioni periferiche del lobo destro e del segmento 4A si documenta una disomogenea iperintensità di segnale del parenchima nelle sequenze T2-pesate con aspetto a carta geografica, iperintensità prevalente negli spazi periportali e che disegna i lobuli epatici. A tali aree a carta geografica corrisponde una ridotta impregnazione in fase contrastografica portale che tende a riempirsi e divenire iperintensa in fase di equilibrio. I reperti descritti sono compatibili con una condizione di flogosi del parenchima epatico. Si conferma la presenza di una minuta cisti biliare al segmento epatico 4B. Non dilatate le vie biliari intra ed extra-epatiche. Colecisti normodistesa, con pareti di normale spessore, alitiasica, a contenuto liquido omogeneo. Nei limiti pancreas, milza, surreni e reni. Utero, ovaie e vescica nei limiti. Minima ectasia del plesso venoso periuterino (calibro max 6 mm) senza Franco quadro di varicocele pelvico. Esile falda di versamento peritoneale reattivo si raccoglie nello scavo pelvico tra le anse intestinali e nel cavo di douglas. Mi potreste spiegare cosa indica la risonanza, soprattutto cosa significa fegato con aree a carta geografica? Grazie in anticipo.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

24% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Il radiologo intende dire che il fegato è un po' aumentato di volume e il mezzo di contrasto si diffonde in maniera non omogenea ( a carta geografica ). Il motivo è la presenza di una infiammazione ( flogosi ), le cui cause verranno interpretate dal suo medico di famiglia, il quale conosce le sue abitudini.
Prof. alberto tittobello