Utente
Buonasera,
spero che qualcuno mi sappia aiutare nonostante il momento difficile per il medici italiani.


Sono un ragazzo 20enne e 2 anni circa fa ho iniziato a soffrire di tonsilliti ricorrenti, dopo visita da un otorino mi è stata consigliata tonsillectomia che però ho dovuto rimandare nel tempo essendomi trasferito all'estero per lavorare come assistente di volo.


Finalmente a settembre 2019 rimuovo le tonsille ma dall'operazione rimane un piccolo moncone tonsillare.


La gola mi si infiammava spesso anche dopo l'operazione ma non ho mai dovuto ricorrere ad antibiotici.


Per mesi sono andato avanti, probabilmente abusandone, a paracetamolo e ibuprofene (vivevo in Inghilterra dove sono scambiati per caramelle).


Tornato in Italia tutto ok, fino a fine gennaio quando il mal di gola inizia ad intensificarsi, inizio ad assumere OKI.


Contatto a distanza l'otorino che mi suggerisce di iniziare solita terapia di amoxicillina.

nota dalle foto infiammazione dei follicoli linfatici.


Dopo 5 la terapia non fa alcun effetto, trovo un altro collega otorino disposto a visitarmi che esegue laringoscopia e riconduce alla causa della faringite il reflusso gastroesofageo e tonsillite linguale.


Premetto che conduco uno stile di vita sano: non fumo, vado spesso in palestra e bevo qualche volta.


04/02/2020
Cura prescritta:
Broncomunal ciclo da 10gg X 3 mesi
Levofloaxcina 500mg 1cpX 5 gg
Esomeprazolo 40MG 20GG
Hepilor liquido 20 bustine prima di coricarsi
Bactoblis 1 cp X 90GG prima di coricarsi.


Norme antireflusso

Dopo 1 settimana la cura risultava inefficace, la cura a base di esomeprazolo è stata estesa ed ancora in atto ad oggi sotto suo consiglio.


Purtroppo in questo periodo mi è impossibile visitare un gastroenterologo per una eventuale gastroscopia.


Ieri ho ricontatto otorino è mi è stato consigliato anche levopraid prima dei pasti 25MG.


La gola continua ad essere super infiammata con i follicoli rosso fuoco, produco muco, ho anche spesso dolore alle orecchie.


E' ora 2 mesi che la situazione non è mai migliorata sostanzialmente.


Ho eseguito esame del sangue in data 10/03/2020 del ''sistema immunitario'' e tutti i valori sono nella norma tranne globulina alfa 2 lievemente alte.


Il tampone eseguito a inizio febbraio dava risultato nullo.


Sono davvero disperato, non ricordo come sia avere una gola sana e non vedo una cura valida.


Confido nel vostro aiuto.


Cordiali saluti
Buon lavoro!

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Non posso dare una parere sulla gola, ma posso dirle che in molti casi di reflusso la gola risulta molto infiammata e può essere difficile curarla.Per ora, insista con la cura antireflusso, a cui può aggiungere la sera un antiacido a base di alginato e bicarbonato. Appena potrà, una gastroscopia è consigliabile.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore, lei per caso svolge visite a Milano?
Cordiali saluti

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Mi, dispiace, non posso dirglielo.
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,
scusi per il disturbo.
Si potrebbe prendere in considerazione anche la presenza di Helicobacter Pylori ?
Sintomi: eruttazione, gonfiore, reflusso, feci scomposte e chiare.
Nel caso di risposta affermativa ,devo interrompere l'assunzione di esomeprazolo 40mg prima di effettuare test sulle feci o posso farlo subito dopo/durante il trattamento?
Cordiali saluti
Buon lavoro
Giulio Ferraro

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, non è necessario sospendere il farmaco
Prof. alberto tittobello

[#6] dopo  
Utente
Lei ritiene l'esame utile visto il quadro clinico?
Cordiali saluti

[#7]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
E' sempre opportuno cercare l' Helicobacter, ma non sempre questi batteri sono responsabili dei disturbi accusati,
Prof. alberto tittobello