Utente 575XXX
Buonasera,

Intanto premetto di essere leggermente ipocondriaco e di soffrire di colon irritabile ma in maniera lieve, al massimo ho una saltuaria corsa al bagno postprandiale, per il resto niente di che.
la settimana scorsa ho avuto una gastroenterite, con moltissime scariche diarroiche e di muco e dolori addominali, più leggera nausea, durata nella fase acuta 24-36 ore.
La situazione è andata via via rientrando senza però un vero rientro alla normalità.
Lunedì sono andato a fare gli analisi del sangue, risultati buoni (anche tutti i valori fegato e pancreas), a parte proteina c reattiva più alta della norma e i macrofagi più alti.
Interpellato il medico di base sui risultati dice essere il normale decorso di una gastroenterite virale acuta.

Ora però vi spiego cosa mi succede.
a ormai 4 giorni dalla fine della fase acuta ho ancora fastidi quando vado in bagno, nel senso che sento come uno sforzo enorme del mio colon, sudo, ho generale malessere che va da qualche minuto prima della defecazione a qualche minuto dopo.
è una sensazione strana che non ho mai provato prima.
Aggiungo che non sono ancora tornato ad andare solo 2 volte al bagno come mia abitudine, ma negli ultimi due giorni sono andato 3 volte.

Sto prendendo Normix perché il gastroenterologo me lo aveva suggerito per il colon irritabile, anche se mi rendo conto che per un virus è inutile, ma ormai finisco la settimana.
Ovviamente fino a fine normix non prendo fermenti lattici.

Il medico di base mi ha consigliato un paio di punture di cortisone per accelerare la fine dell'infiammazione al colon.


Vorrei un parere da voi Professionisti.
Sono sintomi ancora compatibili con i postumi di una brutta infezione?
Perché questo malessere nella fase precedente e successiva alla defecazione?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non serve ne la rifaximina ne il cortisone, ma solo dei probiotici e integratori con butirrato di sodio


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it