Utente 575XXX
Buongiorno, da tempo soffro di vari disturbi quali gonfiore, flautulenza, rigurgito, reflusso, bruciore, stipsi alternata a diarrea.

Ho imparato nel tempo che molte cose non posso mangiarle e mi fanno più male di altre...tipo il lattosio che ho completamente eliminato...oltre al lattosio anche l'amido del riso mi causa diarrea e gonfiore.
Mentre non digerisco affatto tutto il cibo integrale e la lattuga iceberg.
In realtà e raro che dopo mangiato non abbiamo qualche sintomo.

Premetto che quando avevo solo 8 mesi sono stata ricoverata ben 3 mesi perchè perdevo peso a causa dell'intolleranza del latte, 10 anni fa circa ho curato ben 2 volte Helicobacter pylori, circa 12 anni fà ho tolto la colicisti per un polipo che aumentava di dimensione e dulcis in fundo molti casi di Tumore al pancreas e all'intestino hanno colpito la mia famiglia paterna.

Non ho mai capito bene, "nessuno mi hai mai fatto un quadro chiaro e preciso", cosa ho nel mio intestino e cosa potrei fare per non avere sempre il terrore di mangiare.

Ultima Gastroscopia del 11/12/2019 dice:

ESOFAGO: Regolare per calibro e decorso, mucosa iperemica a livelo del III distale.
Cardias in sede, incontinente.

STOMACO: di volume normale con pareti elastiche e normotoniche.
Lago di muco abbondante misto a bile.
Peristalsi valida.
la Mucosa gastrica appare diffusamente iperemica e congesta a livello del corpo e dell'antro.
Piloro Pervio.
DUODENO: Esplorato fino alla seconda porzione indenne.

CONCLUSIONI: Esofagite di Grado A sec.LOS ANGELES.
Incontinenza Cardiale.
Gastropatia da Reflusso BIliare.

TERAPIA: Lucen x 8-10 settimane - Biopan x 4 settimane - Gastropiù 4 settimane

NB: Fumo (10/14 sigarette al giorno) - Alcool (solo durante le occasioni - non esagerato)

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

24% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Sono d' accordo sulla terapia consigliatale per l' esofagite da reflusso, ma sembra di capire che lei ha anche problemi di digestione, nel senso di digestione lunga e laboriosa.. Se è così, avrebbe bisogno di aggiungere alla terapia uno di quei prodotti chiamati procinetici, per migliorare, appunto, la digestione. Ma questi glieli deve prescrivere il suo medico di famiglia.
Prof. alberto tittobello