Utente
Buonasera
vi faccio una domanda se potete aiutarmi.


Da un paio di mesi ho difficoltà di andare in bagno, ovvero quando vado
ho difficoltà a defecare e spesso lo faccio con molta fatica.

Da più di un mese soffro anche di reflusso esofageo cosa che ne ho sofferto
anche lo scorso anno proprio nel periodo del caldo.

Non so se le cose possono avere un legame, non ho idea.

Per informarvi soffro anche di prostatite da vari anni e sono molto ansioso.

Avendo problemi familiari in casa la cosa dell'ansia purtroppo è una costante.

Chi mi dice che può essere anche l'ansia a portare questo tipo di cose
ma per me è molto strano.


Sono anche una persona sportiva e faccio nuoto e corsa un paio di volte la settimana.

Ma questo probleme della difficoltà di andare in bagno mi da molto fastidio
lasciandomi spesso la pancia gonfia e indurita.


Al momento prendo del magnesio cloruro al mattino,
un prodotto a base di Serenoa Repens per la prostatite e Gaviscon Advance e Matricaria Delta
in gocce per il reflusso esofageo senza grossi risultati visto che il dolore di stomaco e acidità e nausea
sono spesso ancora presenti.
Prendo anche dei prodotti fitoterapici per l'ansia
Iperico e un complesso di Valeriana e Passiflora più volte al giorno.


Sto usando Psyllogel per aiutarmi ad andare in bagno da una settimana e devo dire
che funziona ma mi rimane sempre la pancia molto gonfia.

Anche il caffè a volte funziona ma con il reflusso non è la cosa migliore da prendere.

Lo scorso anno causa dolori allo stomaco mi feci fare una TAC con contrasto
dove niente fu trovato salvo un po di coliciste leggermente ispessita
ma mi hanno detto che non era niente da preoccuparsi.


Forse mi conviene farmi visitare da un gastroenterologo per chiedere consiglio di cosa fare.

Non posso andare avanti a prendere solo prodotti per andare in bagno dato che non ho mai avuto problemi di stipsi o quello che è
e capire le motivazioni reali, non so se avessi forse un po di emorroidi interne o qualcosa che possa ostruire anche la defecazione,
ma in realtà non sento dolore quando riesco ad andare in bagno.


Se qualcuno può darmi un gentile consiglio
per come posso comportarmi.

Grazie mille.


saluti.

[#1]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Quando c'è stitichezza è probabile che si possa associare sintomatologia da reflusso gastroesofageo poiché la stipsi induce un rallentato svuotamento gastrico.
Considerata la recente insorgenza dei sintomi,
è senz'altro importante che si sottoponga a visita specialistica gastroenterologica perché sia valutata l'opportunità di una indagine endoscopica.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dr Scuotto,
grazie mille per la risposta

si infatti immaginavo che il reflusso potesse portaree
situazioni di stipsi
lo scorso anno mi ha fatto simile ma non come adesso
che è molto più noioso

ho preso appuntamento da un Gastroenterologo della mia zona e la prossima settimana avrò la visita
e sentirò cosa mi consiglierà di fare

ho sentito dire che in casi di reflusso
consigliano di fare esami di gastroscopia o addirittura
colonscopia in certi casi e
ammetto che sono intimorito, ma se sarà necessario lo farò.

Grazie mille ancora,
magari aggiornerò questa mia cosa dopo fatta la visita.

Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Attendo l'aggiornamento, ma mi preme una precisazione: è la stipsi che può favorire il reflusso gastroesofageo, non il contrario. Quindi l'indagine prioritaria va condotta sul colon.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#4] dopo  
Utente
grazie ancora.
Appena ho la risposta le faccio sapere.

Un saluto.