Utente
Salve!

Mi era capitato la primavera dello scorso anno di avvertire, ogni tanto, un dolore epigastrico abbastanza forte, sporadico (una volta al mese o più), della durata di mezz'ora o al massimo un paio d'ore.


A volte questo dolore è solo epigastrico, a volte si irradia alla schiena o al petto.

Sono stato al pronto soccorso la scorsa primavera e hanno escluso cause cardiache e hanno detto che probabilmente era una gastrite.


Il medico di base mi ha fatto fare solo una ecografia completa dell'addome risultata negativa.


Ora era parecchi mesi, credo 5, che non avevo più questo problema, ma ieri sera, dopo una cena molto abbondante, dopo circa 4 ore dal pasto, ho iniziato ad avere dolore epigastrico che andava e veniva ed è passato da solo in circa 2 ore e mezza.


Aggiungo solo che soffro di reflusso gastroesofageo.


Quale potrebbe essere la causa di questi sintomi??


Grazie

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Il motivo lo conosce già, se soffre di reflusso. Dopo un pasto abbondante, il cibo rimane più a lungo nello stomaco e compare più facilmente il reflusso. Non ha mai fatto una gastroscopia ?
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Salve dottore!
No, non ho mai fatto una gastroscopia.
Io avverto il reflusso a periodi, non tutti i giorni. A volte si presenta come una sensazione di bruciore che sale lungo l'esofago, altre volte come bruciore di stomaco, altre volte ancora come una sensazione di bruciore che si irradia alla gola.

Noto che certi cibi favoriscono molto il reflusso.

È vero che nel periodo in cui, la primavera scorsa, sono comparsi la prima volta questi dolori e sono andato al pronto soccorso, avevo reflusso fortissimo praticamente ogni giorno, specie al pomeriggio.

Ci tengo però a sottolineare una cosa: quando mi capitano questi dolori come le ho descritto io non sento assolutamente il reflusso, non sento alcun bruciore, ma solo dolore, che non è fisso e costante ma varia di intensità di continuo (ho l'impressione che cambi di intensità anche cambiando posizione) fino a scomparire da solo. Il dolore a volte è lieve a volte forte e non vedo l'ora che passi.

Può essere davvero reflusso questo sintomo?? Non potrebbe essere un'ulcera o qualcosa di più serio?

Grazie!

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
In realtà lei accusa entrambi questi sintomi : dolori e bruciore. Entrambi fanno parte del reflusso. Ma credo che per lei non siano sufficienti le ipotesi ; nel suo caso sarebbe utile una diagnosi precisa ( per una successiva terapia precisa ), cosa che si può fare solo con una gastroscopia. La metta in programma
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Salve dottore!
Si, accuso entrambi questi sintomi, volevo solo precisare che non li accuso contemporaneamente...

Riparlerà con il medico di base e vedrò se mi farà fare questa gastroscopia, anche se se mi ha già detto che non la ritiene necessaria...

Ad ogni modo allora, secondo lei potrebbe essere qualcosa di serio e non un semplice reflusso?

Grazie ancora!

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, no. non penso ad altro.La gastroscopia permette di fare una diagnosi precisa, di vedere quanto la mucosa dell 'esofago è infiammata o no, di vedere come funziona lo sfintere che c' è tra esofago e stomaco ( cardias ), di vedere il colore della mucosa dello stomaco, di vedere se c ' è l ' Helicobacter e altre cose. Se non è necessaria, è molto utile.
Prof. alberto tittobello

[#6] dopo  
Utente
Ah ok! Allora vedrò di riparlarne con il mio medico...
La ringrazio tanto per i preziosi consigli!
Magari riscriverò qui, su questo consulto, per informarla come andrà a finire.

Cordiali saluti

[#7]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Certo, a presto. Convinca il suo medico.
Prof. alberto tittobello

[#8] dopo  
Utente
Salve dottore!
Dopo i suoi consigli mi sono recato subito dal medico di base e mi ha mandato a fare una visita gastroenterologica.
Sono già riuscito s farla. Il gastroenterologo ha detto, come lei, che ho dei sintomi classici del reflusso gastroesofageo, mi ha prescritto lansoprazolo da 30 mg da prendere due volte al giorno per 7 giorni, da ridurre poi a una pastiglia da 30 mg al giorno per le successive 3 settimane.

Ho provato a chiedergli se riteneva di farmi fare una gastroscopia e mi ha detto che non lo vede necessario...

Da una parte sono contento che non me l'abbia prescritta, solo per il fatto che è un esame che mi terrorizza... dall'altra però avrei voluto farla per essere più tranquillo...

Da quando ho posto la domanda e ci siamo scritti non ho più avuto quei dolori... a parte oggi pomeriggio che ho iniziato ad avvertire dolore epigastrico che andava e veniva...

Io ho paura soltanto che non sia reflusso, ma che sia altro... ammetto di essere ansioso e questo sintomo mi sta preoccupando... mi sembra impossibile che il reflusso possa dare dolore all'epigastrio!!

La mia dottoressa ha detto che il cambio di stagione favorisce la sintomatologia da reflusso...

Cosa ne pensa dottore?

Grazie!