Utente 542XXX
Salve, chiedo per un parere sulla terapia e sulla diagnosi effettuatami.

Dopo un anno e mezzo con continui fastidì intestinali (meteorismo, alvo alterno, tenesmo) ho effettuato un’analisi della flora batterica intestinale.

Oltre alla disbiosi intestinale già sospettata (di tipo putrefattivo avendo bassi livelli di B12 e acido folic.
) è stata riscontrata una bassissima risposta immunomodulante e una predisposizione per malattie infiammatorie intestinali come risultato.

Il mio medico esclude totalmente la presenza di tali patologie dato risultati negativi colonscopia, PCR, VES e calprotectina fecale, classificando la mia condizione come IBS post-infettivo.


1.Mi è stata data una terapia immunomodulante di tre mesi a base di cicli di metronidazolo e lattobacilli.

Ritenete sia l’approccio corretto?


2.In più, posso tranquillizzarmi per quanto riguardo le IBD o esiste la possibilità che la mia condizione possa evolversi in futuro in qualcosa di più serio?

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Predisposizione alle malattie infiammatorie??
Sulla base di cosa??
Bassa risposta immunomodulante??
E come e perchè il metronidazolo dovrebbe "immunomodulare"??

Secondo me dovrebbe fare un breath test per la SIBO.
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 542XXX

Le cito il risultato del report sul microbiota intestinale:
In questo campione, la funzionalità del rapporto microbiota-ospite risulta parzialmente compromessa, come indicato dai valori relativi alla capacità immunomodulante, mucolitica, protettiva contro lo sviluppo di stati infiammatori e di produzione di acidi grassi a corta catena e lattato dell’ecosistema, che si allontanano dagli intervalli di riferimento calcolati sul dataset di volontari sani.
...
Il microbiota in esame presenta modificazioni ascrivibili da letteratura a stati di infiammazione e irritazione intestinale
..
Si nota una diminuzione della capacità immunomodulante e di protezione contro lo sviluppo delle malattie infiammatorie intestinali.

Già effettuato breath test al glucosio con esito negativo.

Il metronidazolo dovrebbe risistemare la flora batterica e riattivare la risposta immunitaria, non concorda?

Onestamente, cercando su internet (lo so, è sbagliato..) non ho trovato molte citazioni a questo tipo di impiego del farmaco.
Motivo per cui, ho pensato di chiedere un secondo parere.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Infatti non mi risulta che il metronidazolo immunomoduli.
Come non mi risulta che il test da lei eseguito riveli una predisposizione alle IBD.......
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 542XXX

Peró in ottica disbiosi e IBS post-infettiva ( tenendo in considerazione che ho già fatto una cura di tre mesi di rifaximina senza risultati) può avere senso tale terapia?

Domanda mossa dall’ansia: Posso stare tranquillo con i test effettuati? È possibile che una IBS post-infettiva regredisca nel tempo( o con una qualche terapia) o dovrò imparare a conviverci?

Mi scuso se le risultato molto ansioso ma a breve mi sposterò a Londra per motivi di studio e vorrei chiarire questa situazione.

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
IBS ed IBD non hanno alcuna relazione.
Una IBS, non guarisce ma si può tenere a bada.
La terapia può avere un senso nell'IBS ma non immunomodula e non preveiene una eventuale futura IBD che potrebbe insorgere indipendentemente dalla situazione attuale.

Magari si potesse prevedere e prevenire l'insorgenza di una IBD!!!!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente 542XXX

Vabbene dottore, cercherò di tranquillizzarmi.

La ringrazio per il consulto e le auguro buone feste.

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Altrettanto a lei!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia